14 scrittori famosi e le loro ultime parole

Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Ludwig Wittgenstein picchiava i bambini. Il terribile incidente Haidbauer

Ludwig Wittgenstein picchiava i bambini. Il terribile incidente HaidbauerLudwig Wittgenstein lavorò come maestro elementare in una zona rurale dell’Austria per tre anni, nel breve periodo che intercorse, dal 1918 al 1921, tra la redazione del Trattato logico-filosofico e la sua prima pubblicazione in Germania. «Nonostante fosse sulla buona strada per essere considerato il più grande filosofo vivente» scrive Spencer Robins in un articolo pubblicato su «Paris Review», egli era fermamente «convinto che fosse un fallimento morale», in riferimento alla situazione economica alquanto disagevole in cui si trovava. Per aggirare questa addirittura arrivò a sbarazzarsi del patrimonio di famiglia, abbandonando il palazzo in cui era cresciuto e recandosi a fare da insegnante ai bambini nel mezzo del niente.

«Sono un insegnante elementare in un piccolo villaggio chiamato Trattenbach» scrisse Wittgenstein il 23 ottobre 1921 al suo maestro e amico Bertrand Russell. Il mese successivo, in un’altra lettera, descrisse la sua situazione come «odiosa e vile» lamentandosi del fatto che «so che gli esseri umani in media non hanno un gran valore ovunque, ma qui sono molto più buoni a nulla e irresponsabili che altrove».

 

LEGGI ANCHE – Perché studiare filosofia

 

Eppure molti resoconti ci restituiscono l’immagine di Wittgenstein come quella di un maestro esemplare e incredibilmente impegnato per il bene dei suoi studenti. Sempre Robins racconta di come insieme abbiano «progettato motori a vapore, e costruito modelli, dissezionato animali, esaminate cose al microscopio che Wittgenstein aveva portato da Vienna, letto letteratura, imparate le costellazioni e fatti dei viaggi a Vienna, dove soggiornarono presso la scuola gestita dalla sorella Hermine». La stessa Hermine ha ricordato i bambini che «si scavalcavano a vicenda spinti dal desiderio» di rispondere alle domande del loro maestro-filosofo. Almeno un bambino particolarmente promettente ricevette da Wittgenstein un’istruzione extracurricolare, e perfino un’offerta di adozione.

Ludwig Wittgenstein picchiava i bambini. Il terribile incidente Haidbauer

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

Inoltre potremmo considerare Wittgenstein come un campione, ovviamente a modo suo, delle pari opportunità di genere a differenza degli altri insegnati impegnati nell’Austria rurale agli inizi del XX secolo. E infatti, ad esempio, si aspettava che le ragazze fossero in grado di risolvere gli stessi difficilissimi problemi di matematica in genere preparati solo per i ragazzi. E per lo stesso motivo, non lesinava punizioni corporali quando davano una risposta sbagliata o quando non comprendevano i concetti velocemente come lui avrebbe voluto.

Ludwig Wittgenstein picchiava i bambini. Il terribile incidente Haidbauer

Questo duro trattamento culminò in un famoso incidente, quando l’undicenne Haidbauer, studente di Wittgenstein, «perse conoscenza dopo essere stato picchiato in testa durante una lezione». L’episodio fu denunciato alla polizia e Wittgenstein fu chiamato a comparire in tribunale a Gloggnitz il 17 maggio 1926. Il giudice ordinò una perizia psichiatrica. Secondo alcuni, il giudice decise di esonerare Wittgenstein dall’insegnamento, anche se le risultanze del caso non furono mai rese pubbliche. Pare che la famiglia di Wittgenstein fosse intervenuta per mettere a tacere la questione.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Comunque Haidbauer non fu il solo studente che Wittgenstein fu accusato di aver picchiato. Così, dieci anni dopo, mentre lavorava a Cambridge, ritornò nel villaggio dove aveva insegnato per chiedere perdono a tutti i bambini che aveva fatto oggetto di violenza.

In conseguenza di questi episodi, comunque, si creò un enorme solco tra gli abitanti di Trattenbach e il tirannico Wittgenstein, incapace di stabilire un rapporto empatico con i suoi allievi. D'altro canto va anche detto che, secondo alcuni biografi di Wittgenstein, le notizie diffuse sul suo conto, incluse quelle che lo portarono alla condanna, furono messe in circolazione da un suo collega alquanto invidioso per questioni interne alla gestione degli studenti.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.7 (3 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.