14 scrittori famosi e le loro ultime parole

Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Musica per lettori camaleonti – I

Musica per lettori camaleonti – IPartiamo da una domanda: che cosa ascoltate quando leggete un libro? Il silenzio? Può essere una scelta saggia se vi state per confrontare con i primi capitoli di Anna Karenina, almeno per familiarizzare con la pletora di cognomi che Tolstoj sembra amare così visceralmente e che a un pubblico non russofilo potrebbero apparire tutti uguali. Ma per arrivare ancora vivi e soprattutto con piacere soddisfatti alla fine della storia, dovreste ascoltare Snowflake di Kate Bush, mentre Anna osserva la neve che cade fuori dal finestrino che la allontana dal suo amore. È di questo che parleremo nella rubrica, del ritmo, del testo e della musica che ad esso meglio si adatta e meglio vi permetterà di assorbirne gli strati. Pensate a un romanzo come a un millefoglie, le parole sono lo zucchero a velo, quello che lecchiamo compiaciuti alla nostra prima lettura, quello che ci costringe a correre subito all’ultimo strato per scoprirne la reale fragranza. Ma in mezzo c’è un mondo di sensazioni che costruiscono il ritmo del racconto. Molte volte non abbiamo il tempo o la voglia di ascoltarlo e perdiamo qualcosa di importante. Allora perché non farci aiutare da un ritmo musicale adatto ad assaporare al meglio il lavoro che l’autore di turno ha faticosamente costruito? Pronti a provare? Bene, allora iniziamo.

Coral Glynn eSomeone to watch over me.

Ve la ricordate la canzone del duo Ira e George Gershwin, sì, quella cantata da Frank Sinatra e da Ella Fitzgerald (a quest’ultima versione del 1950 mi riferisco espressamente) che a me fa subito pensare al dopoguerra, a una sottile striscia di anni conficcata fra la fine dei ’40 e l’inizio dei ’50, a quelle case americane tutte legno scuro dentro e candide fuori, con le colonne doriche e il grande patio, le immense librerie, i grandi scaloni con alle pareti paesaggi tardo Ottocento, intrappolati in cornici barocche, una decina di living, drawing e parlour sparsi al piano terra, con colori alle pareti che pian piano stavano passando dal damascato rigoroso al pastello speranzoso, colori che si potevano solo immaginare in un film in bianco e nero di cui certamente Someone to watch over me sarebbe stata inserita nella colonna sonora. Penso a Katharine Hepburn e Spencer Tracy, a James Stewart e a Henry Fonda, a uomini che d’improvviso lasciavano l’uniforme marrone per gli smoking e a quelli che alla loro uniforme rimanevano legati, avvinti a un tempo orribile eppure l’unico in cui forse erano riusciti a costruirsi un ruolo in cui credere, in cui smettere finalmente di pensare. Ecco, è questo l’inatteso palcoscenico su cui Peter Cameron ci fa planare con il suo ultimo romanzo Coral Glynn (Adelphi, aprile 2012), uscito in Italia nella traduzione di Giuseppina Oneto in contemporanea con la prima uscita in lingua originale negli Stati Uniti. Il romanzo ci porta nella primavera del 1950 in Inghilterra, nel giardino di una villa, villa Hart per l’esattezza, dimora del serio e silenzioso maggiore Clement Hart, di una madre morente di cui intuiamo un carattere non proprio debole, di una governante gelosa e conservatrice, Mrs. Prence, e, per poco, anche di Coral Glynn, ennesima infermiera chiamata a badare alle ultime necessità della madre del maggiore, poi del maggiore stesso e in un certo qual modo dell’intera comunità che in questo romanzo trova ospitalità. Sarà Coral ad infastidirli, incuriosirli, indispettirli e ingelosirli. Ci sistemeremo allora su uno dei divani di villa Hart per goderci lo spettacolo, con davanti un buon tè al latte e gli immancabili microsandwich al cetriolo e, perché no, se il nostro stomaco vi farà fronte, una delle “deliziose” paste al ribes che Mrs. Prence prepara e offre all’ispettore di polizia arrivato a villa Hart per indagare su un omicidio. Ma non lasciamoci ingannare dall’impianto da British crime che Cameron ci offre, impreziosito qua e là da alcuni virtuosismi tipici della coppia cinematografica Merchant-Ivory da Quel che resta del giorno in avanti, lasciando, di certo turbati e atterriti, gli estimatori del Peter Cameron di Un giorno questo dolore ti sarà utile (2007). Non siamo in un film in bianco e nero della Hollywood degli anni dorati, né in un romanzo di AgathaChristie, sebbene alcuni personaggi non possano che farci pensare ai film, più che ai libri, che si sono ispirati al lavoro della scrittrice britannica. Il tema centrale del romanzo non è certo l’omicidio, questo è solo un pretesto, una casualità fra le tante intorno a cui si attorciglia il testo e che servirà solo a far confrontare il lettore con uno dei temi cari a Cameron: la potenza del non detto rispetto al dichiarato, gli errori, le delusioni, il dolore che questo comporta, che a Coral “un giorno sarà utile”, permettendole di scoprire una se stessa molto più forte e lontana da quello che aveva sperato. Per gli altri personaggi è tutta un’altra storia, ma non sarò certo io a svelarvela. A questo penserà Cameron se vi farete tentare dal suo libro, tentazione che incoraggio. Lo stile è pulito e seducente, con difficoltà vi incastrerete su un passaggio non necessario al procedere della storia o su un aggettivo o un avverbio di troppo. I personaggi si fronteggeranno con coraggio e una certa arguzia, ma arrivando a pagina 212 (e con essa alla fine della storia) potreste trovarvi a chiedervi il perché di questa scelta, il perché di questa storia e soprattutto cosa vi porterete a casa in più rispetto ai precedenti romanzi di Cameron. Probabilmente è colpa sua o vostra, se avete letto e vissuto Un giorno questo dolore ti sarà utile con troppa intensità come ho fatto io. Le aspettative, si sa, non fanno che crescere, almeno in letteratura.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (16 voti)
Tag:

Commenti

Articolo di grande spessore culturale,complimenti all'autore e a "sulromanzo".

Bella, bella, bella l'idea! A quanti libri ora mi metto a pensare cercando la musica giusta per gustarli.
Aspetterò il secondo numero con curiosità!
Luca

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.