In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come leggere un libro

Perché è importante leggere

Libri sull’Olocausto, le nostre proposte per non dimenticare

Museo ebraicoScegliere dieci libri rappresentativi sull’Olocausto non è un’operazione semplice, perché ci si trova a dover scartare non solo saggi e studi su uno dei momenti che più hanno segnato la storia dell’uomo, ma pure testimonianze dirette che sono degne di esser lette quanto quelle che qui vi abbiamo proposto (proprio per questo motivo, abbiamo cercato di suggerirvi più autobiografie possibili, perché è solo così che si può immaginare almeno lontanamente il dolore delle vittime).

L’obiettivo di questo elenco di libri sull’Olocausto è anche quello di fornire approfondimenti storico-giornalistici sui campi di concentramento e sulla vita nei lager, che partono comunque – e come è giusto che sia – da un dialogo con i testimoni (si pensi, per esempio, al libro Eravamo bambini di Kacer Kathy e McKay Sharon E.). Abbiamo dato spazio ai classici sull’Olocausto – qui vi segnaliamo anche il bellissimo diario di Anna Frank – e pure a libri non molto noti, che, però, vale senz’altro la pena leggere:

  • Auschwitz. Ero il numero 220543, Avey Denis e Broomby Rob (Newton Compton): il soldato britannico Denis Avey viene catturato dai tedeschi dopo la battaglia nel Nord Africa; nei campi di concentramento consegna la sua uniforme inglese a un prigioniero, scegliendo di entrare nel lager di Auschwitz, quindi, per dare testimonianza. Una storia resa pubblica da Rob Broomby, che ha collaborato alla stesura del libro, solo nel novembre 2009.
  • Eichmann o La banalità del male, Hannah Arendt (Giuntina): perché il male è "banale"? E cosa si nasconde dietro alle orribili gesta di Adolf Eichmann? Un saggio che ha fatto molto discutere e che, partendo dalla figura di un criminale nazista processato a Gerusalemme, scava nelle profondità e nelle complessità dell’animo umano.
  • Eravamo bambini, Kacer Kathy e McKay Sharon E. (Elliot Edizioni): un lavoro di meticolosa e sentita ricostruzione della barbarie nazista. Cosa ricordano e portano con sé gli adulti di oggi? Come hanno reagito i bambini che hanno vissuto la tragedia dei lager e quale vita hanno vissuto dopo la liberazione? Voglia di vivere o peso per essere sopravvissuti al posto dei compagni?
  • Io sono l'ultimo ebreo, Chil Rajchman (Bompiani): chi ha vissuto l'inferno può concepire e creare l'inferno. Una testimonianza che non sarà mai compresa fino in fondo, perché la verità – purtroppo – appartiene ai morti.
  • La tregua, Primo Levi (Einaudi): il viaggio verso la libertà ritrovata dopo la liberazione, in un romanzo che rievoca un passato incancellabile, guardando con speranza e timore verso il futuro. L'umanità ritrovata dopo la miseria: è forse il libro più bello di Primo Levi.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Issuu e Pinterest]

  • Le donne e l'Olocausto, Lucille Eichengreen (Marsilio): un memoriale approfondito e straziante sull'esperienza femminile nei campi nazisti.
  • Per questo ho vissuto. La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili, Sami Modiano (Rizzoli): nato a Rodi, Sami viene deportato all'età di tredici anni nell'inferno di Auschwitz-Birkenau e lì perde tutto. Una testimonianza ricca di addii e partenze, alla continua ricerca delle proprie origini.
  • Se questo è un uomo, Primo Levi (Einaudi): questo libro non è un'operazione letteraria, ma la più bella e toccante testimonianza di un mondo di uomini – come scrive più volte Levi – ridotti a bestie.
  • Tanti Olocausti. La deportazione e l'internamento nei campi nazisti, Claudio Vercelli (Giuntina): omosessuali, zingari e oppositori politici hanno vissuto in prima persona l'orrore dei campi di concentramento. Uno studio approfondito di un mondo – quello dei lager – che ha macchiato la civiltà occidentale e in cui hanno perso la vista non solo gli ebrei.
  • Tutti i fiumi vanno al mare, Elie Wiesel (Bompiani): lo scrittore ebreo di lingua francese a sessantacinque anni ha avuto la forza di narrare gli orrori vissuti ad Auschwitz e Buchenwald, campi di concentramento in cui era stato internato e perse il padre, la madre e la sorella, le cui presenze aleggiano dall’inizio alla fine in tutto il libro.

Quali sono, invece, i vostri libri sull’Olocausto e come cambiereste questo elenco?

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (5 voti)

Commenti

* Der Nister, Prologo di uno sterminio - Racconti yiddish della Polonia occupata, Marsilio
* Otto Rosenberg, La lente focale - Gli zingari nell'Olocausto, Marsilio
* Thomas Geve, Qui non ci sono bambini - Un'infanzia ad Auschwitz, Einaudi
* Shlomo Venezia, Sonderkommando Auschwitz, Rizzoli
* Enrico Vanzini, L'ultimo Sonderkommando italiano - A Dachau ero il numero 123343, Rizzoli (testimonianza su DVD: Dachau - Baracca 8, Numero 123343 - Associazione Marca Trevigiana)
* I. Gutman, B. Gutterman, M. Pezzetti, Album Auschwitz, Einaudi

Ciao.
Lo so che può sembrare opportunistico, e forse lo è per davvero, ma le mie intenzioni sono buone.
Io per ricordare Anne Frank e tutte le vittime della Shoah ho scritto un libro.
"Le Pagine Bianche di Anne Frank", s'intitola, e il ricavato sarà devoluto all'Associazione "Un Ponte per Anne Frank" di Livorno.
A parte pochissime finzioni narrative, tutto ciò che vi si racconta è realmente accaduto; le date sono pazientemente ricostruite in base alle testimonianze di chi ha realmente incontrato Anne nei Lager e in base a minuziose ricerche storiche.
Ritengo –ma è ovviamente un’opinione personale- che ne sia venuta fuori una bella storia, tenera e piena di amore per la vita, proprio come era Anne, di cui intendo celebrare la memoria giusto settant'anni dopo la sua morte e in occasione del suo ottantaseiesimo compleanno.
Un intenso e profondo viaggio emotivo, a tratti commovente, che induce a riflettere su grandi temi come la fede, l’uomo, la vita.
Il libro è acquistabile "online" sul sito www.ilmiolibro.it (in 3-4gg lavorativi è a casa)
questo è il link: http://ilmiolibro.kataweb.it/community.asp?id=233277
oppure è acquistabile sul sito www.feltrinelli.it (con consegna presso il negozio Feltrinelli più vicino entro 2 settimane e lo sconto del 15%)
oppure è ordinabile presso tutte le librerie Feltrinelli d’Italia (con consegna in negozio entro 2 settimane).
Grazie per avermi ospitato (anche se non troppo spontaneamente!); per questo spero mi perdonerete.
Un saluto a tutti!

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.