In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Perché è importante leggere

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come leggere un libro

“Lui è tornato” di Timur Vermes

Timur Vermes, Lui è tornatoE se Hitler ritornasse nella Germania dei nostri giorni? Intorno a questo esercizio di storia controfattuale ruota il romanzo del giornalista tedesco Timur Vermes Lui è tornato (Bompiani, 2013, traduzione di Francesca Gabelli). Ed effettivamente è quello che succede nel suo romanzo, in cui un Hitler redivivo, risvegliatosi nella Germania odierna, dove «al vertice del paese c’era una donna tozza, che infondeva lo stesso ottimismo di un salice piangente», riesce a conquistare nuovamente spazio con una trasmissione televisiva di grande successo.

Basato sull’equivoco che quel signore apparso in un campo nel centro di Berlino nel 2011 sia un comico imitatore e che quella messa in scena sia una parodia, il programma ha sempre maggior seguito di pubblico, rivelando la capacità di persuasione delle masse e il carisma del personaggio; non fa niente per fingere, anzi è in ogni frangente sempre se stesso, anche in situazioni grottesche, in cui interpreta colui che è in realtà e gli interlocutori, credendo di trovarsi di fronte a un eccezionale attore, stanno al suo gioco; è galvanizzato dal riscontro che riceve: «mi pareva di essere tornato all’inizio degli anni venti. Con la sola differenza che allora mi ero accaparrato un partito. Questa volta era una trasmissione televisiva».

È questo al dunque l’inquietante interrogativo posto da Vermes: dove potrebbe arrivare oggi – e, di fronte all’uso di Internet, la televisione di cui parla il giornalista tedesco appare già superata – un personaggio con un tale carisma e con un inquietante programma politico, avendo a disposizione i nuovi strumenti di comunicazione, ancorché apparso sulla scena come attore comico? Quale forma ancora più pervasiva di totalitarismo e di controllo delle masse potrebbe attuare? Il novello Hitler, dopo una fase di iniziale smarrimento, è lesto nel comprendere le potenzialità del mezzo, di cui anzi depreca l’uso che ne vede fare: «Rimasi a bocca aperta. La Provvidenza aveva donato al popolo tedesco un grandioso, meraviglioso strumento di propaganda e qualcuno lo sprecava divagando sulle rondelle di porro», leggiamo sorridendo pensando al dilagare di programmi sulla cucina e ai cuochi che vediamo dilagare sulle nostre reti.

Il romanzo ha riscosso notevole successo in Germania, suscitando, al contempo, aspre critiche, in parte per le riflessioni, che si inseriscono in un ormai nutrito indirizzo storiografico, sulla “colpa” collettiva e sulle responsabilità dei tedeschi – «ci sono due possibilità: o c’era un intero popolo di maiali, oppure quello che è accaduto non è stata una porcheria, bensì l’espressione della volontà popolare» – in parte perché, secondo questi critici, Hitler ne uscirebbe ritratto in maniera caricaturale, minimizzando la tragicità del nazismo e ridendo di un personaggio di cui è impossibile ridere.

Non pare sia questo il limite del romanzo, di facile lettura per la scrittura piana e scorrevole, quanto una certa esilità della trama, che, dopo la paradossale e originale trovata iniziale, si avvita su se stessa senza particolari sviluppi. Siamo di fronte, insomma, ad un romanzo interessante, ma più per un dato “sociologico”, di stimolo ad una riflessione su aspetti della società e della politica contemporanea, che per il suo non eccezionale valore letterario. Una lettura comunque non inutile, anzi molto attuale se pensiamo a certi recenti sviluppi, soprattutto italiani, che fa riflettere e a tratti sorridere, ma con un brivido costante perché forse è vero che «più la bugia è grande, più la gente ci crede».

[Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Issuu e Pinterest]

Il tuo voto: Nessuno Media: 3 (2 voti)

Commenti

L'ho letto per curiosità. L'ho trovato divertente e spiazzante, molto ben documentato. Ho riso e sono rimasta perplessa allo stesso tempo. una lettura leggera ma non troppo.

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.