Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Perché è importante leggere

Lorenzin e il miraggio della fertilità

Lorenzin e il miraggio della fertilitàLa fertilità è un sogno di fine estate. Un miraggio da colpo di calore che ha colpito il ministro Lorenzin quando ha deciso di sostenere una campagna dedicata principalmente alle donne italiane, manco fosse un fenomeno, quello della natalità, riguardante soltanto (o soprattutto) un sesso, un genere, la metà del Paese.

La fertilità è un controverso concetto demografico, che determina un tasso secondo il quale un territorio, per replicarsi nel tempo, deve produrre almeno 2,1 figli ogni due persone di genere diverso. In Italia siamo bel al di sotto di questa cifra. Al Sud anche peggio. Le ragioni della denatalità non stanno soltanto, come dice la campagna di Lorenzin, nell’età media al primo figlio – più alta che nel resto d’Europa, ma non così alta – quanto nelle cause che dilatano nel tempo l’ingresso degli italiani nell’età adulta e nell’autonomia dai genitori.

 

LEGGI ANCHE – Necrologio per la Democrazia

 

E qui entrano in ballo le distorsioni nel sistema occupazionale e in quello del welfare dedicato alla prole. Partiamo dall’occupazione. Le donne italiane studiano di più dei loro coetanei maschi, ma i tassi di occupazione femminili sono notevolmente più bassi. Ce lo rimprovera l’Ue, ce lo rimproveriamo da noi, ma l’Italia è quel posto in cui un datore di lavoro può far firmare le dimissioni in bianco a una donna in età da figlio.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Iscriviti alla nostra newsletter

Seguici su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

Il sistema di welfare per i figli non è adeguato al mantenimento del benessere. Ce lo rivela il basso numero di bambini in nidi e giardini d’infanzia pubblici, l’inesistenza del tempo pieno a scuola, le scuole chiuse d’estate, eccetera. In un Paese nel quale la cura della famiglia è affidata ancora sostanzialmente alle donne, questo sovraccarico allontana dall’idea di un figlio coloro che non vogliono una vita di sacrifici mai ripagata da una prospettiva di continuità e di benessere. E infatti, se l’assenza di servizi fosse compensata – sto forzando la mano – dal lavoro pieno – di salario e di diritti – forse la natalità non sarebbe così bassa.

 

LEGGI ANCHE – Il lavoro che (non) c’è?

 

Ma con quale coraggio si mette al mondo un figlio, soprattutto al Sud, in assenza di lavoro lungo e in assenza di servizi? Ecco perché la campagna da utero a pieno servizio di Lorenzin suona come un déjà vu d’epoca mussoliniana, quando l’economia pesante era slegata dal benessere, quando in fondo le masse al lavoro erano e si consideravano proletariato, cioè possessori di una sola forza che stava nei figli da immettere subito nel lavoro o nella guerra. È quindi un miraggio, un sogno e un abbaglio, quello della fertilità, perché come sanno tutti i demografi, certi processi storici si invertono sui tempi lunghi, non con una stupida e offensiva cartellonistica da strada.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.8 (4 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.