Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come leggere un libro

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Perché è importante leggere

Mario Monicelli, una mostra per ricordarlo

Mario Monicelli, una mostra per ricordarloParlare di Mario Monicelli non è certo facile, perché significa fare i conti con uno dei più importanti registi italiani, tra quelli che hanno saputo rendere al meglio l’anima del nostro Paese, tra luci e ombre.

Film come I soliti ignoti (1958), La grande guerra (1959), Risate di gioia (1960) e Boccaccio ’70 (1962), pur nella diversità che li contraddistingue, brillano per quel sorriso sferzato di malinconia che entra nella commedia all’italiana in maniera originale e intensificandosi ne L’armata Brancaleone (1966) fino ad arrivare ad Amici miei (1975) e Amici miei – Atto II (1982).

Ed è proprio questa poetica di sorridente malinconia che Chiara Rapaccini (in arte RAP) e il fotografo Andrea Vierucci restituiscono con la mostra MARIO – Chiara Rapaccini e Andrea Vierucci per Monicelli, inaugurata il 2 aprile presso la GAMC – Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea di Viareggio, dove resterà fino al 16 maggio.

Mario Monicelli, una mostra per ricordarlo

LEGGI ANCHE – Mario Monicelli, cento anni dalla nascita del padre di personaggi indimenticabili

 

La mostra è prima di tutto un atto d’amore di Chiara, compagna di Monicelli per oltre trent’anni, e di Andrea al cinema italiano in generale e a Monicelli in particolare che ne fu illustre rappresentante.

Mario Monicelli, una mostra per ricordarlo

Mario Monicelli, una mostra per ricordarlo

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete le nostre pubblicazioni

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

Laddove RAP racconta Mario con la sua arte, da questa Vierucci ha saputo trarre un racconto fotografico suggestivo e intenso.

Mario Monicelli, una mostra per ricordarlo

È a partire dalle foto di scena dei set di Monicelli, scattate tra gli anni Sessanta e Novanta e conservate nonostante la volontà del regista di disfarsene (le definì «documenti del passato di nessun valore»), che RAP ha realizzato le sue opere in acrilico e punta sessa, stampate poi su grandi lenzuoli, teli dipinti, graffiati, ricamati e fotografati da Vierucci in un’archeologia industriale, che li ha così resi veri e proprio “fantasmi” fluttuanti. Un Monicelli che sorride, giocando con i suoi cappelli, scambia occhiate con i volti di Totò, Anna Magnani, Gassman e Mastroianni.

Mario Monicelli, una mostra per ricordarlo

Un modo per ricordare Mario Monicelli con la levità che gli era propria, senza agiografie monumentali e restituendo la ricchezza del suo immaginario poetico.


Le foto sono di Andrea Vierucci, le opere rappresentate di RAP, mentre il poster della mostra è di Franny Thiery.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.7 (3 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.