Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

14 scrittori famosi e le loro ultime parole

Moby Dick nella personale interpretazione di Orson Welles

Moby Dick nella personale interpretazione di Orson WellesMoby Dick. Prove per un dramma in due atti (Italo Svevo, 2018 – traduzione di Marco Rossari) è la nuova chicca letteraria che appare nella "Piccola biblioteca di letteratura inutile", la pregevole collana editoriale diretta da Giovanni Nucci con cui nel 2016 è rinato lo storico marchio Italo Svevo: una serie di volumi di piccolo formato, molto curati e stampati su carta pregiata, per far conoscere ai lettori testi letterari, ma non strettamente narrativi, di autori italiani e stranieri.

In questo caso ci troviamo di fronte a un copione teatrale che Orson Welles scrisse ispirandosi al celebre romanzo di Herman Melville, da cui era da sempre affascinato e, forse, anche in parte ossessionato. Dopo aver messo in scena nel 1955 uno spettacolo basato su questo copione oggi ristampato, girò infatti anche un film, rimasto però incompiuto e poi andato perduto. E non si può dimenticare la sua partecipazione come attore (nel ruolo del predicatore padre Mapple) alla celebre versione cinematografica diretta nel 1956 dal grande regista John Huston, in cui Gregory Peck impersonava il capitano Ahab.

 

Desideri migliorare il tuo inedito? Scegli il nostro servizio di Editing

 

In Moby dick. Prove per un dramma in due atti Welles racconta le vicende di una compagnia teatrale londinese che, sullo stesso palcoscenico dove ogni sera mette in scena il Re Lear di Shakespeare, deve impegnarsi durante le ore pomeridiane a provare una riduzione teatrale del celebre romanzo di Melville.

Gli attori accolgono perplessi questo nuovo lavoro. Alcuni, francamente disorientati, si chiedono come sia possibile riuscire a fornire agli spettatori l'idea di una balena, di una grande nave, di una tempesta marina nello spazio ristretto di un palcoscenico teatrale, ma poi cedono agli ordini dell'impresario, che ha deciso di tenere per sè il ruolo del capitano Ahab, e non importa se i personaggi a cui dare voce sono in numero superiore agli attori disponibili: ognuno di loro ne impersonerà più di uno.

Moby Dick nella personale interpretazione di Orson Welles

Attraverso l'intervento di Orson Welles la prosa già intensa di Melville assume ritmi poetici, da tragedia shakespeariana, mentre sotto i nostri occhi un palcoscenico vuoto diventa davvero l'oceano e gli attori in abito borghese si trasformano in marinai ottocenteschi, affacendati nelle manovre necessarie a governare la baleniera Peqod.

La balena Moby Dick, pur non comparendo mai, domina con la sua presenza ossessiva i discorsi sempre più allucinati dell'impresario-Ahab, tratteggiando una grandiosa e continua inversione dei ruoli: diventa assai difficile stabilire chi sia il cacciatore e chi la preda in questo interminabile duello tra l'inafferabile cetaceo e l'invasato capitano.

Moby Dick nella personale interpretazione di Orson Welles

Moby Dick. Prove per un dramma in due atti è un documento interessante per scoprire la personalissima visione teatrale di Orson Welles, senza dubbio uno dei registi più originali del ventesimo secolo, ed è un vero peccato che non sia giunta fino a noi la versione cinematografica di un lavoro così particolare, in cui si può cogliere anche qualche tratto pirandelliano. Lo spaesamento iniziale degli attori, che vagano incerti e smarriti sul palcoscenico vuoto, fa pensare ai Sei personaggi in cerca d'autore e, più in generale, a tutte quelle opere che giocano sul contrasto tra realtà e finzione scenica, che è stato uno dei grandi temi della drammaturgia novecentesca.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

La scelta di Italo Svevo di pubblicare questo piccolo testo rimasto nell'ombra per decenni si rivela quindi molto felice: sia i cultori del grande romanzo di Melville, sia gli estimatori del talento eclettico di Orson Welles e della sua vasta produzione artistica, cinematografica e teatrale apprezzeranno di sicuro Moby Dick. Prove per un dramma in due atti.


Per la prima foto, copyright: Peter Lewicki su Unsplash.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4 (4 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.