Perché è importante leggere

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Loving Vincent, quando il cinema fa l’amore con l’arte

Loving Vincent, quando il cinema fa l’amore con l’arte

Più di cento artisti, centoventicinque a esser precisi, hanno messo a disposizione le loro abilità per dare forza a un racconto vivente, un quadro che si muove e che a ogni scena rievoca e cita, in silenzio, le opere d’arte che hanno caratterizzato la vita di Vincent van Gogh (1853-1890).

Nei suoi novantacinque minuti, Loving Vincent è ambientato nel 1891 in Francia, un anno dopo la morte del pittore e ripercorre le sue ultime settimane di vita tramite le persone a lui più vicine e il mistero della sua scomparsa a soli trentasette anni.

Si passa per Parigi, Arles e Auvers sur Oise, dove è morto, si cita l’episodio dell’orecchio, come trascorreva le giornate, cosa amava fare e vengono presentati i personaggi che ha ritratto nei suoi quadri e che raccontano pezzo per pezzo la sua storia.

A distanza di più di un secolo viene ormai considerato il pioniere dell’arte contemporanea al quale sono dedicate intere collezioni a New York, Londra, Parigi, il museo omonimo di Amsterdam, e non è più un povero pazzo.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

Loving Vincent, quando il cinema fa l’amore con l’arte

Loving Vincent è un capolavoro che andrebbe fatto vedere a scuola perché le immagini che si intrecciano alla storia sono più esaustive di qualsiasi professore o libro d’arte.

L’impegno e la dedizione investiti in questa pellicola si intravedono nell’accuratezza delle scene e nella costruzione dei personaggi, illudendoti di trovarti in una serie di dipinti di fine Ottocento.

Il cast, accuratamente scelto, si fonde perfettamente nell’atmosfera francese delineata dai tratti del pittore olandese, ripercorrendo le città in cui ha vissuto.

Si resta a bocca aperta, muti, a vedere scorrere sullo schermo immagini pennellate di quadri integrati nella storia di cui magari non conosciamo il nome ma dei quali percepiamo l’inconfondibile tratto di Vincent van Gogh.

Loving Vincent, quando il cinema fa l’amore con l’arte

E resta sospesa l’incomprensione per le novecento opere realizzate di cui una soltanto è stata venduta mentre era in vita, un genio che ha iniziato a dipingere a ventotto anni ma che è stato capito soltanto dopo la sua morte, portando per esempio a delle cifre altissime di alcuni suoi dipinti battuti all’asta come il Ritratto del dottor Gachet cheè stato venduto per 82,5 milioni di dollari nel 1990.

 

LEGGI ANCHE – Crederci sempre porta al successo. Intervista a Vincent van Gogh

 

Parte integrante della trama sono le lettere, onnipresenti nella vita del pittore, senza le quali sapremmo molto poco del suo pensiero. Scriveva tutti i giorni al fratello Theo e aveva un rapporto speciale con il postino Joseph Roulin.

Applausi quindi alla pittrice polacca Dakota Kobiela e al regista inglese Hugh Welchman che hanno pensato di fondere insieme cinema e arte nel primo film interamente dipinto su tela, prodotto da Polonia e Inghilterra, distribuito da Nexo Digital in collaborazione con Adler.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Kobiela ha pensato al progetto circa sei anni fa, inizialmente doveva essere un cortometraggio ma poi, ispirandosi alla mostra multimediale Van Gogh Alive – The experience (la più visitata al mondo) ha cambiato idea e collaborando col regista è nato un lungometraggio mai fatto prima con un budget di 5,5 milioni di dollari.

Loving Vincent, quando il cinema fa l’amore con l’arte

Oltre 125 artisti da tutto il mondo sono stati chiamati a collaborare e hanno rielaborato e riprodotto il tratto caratteristico di Vincent van Gogh realizzando 65 mila fotogrammi basati su 94 dipintiriprodotti in forma simile e altri 31 rappresentati parzialmente con la tecnica rotoscope per la maggior parte del film.

L’unica domanda che sorge spontanea è: perché tenerlo nelle sale per soltanto tre giorni quando fin troppi film spazzatura restano in cartellone per più di un mese?

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.