Perché è importante leggere

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come leggere un libro

“Musica distante” di Emanuele Trevi

Emanuele Trevi, Musica distanteEdito per la prima volta da Mondadori nel 1997, il saggio del critico e scrittore Emanuele Trevi, Musica distante. Meditazioni sulle virtù, è stato recentemente ristampato da Ponte alle Grazie.

«Può la grande letteratura aiutarci a vedere l’invisibile?», recita il sottotitolo e queste pagine, da sorseggiare delicatamente come una pozione magica, sono un tesoro - spiega bene Trevi nella Prefazione alla nuova edizione - «una specie di museo privato, un catalogo di illuminazioni, la mappa di un paese impossibile, dove le forme del paesaggio sono decise dai passi di chi cammina». Pagine straordinarie di letteratura che il lettore rileggerà con altri occhi o scoprirà con stupore per la prima volta. L’indice del libro riprende il sistema delle virtù del mondo cristiano, teologali (fede, speranza, carità) e cardinali (prudenza, giustizia, fortezza e temperanza), il cui declino semantico le ha private del loro significato originario, che Trevi illumina con grande sapienza e con prosa raffinata e matura.

Il modello è costituito dalle Lezioni americane di Italo Calvino, con il loro dedalo di citazioni e rimandi: «si tratta di incamminarsi in quella terra di nessuno […] nella quale il desiderio della bellezza e l’esigenza della giustizia inducono a ridefinire senza tregua i confini dell’identità […]. È a lettori incamminati in questa stessa direzione, e solo a loro, che questo libro si augura di finire in mano, strada facendo».

La prima ad essere celebrata è la Fede, la virtù del vedere e del non vedere. Amore e Psiche, protagonisti della celebre favola raccontata nell’Asino d’oro di Apuleio sono per Trevi strumento prezioso per cogliere il più profondo significato della fede. Psiche tradisce la promessa fatta al suo sposo – celebre la profezia di Amore «non videbis, si videris» – e, spinta dalla curiositas ma anche dall’inganno delle sue sorelle, scopre il volto dell’amato, sottraendosi, così, alla condizione fondamentale della fede: «la paziente accettazione di un ordine della realtà sottratto alla verifica dell’esperienza».

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: EditorialiWeb ed Eventi.

Seguiteci su FacebookTwitterGoogle+Issuu e Pinterest]

Emanuele TreviAlla Speranza sono legate le parole che Giacomo Leopardi utilizzò nel 1825 per tradurre il Manuale di Epitteto, ma anche tutte le storie legate alla navigazione, pensiamo ad Achab in Moby Dick di Melville o al capitano di Conrad nella Linea d’ombra. Carità è quella che mostra il medico di Kafka nel racconto Un medico di campagna e san Giuliano l’Ospitaliere nella Leggenda omonima di Flaubert: non tanto la capacità di guarire, ma quella di tornare indietro, di fermarsi, con lo stesso sguardo con cui San Martino dona il mantello a un povero nell’affresco di Simone Martini.

La prima delle Virtù cardinali è la Prudenza, per antonomasia rappresentata da Bartleby lo scrivano di Melville e dal suo celebre diniego (I would prefer not to) in nome della tranquillità quotidiana, mentre il simbolo più potente del concetto di Giustizia sono le pagine de I morti di James Joyce, all’interno di Gente di Dublino. Nel racconto di Joyce la signora Gretta ascolta casualmente una musica e si ferma, è la stessa ballata che le cantava un suo vecchio fidanzato, morto forse per lei, e non può non ricordare, producendo il miracolo: «consegnata alla giustizia della lingua, la memoria del bene che fu diventa l’alimento prezioso della vita smemorata, del tempo che scorre».

Allegoria della Fortezza e della Temperanza sono lo sprone e il freno, come spiega Dante nel Convivio e come due quadri di Botticelli, “Pallade doma il Centauro” e “La fortezza” ben raffigurano. Ma le parole che più commuovono sono quelle della giovane ebrea Etty Hillesum, coraggiose nella loro normalità, come leggiamo nei Diari, pubblicati in Italia da Adelphi nel 1985: indimenticabile la descrizione del lager di Westerbork: «Quella baracca talvolta al chiaro di luna, fatta d’argento e d’eternità: come un giocattolino sfuggito alla mano distratta di Dio». 

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (2 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.