In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Perché è importante leggere

Come leggere un libro

Niente e nessuno è ciò che sembra. “La donna che vedi” di Giovanni Pannacci

Niente e nessuno è ciò che sembra. “La donna che vedi” di Giovanni PannacciLa donna che vedi di Giovanni Pannacci (Fernandel, 2019) può essere letto come un tentativo di ricerca della propria identità, ma anche come un lungo percorso che conduce alla verità. Non la Verità Ultima, ma sicuramente quella su se stessi.

Protagonista del romanzo è Myriam Labate, una giovane e bellissima donna in carriera che sin dalle prime pagine del libro si scontra (e il lettore con lei) con due misteri: i continui blackout mentali che la colgono all’improvviso, catapultandola per pochi secondi in una quotidianità senza memoria, e l’inspiegabile licenziamento a cui il suo datore di lavoro e mentore l’ha obbligata pochi giorni prima di morire.

«Per tranquillizzarsi continuava a ripetersi che era solo una conseguenza dello stress: quegli episodi erano iniziati dopo che Winter, in punto di morte, le aveva comunicato che avrebbe dovuto lasciare l’azienda. L’aveva licenziata così, senza un motivo e senza aggiungere alcuna spiegazione. Da un giorno all’altro non era più la direttrice della Winter Beauty, non era più niente. Ma per lei quel lavoro non era solo un incarico prestigioso, col tempo era diventata la fonte a cui attingere tutto ciò che le era indispensabile per sentirsi viva. Quell’incarico era la sua identità e Winter lo sapeva bene, visto che era stato lui a costruirgliela.»

 

Vuoi conoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

 

Myriam è abituata a relazioni fugaci, all’uso costante ma sobrio di marijuana, a vestiti eleganti e a cene passate in solitudine nel giardino d’inverno della sua casa superlussuosa. È una donna che naviga nelle acque pericolose del mondo delle multinazionali, dominato dai maschi: l’unico ad averla capita è proprio il suo capo, quel Diktus Winter che ora, dopo morto, sembra averla tradita.

Niente e nessuno è ciò che sembra. “La donna che vedi” di Giovanni Pannacci

Ma ovviamente non è così. A mano a mano che la narrazione procede, in una prosa limpida e lineare, i misteri e le rivelazioni si moltiplicano, creando una trama da cui riverbera la suggestione del Tempo fuori di sesto, di Philip K. Dick, dal quale un po’ di anni fa Hollywood prese spunto per il più popolare Truman Show.

In questo La donna che vedi, secondo romanzo che Giovanni Pannacci pubblica con Fernandel, niente è ciò che sembra e nessuno o quasi è davvero chi dice di essere. Said, lo spacciatore che vive in una sorta di falansterio chiamato Ferriera e che intreccia con Myriam una relazione sentimentale fuori dagli schemi e dai pregiudizi, non è in realtà né un vero spacciatore né il maghrebino che il suo aspetto e il suo nome sembrano indicare. E anche il dottor Winter, la cui presenza/assenza accompagnerà Myriam e il lettore fino all’ultima pagina, non è esattamente il capitano d’industria che tutti s’erano figurati, ma qualcosa di più e di diverso, una via di mezzo fra un iniziato e un filosofo dilettante che ha letto troppo Schopenhauer.

«Prima di scomparire, Winter aveva disseminato il percorso di segni e avvisaglie e poi, come tutti i grandi maestri, s’era fatto invisibile, Myriam aveva imboccato la strada, il caso e l’istinto avevano fatto il resto, ma ora sapeva con certezza di essere diventata ciò che da sempre era destinata a essere.»

Niente e nessuno è ciò che sembra. “La donna che vedi” di Giovanni Pannacci

In un meccanismo narrativo fin troppo “oliato”, che in alcuni punti lascia intravvedere gli ingranaggi e a volte fa affidamento a soluzioni eccessivamente romanzesche, la stessa Myriam ritroverà e mostrerà la sua vera identità, non solo e non tanto agli altri personaggi del libro ma soprattutto a se stessa. Non serviranno notti alcoliche o sbandamenti sessuali, né eccesso di stupefacenti o di pillole magiche dai nomi orientali, a far riemergere da un oscuro passato la verità: ciò che davvero consentirà a Myriam di ritrovare il proprio io e riprendere in mano finalmente la sua vita sarà proprio il suo allontanarsi dal regime di vita con cui si era identificata per sfuggire ai suoi lontani ma traumatici anni giovanili. Saranno i compagni occasionali ma non casuali di questa sua avventura (Said e Winter prima di tutti), che le consentiranno di combattere e sconfiggere i fantasmi del passato e i nemici del presente.

«La verità era sempre stata lì, nascosta sotto la colpa e la vergogna, come un oggetto dimenticato in una casa abbandonata in fretta, una sedia zoppa, un cappello raggrinzito che nessuno verrà più a reclamare, eppure di fondamentale importanza in un altro tempo, in un altro luogo, in un’altra vita.»

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Nei quarantaquattro brevi capitoli della Donna che vedi, per un totale di circa centosessanta pagine, Giovanni Pannacci ci consegna una storia d’intrecci e colpi di scena, di nomi parlanti nascosti (il Lotto 49 che omaggia Pynchon, ad esempio) e di personaggi forse a tratti stereotipati ma non per questo poco riusciti. Una storia che diverte e fa riflettere: come le storie oneste, e scritte bene, solitamente sanno fare.


Per la prima foto, copyright: Jens Lindner su Unsplash.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.