Perché scrivere? Le ragioni di George Orwell

Intervista ad Andrea Tomat, Presidente del Comitato di Gestione

Continua a scendere il numero dei lettori – Dati Istat aggiornati

Hai perso la voglia di leggere? 7 modi per farla tornare

Nella mente di un’adolescente autistica. “A bocca chiusa non si vedono i pensieri” di Benjamin Ludwig

Nella mente di un’adolescente autistica. “A bocca chiusa non si vedono i pensieri” di Benjamin LudwigA bocca chiusa non si vedono i pensieri è un romanzo scritto da Benjamin Ludwig ed edito da HarperCollins nella traduzione di Claudia Lionetti, nel quale la narrazione parte da uno spunto autobiografico, che ha caratterizzato l’esistenza dell’autore e la sua decisione di adottare una bambina.

Ginny, la protagonista di questo libro è una ragazza speciale, affetta da autismo, che partecipa ai Giochi Speciali e frequenta le lezioni per bambini speciali. Apparentemente ci verrebbe da pensare che lei sia un’adolescente diversa dalle altre; in realtà, leggendo il romanzo ci accorgiamo che non è così. Lei viene seguita da professionisti, perché ciò che ha vissuto l’ha segnata per sempre, ma fondamentalmente rimane una piccola donna disposta a tutto, disposta a progettare e a mutare, pur di salvare ciò che ama.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

La storia si apre con una bambola elettronica, della quale Ginny dovrà prendersi cura. Un giocattolo non può sostituire una persona e lei questo lo sa bene, lo sa perché si è impegnata con dedizione ad accudire la sua Bambolina quando viveva ancora nell’appartamento di Gloria e sa che determinati atteggiamenti sono sbagliati sia nei confronti degli umani sia nei confronti di esseri non animati. Come ci si sente dopo essere passati da una casa a un’altra? Da una famiglia a un’altra? Il personaggio principale e il suo cervello sanno raccontarcelo, in un corso degli eventi che ci lascerà col fiato sospeso. Non è semplice affrontare la vita e non lo è affatto quando si soffre di autismo e di disabilità dello sviluppo. Bisogna trovare qualcosa a cui aggrapparsi, un obiettivo da inseguire, che può essere il ritrovamento di una Bambolina. Ginny deve riavere a tutti i costi il suo oggetto del desiderio perché, insieme alla trapuntina, rappresenta il punto dal quale è iniziato il Per Sempre. Cos’è il Per Sempre? È il periodo durante il quale è stata sottratta alla sua madre biologica e data in affidamento a differenti nuclei familiari. È il periodo che lei vorrebbe cancellare, per tornare ad avere nove anni e giocare con la sua Bambolina.

 

LEGGI ANCHE – 16 libri sull’autismo per conoscerlo più da vicino

 

Come fronteggiare un’adolescente simile? La missione non è facile perché lei, inseguendo il mito di Michael Jackson, sta crescendo e sta trasformandosi. È diventata una ragazza, con tanto di crisi esistenziali, sospesa in una sorta di terra di mezzo. Non saprà più identificare la sua persona, non riuscirà a trovare il suo posto nel mondo, diventerà ( -Ginny), affermando: «Non sono più Ginny LeBlanc e non so come essere Ginny Moon».

Nella mente di un’adolescente autistica. “A bocca chiusa non si vedono i pensieri” di Benjamin Ludwig

Una storia esposta dalla voce della protagonista, narrata dal suo punto di vista, come se fosse un diario, all’interno del quale gli avvenimenti vengono ben scanditi. «Chissà se date e numeri mi piacciono tanto perché quando sono nel profondo del mio cervello mi aiutano a ricordare dove mi trovo veramente».

Il suo cervello ha una funzione del tutto particolare, per tale ragione lei spesso ne esce, lasciando il suo flusso di pensieri che le impedisce di accorgersi di quello che succede intorno; da qui il titolo A bocca chiusa non si vedono i pensieri perché basta chiudere bene la bocca, per far sì che i suoi interlocutori non scoprano mai ciò che ha in mente.

 

LEGGI ANCHE – Raccontare l’autismo con ironia. “La morbidezza degli spigoli” di Keith Stuart

 

Quello che maggiormente colpisce di queste pagine è la semplicità con la quale vengono trattati temi così complessi come l’autismo e l’adozione. Non è agevole comprendere di avere dei genitori biologici e, nello stesso tempo, sapere di dover rimanere con la mamma Per Sempre e con il papà Per Sempre.

Non è naturale comprendere le ingiustizie della vita, che non concede a una bambina di avere il minimo indispensabile e concede ad altri lussi superflui.

Nella mente di un’adolescente autistica. “A bocca chiusa non si vedono i pensieri” di Benjamin Ludwig

LEGGI ANCHE – Cosa vuol dire convivere con l’autismo? La storia di Pier Carlo

 

La mente di Ginny ragiona con i numeri e con il suo inseparabile orologio, ma ci sono delle priorità alle quali neanche lei potrà sottrarsi: «Occuparmi della mia Bambolina è superiore a qualsiasi cosa. Persino della matematica».

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Un romanzo che narra di sentimenti, che descrive l’amore e le sue mille sfaccettature, che fa riflettere sul modo in cui conduciamo il nostro arco vitale e fa comprendere che la vita, guardata con gli occhi di un bambino, può essere sempre migliore.



Per la prima foto, copyright: Michal Parzuchowski.

Il tuo voto: Nessuno Media: 3.5 (2 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.