Corso online di editing

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Corso online di scrittura creativa

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

“Non mi piace” su Facebook? “Conseguenze preoccupanti per gli utenti”

Non mi piace, FacebookIl tasto “non mi piace” su Facebook è uno degli argomenti più chiacchierati di sempre (anche perché in passato la funzione era stata introdotta da un virus): sono stati parecchi i rumor che volevano Mark Zuckerberg interessato a implementare il bottoncino, ma, almeno finora, tutto si è rivelato una bufala clamorosa. La situazione, però, potrebbe presto cambiare.

È recente, infatti, l’adozione da parte di Facebook di una nuova strategia: il team di Menlo Park vuole capire perché nascondiamo i post e farà il possibile per ottenere il numero maggiore di informazioni necessarie a una corretta analisi.

«Entro qualche mese – ha dichiarato al network tivù Abc Fidji Simo, membro della compagnia – sarà possibile dire, attraverso il social network, perché una determinata cosa piace o non piace».

Non ha fatto riferimento all’introduzione del tasto “non mi piace”, ma pare essere sempre più vicino – secondo gli esperti del settore – il momento in cui la compagnia interverrà in questo senso; non è detto, in realtà, visto che pure Bob Baldwin, uno degli sviluppatori di Facebook, aveva spiegato che forse il dislike non avrebbe avuto ragione di esistere:

«Le azioni su Facebook tendono a focalizzarsi su interazioni sociali positive. ‘Mi piace’ è il modo più leggero per esprimere un sentimento positivo. Non penso che aggiungendo un modo simile per esprimere un sentimento negativo possa essere di valore. Capisco che ci sono casi in cui può avere senso, come quando un amico sta avendo una giornata negativa […], ma un commento carino può fare molto di più».

Pure alcuni sociologi sono intervenuti sulla questione, spiegando che l’introduzione del pulsante non sarebbe una buona idea (anche perché, tra gli altri, potrebbe stimolare notevolmente il cyberbullismo):

«La gente – ha dichiarato Enrico Fizi a Lettera43 – è abituata a dire la sua senza riflettere e Facebook si è trasformato nel luogo dell’egocentrismo, una caratteristica che preso potrebbe affossarlo. Non è un caso che per la sociologia i post sul sito non abbiano più molta importanza per studiare gli umori della società. Al contrario di quanto accade per i tweet. […] Personalmente sono molto preoccupato dalle conseguenze che questa funzione potrebbe avere sulla gente [già preoccupata di suo per le ripercussioni in ambito lavorativo, ndr]».

Il tasto “non mi piace” sembra più inutile che preoccupante: gli utenti più deboli potrebbero essere influenzati dal numero di dislike nella pubblicazione di foto e post, fino a decidere di abbandonare la stessa piattaforma. Che Zuckerberg ci pensi bene, insomma: questo presunto nuovo tasto farebbe male più a lui che a noi.

[Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Issuu e Pinterest]

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (2 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.