14 scrittori famosi e le loro ultime parole

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

“Lolita” e “Retàblo”: due incipit a confronto

Retablo, Vincenzo Consolo, Lolita, Vladimir NabokovTrovare corrispondenze, individuare relazioni più o meno profonde, scorgere influenze e citazioni, scovare echi, richiami e allusioni: tutto questo costituisce, nel campo della critica letteraria, uno dei terreni più fertili — nonché suggestivi — sui quali impiantare un discorso che abbia come scopo il fiorire di nuove interpretazioni. In quest’ottica del confronto, tesa a delineare (e delimitare) un piano di intersezione tra “insiemi” per certi versi lontanissimi tra loro, va letto questo tentativo di accostamento, apparentemente improbabile, tra gli incipit dei romanzi Lolita (1955) di Vladimir Nabokov e Retablo (1987) del recentemente scomparso Vincenzo Consolo.

Partiamo dalle differenze, o meglio, dalle “distanze” che separano i due libri. In primis, la distanza è cronologica, poiché s’interpone un intervallo di 32 anni tra le rispettive prime edizioni; in secondo luogo, è insieme geografica e linguistica, se si considerano e confrontano l’italiano del messinese Consolo con l’inglese del russo (ma cosmopolita) Nabokov; per finire, la distanza si compie nei contenuti, nello stile e, in senso lato, nel diverso background culturale degli autori. Senza addentrarci nel merito dei singoli libri, e delle vicende ad essi sottese, si ricordi, infine — e in estrema sintesi —, che, mentre Lolita racconta della scandalosa relazione (divenuta ormai topos) tra il professor Humbert Humbert e la dodicenne Dolores Haze, Retablo mette in scena, nella Sicilia di fine settecento, un complesso intrico di vicende che formano, interagendo tra loro, un vero e proprio “polittico” (o retàblo, da cui il titolo del romanzo).

Ma vediamo ora quali sono i punti in comune, proponendo di seguito — nel rispetto della cronologia editoriale — il celebre incipit di Lolita e l’attacco di Retablo:

«Lolita, luce della mia vita, fuoco dei miei lombi. Mio peccato, anima mia. Lo-li-ta: la punta della lingua compie un percorso di tre passi sul palato per battere, al terzo, contro i denti. Lo. Li. Ta.
Era Lo, semplicemente Lo al mattino, ritta nel suo metro e quarantasette con un calzino solo. Era Lola in pantaloni. Era Dolly a scuola. Era Dolores sulla linea tratteggiata dei documenti. Ma tra le mie braccia era sempre Lolita.»

«Rosalia. Rosa e lia. Rosa che ha inebriato, rosa che ha confuso, rosa che ha sventato, rosa che ha róso, il mio cervello s'è mangiato. Rosa che non è rosa, rosa che è datura, gelsomino, bàlico e viola; rosa che è pomelia, magnolia, zàgara e cardenia. […] Rosa che punto m'ha, ahi!, con la sua spina velenosa in su nel cuore.
Lia che m'ha liato la vita come il cedro o la lumia il dente, liana di tormento, catena di bagno sempiterno, libame oppioso, licore affatturato, letale pozione, lilio dell'inferno che credei divino, lima che sordamente mi corrose l'ossa, limaccia che m'invischiò nelle sue spire, lingua che m'attassò come angue che guizza dal pietrame, lioparda imperiosa, lippo dell'alma mia, liquame nero, pece dov'affogai, ahi!, per mia dannazione. […] Rosalia, sangue mio, mia nimica, dove sei?»

Prescindendo, in un primo momento, dalle vistose differenze stilistiche, nonché dalle opposte conduzioni dell’impianto descrittivo, appare chiaro da subito il medesimo intento, la “molla” comune che dà fuoco alle polveri della narrazione. Consolo, alla pari di Nabokov, pone in posizione iniziale (fortemente marcata) il nome dell’amata, per poi ragionare sulla natura fonico-semantica del nome stesso, scomponendolo e “giocando” con le diverse suggestioni che si accumulano e assommano una dopo l’altra. Così come Nabokov disassembla il nome della sua Dolores in Lo-li-ta, evidenziando il movimento “meccanico” che la lingua compie nel pronunciare le sillabe, Consolo individua nel nome Rosalia due campi di significato, due “lasse poetiche” fortemente contrapposte e complementari, da cui far partire un’esasperata divagazione basata sulle sfere semantiche del “rodere” e del “legare” o “stringere”.
Chiaramente diversi risultano, nel complesso, gli esiti a cui conduce l’iniziale riflessione (in entrambi i casi assolutamente “espressionistica”) sul nome della bambina/donna amata. Se, infatti, il turbinio o vortice delirante — da cui i racconti prendono le mosse — è fatto per entrambi della stessa sostanza, ovvero l’ossessione irrazionale e disperata verso qualcuno di cui si può stringere ormai soltanto il nome, la “piega” successiva imbocca nei due casi una direzione diversa: rassegna di situazioni e frangenti in cui l’oggetto del piacere assume sembianze e nomi differenti, nel caso di Lolita; delirio accumulatorio, ludico e fortemente “barocco” nello stile poetico e nel lessico sovrabbondante di Retablo.

In conclusione, è proprio sul piano stilistico che si realizza lo scarto netto tra le due differenti “variazioni sul tema”. Sempre lucido e raziocinante, per quanto immediato e ingenuo, il periodare argomentativo e logico di Humbert Humbert approda a una soluzione finale, a un’immagine conclusiva che pare rasserenante: la sua “ninfetta”, se sembra scapparle dalle dita a causa delle numerose insidie (la scuola, l’età anagrafica, ecc.) che vorrebbero attirarla a sé, è pur «sempre Lolita» (perciò ancora o soltanto sua) quando si trova tra le sue braccia. Diverso l’approdo cui giunge Consolo dopo una serie di immagini che coinvolgono tutti i sensi, quasi a voler ribadire la più totale universalità dell’esperienza del ricordo di Rosalia nel protagonista. Isidoro, abbandonato dalla sua donna, pone in conclusione una domanda che, nel momento in cui è espressa, rivela istantaneamente tutta la sua inutilità e insensatezza, mostrando solo in quell’istante – come per “contrappasso” al confronto con la fiumana di parole appena versate – un silenzio e un’assenza assordanti.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4 (4 voti)

Commenti

Certo, la ricerca di corrispondenze, echi, fulminanti coincidenze tra autori distanti per stagione, formazione, esiti stilistici, può talvota risultare un esercio stimolante. Ma credo che per staccarsi dal limbo del mero esercizio di stile, dovrebbe servire, quel confronto, quella comparazione, d'ausilio a corrobborare un'interpretazione. Adesso mi chiedo, e provo ad entrare nel merito: cosa ci dice l'accostamento palese dei due incipit di Retablo di Consolo e di Lolita di Nabokov?... E' possibile che Consolo, nella pagina iniziale del suo romanzo dell'87 abbia volutamente fare il verso al Nabokov di Lolita, essendo avvezzo a contaminare i suoi palinsesti narrativi con citazioni più o meno nascoste. Due: i due scrittori non si conobbero, né mai (a mia memoria) s'incontrarono (diverso il discorso con Pasternak) né tanto meno è ipotizzabile un influsso di Nabokov su Consolo. Il contesto narrativo è del tutto differente: primo caso il racconto scandaloso di un amore ecc... nell'altro un tour in Sicilia in costume, dove il protagonista Fabrizio Clerici si reca per lenire la delusione amorosa con un bagno di storia, rovine, cultura... per scoprire poi un'altra storia (tra parentesi, un viaggio in maschera ma che fa indiretto riferimento alla attualità degli anni in cui Consolo viene scrivendo). Tre: non rappresentando un unicum (anzi tutt'altro, piuttosto la costante), la scansione poetica, cadenzata dell'incipit di Retablo non offre particolari indizi di novità per una lettura diversa dello scrittore. Quale il senso, mi domando?...

Scusate le sgrammaticature: ovviamente talvolta, esercizio, corroborare, ecc...

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.