Conoscere l'editing

Diffondi libro

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Curiosità grammaticali

Marcel Proust e il suo rituale della colazione

Marcel Proust e il suo rituale della colazioneMarcel Proust era una persona molto abitudinaria, legatissimo alla sua routine quotidiana che faceva molta fatica a cambiare. Del resto come dimenticare l’incipit del primo volume della Recherche, Dalla parte di Swann, che esprime proprio quest’amore per le sue abitudini:

«Per molto tempo, mi sono coricato presto la sera.»

 

Ed è sempre nel primo volume che Proust evidenzia:

«L'abitudine! ordinatrice abile ma terribilmente lenta, che comincia con il lasciar soffrire il nostro spirito, per settimane, in una sistemazione provvisoria; ma che, nonostante tutto, esso è ben contento di incontrare, giacché senza l'abitudine, e ridotto ai suoi soli mezzi, sarebbe impotente a renderci abitabile una casa.»

 

E poco dopo sottolinea la conseguenza che ha su di lui il venir meno delle abitudini:

«Venuta meno l'influenza anestetizzante dell'abitudine, mi mettevo a pensare, a sentire cose infinitamente tristi.»

 

Vuoi conoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

 

Una di queste abitudini viene raccontata, in modo abbastanza particolareggiata, da Brian Dillon in Vite di nove ipocondriaci eccellenti (Il Saggiatore, traduzione di Alessandra Castellazzi), riprendendo le memorie della cameriera personale di Proust:

«Céleste Albaret, ventidue anni, era impiegata da diversi mesi al servizio di Marcel Proust quando, nel dicembre 1913, le fu affidato per la prima volta il delicato compito di portargli il secondo croissant.»

 

Dillon si sofferma poi sul regime quotidiano che si traduceva in un vero e proprio «rituale da mettere in scena discretamente, per non disturbare il Monsieur addormentato, ogni pomeriggio»:

«Il regime quotidiano al numero 12 di Boulevard Haussmann era perlopiù preciso e immutabile, e le richieste di Proust al suo risveglio rimasero impresse nella mente della giovane paesana della Lozère, arrivata da poco a Parigi dopo essersi sposata.»

Marcel Proust e il suo rituale della colazione

Vediamo allora in cosa consisteva questo rituale:

«Dopo aver passato la notte sprofondato nel suo romanzo e aver dormito, quando andava bene, poche ore, Proust finalmente riemergeva, a volte fiacco, verso le quattro. Secondo le sue precise istruzioni, bisognava preparare una piccola caffettiera d’argento, contenente caffè – a infusione lenta, molto forte, in un doppio bollitore – in quantità sufficiente per due tazze. (Il caffè, e i filtri, dovevano essere comprati sempre nello stesso negozio in Rue de Lévis, nel diciassettesimo arrondissement.) A volte, quando era particolarmente stanco o malato, non chiamava per la colazione fino alle sei. In quelle occasioni, il caffè doveva essere preparato di nuovo, per evitare che il palato delicato si rivoltasse contro l’infusione stantia. Nicolas Cottin, il valletto di Proust, era incaricato di appoggiare il caffè e un solo croissant sul comodino.»

 

Ma non basta:

«In cucina era pronto un secondo croissant nel caso dovesse richiederlo più tardi, ma spesso rimaneva intatto. Di solito era la moglie di Cottin, Céline, a consegnare il secondo croissant.»

Marcel Proust e il suo rituale della colazione

Il rituale della colazione sopravvive anche al venir meno delle persone:

«Sul finire del 1913, tuttavia, Céline si ammalò e il marito stabilì che Céleste, la giovane sposa dell’autista di Proust, Odilon, assumesse questo compito secondario, sporadico ma essenziale, nel rituale quotidiano. Le spiegò che ci sarebbe stato un doppio squillo di campanello in cucina, se Proust avesse deciso di prolungare la sua colazione. A quel punto doveva affrettarsi a percorrere il lungo corridoio dalla cucina al salone, attraversare il salotto e poi entrare nella stanza da letto, senza bussare o dire una parola se non quando Proust parlava per primo.»

 

Dillon descrive uno dei momenti in cui Céleste consegna il secondo croissant a Proust:

«Passarono diversi giorni prima che suonasse il campanello in cucina. Céleste aspettava, sempre più nervosa immaginando il padrone, silenzioso e invisibile, all’altro capo dell’appartamento. Infine, il segnale arrivò; afferrando il piattino, Celéste si fece strada fino alla stanza da letto, aprì la porta senza bussare e spinse d’un lato, come le aveva impartito Nicolas, la tenda pesante immediatamente dall’altra parte. […] la scena che accolse Céleste pareva quasi un’allucinazione.»

Marcel Proust e il suo rituale della colazione

Ecco l’esperienza vissuta da Céleste:

«Céleste, tuttavia, non era pronta alla nebbia densa che riempiva la stanza oscurata, con le finestre chiuse e i tendaggi pesanti tirati contro l’imbrunire del pomeriggio invernale. Qualche scheggia

di luce emergeva dall’oscurità: una lampada da comò con il paralume verde diffondeva un debole bagliore; il riflesso fosco della testiera d’ottone del letto e una piccola porzione delle lenzuola bianche erano avvolti nel suo alone, mentre appena oltre, sul comò, un vassoio d’argento e una caffettiera formavano un rivaleggiante gruppo di luce. Il resto della stanza era una fosca bruma: quando uscì, Céleste non riusciva a ricordare nulla dell’arredamento incombente, sproporzionato persino in quella stanza spaziosa, che in seguito sarebbe diventato così familiare. Era come se il letto e il suo occupante galleggiassero nello spazio, slegati dal resto della stanza, e dall’appartamento circostante, così come dalle strade esterne e dal frenetico mondo al di là.»

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

E Proust?

«Di Proust in persona, Céleste non riuscì a vedere quasi nulla, ma sentì l’intensità del suo sguardo su di lei. Tremando, si avviò verso il bagliore dell’argenteria e ripose il piattino, rivolgendo un inchino al volto semi-immaginato al capo del letto. Un braccio si alzò per ringraziarla, ma Proust

non disse niente. Céleste si ritirò dietro lo spesso tendaggio e chiuse la porta.»

 

Qui puoi vedere anche l’unico video in cui compare Marcel Proust, e leggere qualcosa a proposito del suo amore per la lettura e le ragioni per cui secondo lo scrittore francese è importante leggere.


Per la prima foto, copyright: Mae Mu su Unsplash.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.