14 scrittori famosi e le loro ultime parole

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

Lo struggente racconto della depressione. “Parla, mia paura” di Simona Vinci

Lo struggente racconto della depressione. “Parla, mia paura” di Simona VinciÈ un pugno in pieno stomaco. Non è un romanzo. Non è un libro leggero. È un coacervo di sentimenti e di piccole esperienze. Tante vite vissute in una. È un viaggio. Non un manuale, né un testo scientifico. È semplicemente un susseguirsi di memorie con un unico filo conduttore: la paura. La consapevolezza di avere timore di un mostro annidato nell’ombra della vita quotidiana: la depressione.

L’autrice, Simona Vinci, si è imposta come una delle maggiori scrittrici italiane contemporanee. Ha già dato prova della sua bravura con le parole nel suo esordio Dei bambini non si sa niente, fino ad arrivare a La prima verità, libro vincitore del Premio Campiello nel 2016. Ora, si impone con questo straordinario volume edito da Einaudi. Un libro composto di sole 120 pagine. Tutte però graffianti e ben scritte e che ripercorrono il suo viaggio nella depressione.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

Attraverso le immagini sfocate dettate dalla paura: in casa, da sola, di notte, nello studio dell’analista, dopo la nascita del suo bimbo, in città… «È cominciata con la paura. Paura delle automobili. Paura dei treni. Paura delle luci troppo forti. Dei luoghi troppo affollati, di quelli troppo vuoti, di quelli troppo chiusi e di quelli troppo aperti. Paura dei cinema, dei supermercati, delle poste, delle banche. Paura degli sconosciuti, paura dello sguardo degli altri, di ogni altro, paura del contatto fisico, delle telefonate. Paura di corde, lacci, cinture, scale, pozzi, coltelli. Paura di stare con gli altri e paura di restare da sola».

Lo struggente racconto della depressione. “Parla, mia paura” di Simona Vinci

Simona Vinci, in sostanza, è riuscita, raccontando una serie di episodi della sua esistenza, a descrivere e spiegare una depressione fatta di attacchi d’ansia e di panico. Ha avuto coraggio e ha saputo coniugare le parole con il sentimento.

Il libro parte piano e si articola attraverso descrizioni in cui il suono delle parole usate rimanda a frammenti di immagini che non è difficile richiamare. Frammenti che appartengono sì all’autrice, ma che possono tranquillamente adattarsi al mondo interiore di tutti, soprattutto di chi, come lei, è passato attraverso il tunnel della depressione.

 

LEGGI ANCHE – Premio Campiello 2016 – Intervista a Simona Vinci

 

Leggendo il volume si prova un senso di soffocamento reale, non solo per i termini scelti sapientemente da Vinci, ma soprattutto perché gli episodi raccontati sono comuni a molti: la nascita di un figlio, il ritrovarsi a casa da soli, nella sala d’aspetto di un chirurgo plastico e via dicendo.

Lo struggente racconto della depressione. “Parla, mia paura” di Simona Vinci

«Molti di quelli che hanno sofferto e soffrono di attacchi di ansia e di panico – si legge – ricordano perfettamente le circostanze nelle quali si è verificato il primo. Lo squarcio. Il taglio. La cesura. Il momento a partire dal quale tutto cambia e comincia lo stato più spaventoso: la paura della paura». Ed è questo il sunto del libro. La nemesi del vivere in serenità: la paura della paura. Il vero nemico che suda dalle pagine. Il flagello che regna nei dieci capitoli di cui si compone il testo. Dieci istantanee che l’autrice ha deciso, con coraggio, di raccontare al mondo, forse per superare proprio quella paura di cui tanto parla.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Parla, mia paura di Simona Vinci può essere letto da tutti e non solo da chi ha vissuto stati d’animo simili ai suoi. È utile per capire cosa passa o ha passato un amico, un conoscente, un parente che ha provato o sta provando il malessere di vivere. È consigliato a chi vuole addentrarsi nel male più diffuso di questo millennio. Ed è utile anche a chi si piange spesso addosso, credendosi vittima di un’infelicità che non esiste.


Per la prima foto, copyright: Ben Blennerhassett.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.3 (3 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.