Perché è importante leggere

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Medioevo si scrive maiuscolo o minuscolo?

Medioevo si scrive maiuscolo o minuscolo?Come scrivete “medioevo”, maiuscolo o minuscolo? La storia delle maiuscole o minuscole è, in realtà, piuttosto controversa o, come suggerisce l’Accademia della Crusca, le questioni di natura grammaticale s’intrecciano spesso a ragioni ideologiche, morali o religiose. Questo può essere il caso di “chiesa” che abbiamo affrontato la scorsa settimana, dove abbiamo constatato il carattere distintivo dell’uso della maiuscola o della minuscola, da una parte “chiesa” per indicare l’edificio vero e proprio (quindi il luogo di culto), dall’altra la “Chiesa” in quanto istituzione.

Per quanto riguarda “medioevo”, siamo di fronte a un termine che indica un periodo storico ben preciso (ma che designa anche «con tono polemico e spregiativo, il carattere retrogrado e anacronistico di istituti, mentalità, costumi che siano in aperto contrasto con le esigenze o l’evoluzione della vita moderna», fonte Treccani),per cui sarebbe opportuno scriverlo con la lettera maiuscola. In genere, infatti, i nomi legati a epoche storiche ben definite, ad avvenimenti di particolare rilevanza (quindi movimenti letterari, artistici o filosofici), sono da leggere come nomi propri, da scrivere in maiuscolo.

Tuttavia, su Zanichelli e sulla Treccani troviamo il termine scritto con la lettera minuscola (anche se nella Treccani è specificato che l’utilizzo della forma maiuscola è ampiamente diffuso). A questo punto, cosa scegliere? Noi siamo propensi a consigliare la forma maiuscola. Al massimo possiamo pensare alla forma minuscola nel caso dell’impiego in senso dispregiativo sopra citato, poiché, in questo caso specifico, anche se il termine richiama l’epoca storica, è comunque riferito a una mentalità e a degli atteggiamenti generali.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete le nostre pubblicazioni

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

 “Medioevo” inteso come periodo storico, invece, è un caso simile a quello di “rivoluzione”: se parliamo di “rivoluzione dei costumi” siamo di fronte a un concetto generico, applicabile a più momenti; se, invece, menzioniamo la “Rivoluzione francese”, siamo più propensi a consigliarvi l’utilizzo della maiuscola, in quanto si tratta di un episodio ben preciso, collocato in un determinato contesto storico di fine Settecento.

Vi sarete resi conto che si tratta di distinzioni sottili, per cui è difficile fornire regole inconfutabili. Tuttavia, procedendo per logica, l’epoca storica collocata indicativamente tra il 476 e il 1492 d.C. si chiama Medioevo, così come ognuno di noi ha il suo nome proprio, che appunto viene scritto con l’iniziale maiuscola: per cui preferite pure Medioevo scritto in maiuscolo, piuttosto che in minuscolo.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.9 (7 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.