Come leggere un libro

Perché è importante leggere

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Mercato del libro in Italia 2015: dati Nielsen

Mercato del libro in Italia 2015: dati NielsenSul mercato del libro in Italia 2015 i dati Nielsen presentano un’immagine in chiaroscuro. L'indagine, presentata dall'Associazione italiana editori all'ultimo Salone del libro di Torino, sembra lasciare intravvedere un barlume di speranza in un mercato che comunque subisce ancora una volta un calo, scendendo del 3% rispetto all'anno precedente.

I dati Nielsen Bookscan, raccolti in oltre 35mila punti vendita distribuiti in tutto il mondo (Amazon esclusa), riportano che gli unici mercati dove le vendite dei libri sono in crescita sono la Cina (con un +10,2%), il Brasile (+9,6%) e gli Stati Uniti (+3,5%). Male, su questo lato, l'Italia, che registra un -3,0% come l'India, giusto un poco meglio della Spagna (-4%).

Nello specifico, il mercato del libro italiano registra l'ennesimo calo. Il 2014 infatti si è chiuso come i due anni precedenti, se non peggio, proseguendo un trend negativo che dura ormai da troppo tempo, complice anche il cattivo rapporto che gli italiani hanno con la lettura. Il mercato è sceso sia per volume di vendita (-6,5%, poco meno di 93 milioni di libri venduti contro gli oltre 99 milioni del 2013) che per valore (-3,8%, con un incasso di 1,19 miliardi di euro, contro l'1,24 miliardi dell'anno precedente). Poche le differenze tra hardcover e paperback, sebbene i primi abbiano subito una flessione minore.

Anche il trend Ytd (che confronta i periodi da inizio anno alla data attuale degli ultimi 3 anni) è da lacrime amare, con un -4,0% a volume per il 2015 rispetto allo stesso periodo del 2014, e un -2,6% a valore nello stesso periodo. In un confronto settimana per settimana il 2015, sinora, è sempre stato inferiore per volume di vendite rispetto agli stessi periodi degli anni precedenti. Solo il tempo saprà dirci se si ripeterà, verso fine anno, lo stesso recupero che nel 2014 ha colmato il gap con il 2013.

Tuttavia possiamo trovare anche un motivo per sorridere, basta guardare a come sembrano cambiare i canali di vendita. Premesso che si parla di cifre non certo impressionanti, comunque sembra registrarsi un riscatto delle librerie indipendenti rispetto ai canali di grande distribuzione. Dopo anni di crisi, le librerie indipendenti hanno registrato, nei primi mesi del 2015, una crescita del +2,3% a volume e dell’1,9% a valore; tutto a spese delle librerie di catena, che nello stesso periodo scendono di -3,9% per numero di copie vendute e del -3,7% per valore, e soprattutto della grande distribuzione, che registra un -14,8% a volume e un -12,2% a valore.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete le nostre pubblicazioni

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

A determinare il successo delle librerie indipendenti (ormai sempre più presenti anche sul web) sono, in buona parte, i libri per bambini. In generale, come riportano gli analisti Nielsen, «i bambini sono l'unico genere che contribuisce in modo positivo alla variazione del mercato a volume» (+6,4%), e «le librerie indipendenti contribuiscono per il 75% alla crescita dei bambini». Anche se c'è da dire che, in generale, su 100 libri venduti in Italia, solo 21 sono per bambini. Ben lontani da mercati come quello austriaco (49%) spagnolo (46%) o neozelandese (43%).

A farla da padrona, in Italia, è sempre la fiction, con un 40% del mercato del libro. Nessun Paese ha una pari passione per i romanzi come il nostro. Dietro all'Italia c'è il Brasile, al secondo posto ma ben staccato, con 32 titoli di fiction venduti su 100, più lontano il Regno Unito, 28%. Se si guarda alla non-fiction, ossia la saggistica o, più in generale, tutto ciò che non è romanzo, in Italia si vendono/acquistano 39 volumi ogni 100 venduti. In linea con altri Paese come gli Usa (40%) e il Regno Unito (37%), ben lontani da Brasile (45%), Sud Africa (49%) e India (52%).

Pochi, dunque, gli elementi positivi. Presto per chiamarla rivoluzione, prematuro parlare di rinnovamento, ma i dati Nielsen 2015 intanto ci dicono che, nonostante continui la crisi, qualcosa si muove nel mercato del libro in Italia.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.5 (2 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.