Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

14 scrittori famosi e le loro ultime parole

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Nella vita di un trentenne disoccupato. Intervista ad Alessio Forgione

Nella vita di un trentenne disoccupato. Intervista ad Alessio ForgioneSiamo a Napoli, di sera, ma anche di mattino, qualche volta, e di notte, il più delle volte. Spesso nemmeno in mezzo a una via, ma dentro i sentimenti, i pensieri, le sensazioni, le paure, i tormenti, le domande e le risposte di Amoresano, un trentenne disoccupato sebbene non gli manchino studi universitari, un lavoro – e relativa carriera e capacità di parlare più di una lingua straniera – e anche la voglia di cercare un nuovo impiego.

Nella sua essenza, Napoli mon amour di Alessio Forgione, edito da NN Edizioni, è un romanzo di formazione, un viaggio dentro se stessi guidati da alcune guide, come l’amico, Russo, o la ragazza, Lola, per iniziare.

In occasione dell’uscita di Napoli mon amour, Alessio Forgione racconta qualche dettaglio che si cela dietro la nascita del romanzo.

 

Com’è nata l’idea del romanzo?

In maniera fortuita. Letteralmente, mi è venuta una mattina, a letto, appena sveglio. Mi sono riaddormentato e quando mi sono risvegliato non ricordavo di averla avuta. A pranzo, sedutomi a tavola, è tornata a galla e quindi, a quel punto, me la sono scritta da qualche parte.

 

Desideri migliorare il tuo inedito? Scegli il nostro servizio di Editing

 

Nonostante le due lauree, l’essere poliglotta, l’avere maturato esperienza lavorativa all’estero, Amoresano, il protagonista trentenne, non riesce a trovare il suo spazio a Napoli, ovvero un lavoro, una certa normalità, se vogliamo. Perché?

Cause esterne: il mondo in cui è inserito, non proprio propenso a fargli posto. Cause interne: la costante ricerca di qualcosa che non ha nome; la voglia e l’esigenza di non accontentarsi, ma di provare a fare qualcosa di reale; la necessità, intima, di non sminuirsi.

Nella vita di un trentenne disoccupato. Intervista ad Alessio Forgione

A tratti, Amoresano sembra un’anima strappata a un altro mondo, non ci sta bene là dov’è, almeno finché nella sua esistenza non appare una ragazza. Cosa rappresenta per il protagonista questo incontro casuale, inatteso e, in un certo qual modo, nemmeno ricercato?

Credo gli sia sembrato un inno alla vita, forte e vivace e bello, che poi, giorno dopo giorno, si è trasformato in un requiem triste, doloroso e severo. D’altronde, l’amore è così: esalta quando nasce e poi, a volte, tira giù.

 

I rapporti moderni appaiono fallaci agli occhi di Amoresano, ovvero non possono funzionare. Secondo lei, l’amore, la coppia, in che misura si fonda sul sacrificio?

Soprattutto in un mondo come quello attuale, dove milioni di esperienze, più o meno utili, più o meno edificanti, più o meno semplici d’attuare, sono a portata di mano di quasi tutti, credo che lo stare insieme implichi una rinuncia, una riduzione del proprio orizzonte personale che si trasforma in due orizzonti un po’ più piccoli di quanto potrebbero essere se fossero assolutamente individuali e solitari ma che sono due anziché uno e quindi, complessivamente, più grandi e più ricchi. E forse sarà pure un sacrificio, ma credo che non dovrebbe essere vissuto come tale. Più che una rinuncia è una scommessa, credo.

Nella vita di un trentenne disoccupato. Intervista ad Alessio Forgione

Serve coraggio sia per partire sia per tornare, coglie stralci di dialogo il protagonista a un certo punto. A lui, però, ad Amoresano, cosa manca per spezzare le catene dell’inerzia?

L’imbarazzo, mi sembra. L’imbarazzo conseguente al sentirsi speciale ma non abbastanza, di non sentirsi incluso, di sentirsi rifiutato, di sentirsi martellato dagli eventi, di far parte di una realtà ch’è, quanto lui, se non più di lui, immobile.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

«Lo stare assieme è soprattutto il raccontarsi i momenti in cui non si è stati insieme». Può commentare questo pensiero del protagonista?

Le persone che stanno assieme sono costrette a passare tanto tempo distanti, spesso più di quanto ne passino assieme. Forse intendeva questo.


Leggi tutte le nostre interviste a scrittori e scrittrici.

Per la prima foto, copyright: Ammar Rizwan.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.