Perché è importante leggere

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come leggere un libro

Lo sconfortante egoismo di un finto idealista. “Tutta un’altra vita” di Alessandro Pondi

Lo sconfortante egoismo di un finto idealista. “Tutta un’altra vita” di Alessandro PondiGuardando Tutta un’altra vita, il nuovo film, da poco uscito nelle sale, di Alessandro Pondi con protagonista un bravissimo Enrico Brignano, sembra di essere catapultati davanti a un nuovo Verga, moderno, cittadino, confusionario, ma con alla base lo stesso ideale dell’ostrica che contraddistingue lo scrittore siciliano.

Il protagonista della vicenda è un antieroe per eccellenza, immobile nelle sue innumerevoli incapacità e disattenzioni. Tassista della periferia romana con a carico moglie e figli, ha con loro un rapporto inesistente, superficiale, caratterizzato da un senso di oppressione e insoddisfazione. La sua è un’incapacità di vivere il reale, con una quotidianità che annoia, che causa timore e diffidenza. Ciò che caratterizza tutto il film è la totale incapacità del protagonista di prendere in mano le redini della sua vita, cercando invece di ottenere una vittoria facile, un colpo di fortuna sperato e mai raggiunto. Un antieroe egoista travestito da sognatore che prova ad aprire un varco che sfoci in un mondo parallelo, in cui tutto è già pronto, in cui la realtà non esiste perché ciò che provoca piacere è proprio l’assenza del reale. È la finzione che causa la gioia del personaggio, il quale sembra accontentarsi di una soddisfazione momentanea ed effimera.

 

Vuoi conoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

Lo sconfortante egoismo di un finto idealista. “Tutta un’altra vita” di Alessandro Pondi

L’ideale dell’ostrica verghiano sta proprio qui, in questa sostanziale immobilità del personaggio che non evolve, non cresce e non si sviluppa psicologicamente restando ancorato al suo pensiero. Ciò che traspare è il povero oppresso dal ricco, ma senza nessuna speranza che conduca alla possibilità di cambiare, di ribaltare la situazione grazie alle proprie forze. La quotidianità del protagonista verrà ravvivata dalla fortuita dimenticanza, da parte di suoi due clienti, delle chiavi di una sontuosa villa in cui abitano, permettendogli così di entrare di nascosto in quel mondo lucente dell’agiata società romana, fatta di feste, apparenze e malignità.

Lo sconfortante egoismo di un finto idealista. “Tutta un’altra vita” di Alessandro Pondi

L’incontro con la bella Lola, porterà Gianni a voler essere diverso, ma senza mai davvero avere il coraggio di cambiare. Perché è semplice, e forse riduttivo, pensare che la morale del film sia un non tanto velato carpe diem oraziano, quando invece potrebbe esserci un messaggio ben più profondo. Poiché se un mondo ricco e patinato ha i suoi enormi limiti e la realtà della periferia non rinuncia a mostrare le sue fratture e disillusioni, dov’è il giusto limite? Qual è la via di mezzo che conduce alla felicità? Non è troppo semplice arrendersi a un’effimera consolazione invece di vivere il reale e lottare per renderlo migliore? Ed è qui che viene rivelata la grandezza di un film che non pretende di dare una risposta, lasciando forse la possibilità a ognuno di interpretarlo secondo la propria sensibilità.

Lo sconfortante egoismo di un finto idealista. “Tutta un’altra vita” di Alessandro Pondi

In tutto ciò c’è un’ombra nel film, un personaggio secondario, senza nessuna battuta, ma di grande importanza: il papà cinese dell’amichetto di Annibale e Gaetano, i due figli di Gianni. Un uomo silenzioso, che non pone domande, ma che porta il figlio e i suoi amici al mare, quando il protagonista del film non lo fa perché troppo impegnato a godere abusivamente di una piscina altrui. È colui che viene spruzzato d’acqua e sotterrato nella sabbia, in sostanza è colui che fa il padre. Ed è questo personaggio, unito alla dedica che compare ad inizio film («a mio padre: la parte migliore di me»), che fa pensare quanto la realtà dovrebbe essere l’esatto opposto di quella presentata sullo schermo e che il vero eroe del film non sia il protagonista, ma quel papà cinese.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

La verità è che bisogna sempre cercare di essere e divenire una versione migliore di se stessi, senza rimanere ancorati a finti ideali, che servono solo come nascondiglio alla paura di agire, di muoversi, di rischiare e di riprovarci. L’immobilità e la gioia dell’effimero possono andare di pari passo, ma la realtà è che noi siamo uomini e come tali siamo fatti per sbagliare, per capirlo, per rialzarci e migliorarci, ogni giorno.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.5 (4 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.