Continua a scendere il numero dei lettori – Dati Istat aggiornati

Hai perso la voglia di leggere? 7 modi per farla tornare

Intervista ad Andrea Tomat, Presidente del Comitato di Gestione

Perché scrivere? Le ragioni di George Orwell

Libri stranieri da leggere per tornare ai tempi della prima guerra mondiale

Trincea Passo FalzaregoUna settimana fa ho proposto alcuni libri editi in Italia al tempo della prima guerra mondiale. Ma un grande fermento c’era ovviamente in tutto il resto del mondo. Proviamo dunque a immergerci nella realtà dell’epoca, immaginando cosa avrebbe potuto comprare, e leggere, un lettore del 1914 amante della letteratura straniera che avesse anche la possibilità di viaggiare. Un elenco che ovviamente non ha la pretesa di essere esaustivo, ma solo fungere da spunto di riflessione, magari suggerendo qualche lettura ormai dimenticata. Il tema, d’altronde, è di forte attualità: pensate che qualcuno ha provato a immaginare come sarebbe stato Facebook ai tempi della prima guerra mondiale.

Iniziamo da quella che, nei decenni successivi, si affermerà come una delle opere principali scritte nel 1914. Si tratta dell’opera di un’esordiente, tale Stephen Dedalus, che dopo numerosi rifiuti trova modo di pubblicare, con l’editore Grant Richards, una sua raccolta di racconti (le sue epifanie, come li definisce) scritti negli anni precedenti. Decide di intitolarla Gente di dublino, e solo qualche tempo si scopre che dietro a Stephen Daedalus in realtà c’è il giovane James Joyce. Per poter leggere quest’opera i lettori italiani, almeno coloro che non avevano possibilità di viaggiare o che non conoscevano l’inglese, hanno dovuto attendere il 1933 e l’edizione, nella collana I corvi, dell’editore milanese Dall'Oglio.

Poco narrativa invece, ma importante per l’influenza che avrà su molta letteratura del secolo scorso, è l’opera del medico austriaco Sigmund Freud. Proprio nel 1914 (anche se, a dire il vero, pubblicata solo su una rivista specializzata) esce la sua Introduzione al narcisismo, uno studio finito poi in secondo piano ma che si dovrebbe, probabilmente, riprendere in mano. Più utile, a dire il vero, per capire buona parte delle nevrosi del mondo contemporaneo che non per tornare al clima di cent’anni fa. Ma sempre nel 1914 Freud pubblica sulla rivista «Imago» un altro saggio, meno conosciuto. Uno studio su Il Mosè di Michelangelo nel quale lo stesso Freud, mettendo da parte la psicanalisi, rispecchia se stesso nell’opera del Buonarroti con chiavi di lettura interessanti sul modo in cui Mosè avrebbe agito, secondo lo scultore, per contenere la sua rabbia. Cosa che anche lo studioso di molte nevrosi probabilmente stava cercando di portare a termine in quel periodo, in seguito al recente dissidio con Jung.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Issuu e Pinterest]

A proposito di nevrosi, proprio nel 1914 era all’opera Franz Kafka. Nell’agosto di quell’anno inizia a scrivere Il processo e a preparare La metamorfosi, mentre presumibilmente tra il finire del 1914 e l’inizio del 1915 scrive il suo racconto Il maestro del villaggio, che si svilupperà, anni dopo, nel racconto La tana. Opere che, anche in questo caso, non potremo leggere se non almeno dieci anni più tardi (Il processo grazie a Frassinelli, Milano 1933, La Metamorfosi grazie a Vallecchi, Firenze 1934).

Stile completamente diverso quello di Gilbert Keith Chesterton, che nel 1914 pubblica il secondo volume dei suoi racconti gialli con protagonista un arguto prelato. La saggezza di Padre Brownuna lettura che può sembrare anacronistica, oggi, ma può riservare sorprese, quella del giornalista nato in Inghilterra esattamente 140 anni fa. Come questa frase, ad esempio, che sembra un presagio di quanto avverrà poco dopo: «è l'odio che unisce gli esseri umani, mentre l'amore è sempre individuale». Anche questo, dunque, è uno dei libri da leggere per tornare a vivere i tempi della Prima guerra mondiale.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.