Corso online di Editing

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Corso online di Scrittura Creativa

Corso SEC - Scrittura Editoria Coaching

Libri e pellicola: “Cecità”

CecitàSi può tradurre sempre, da un mezzo espressivo a un altro, sembrano suggerire in tanti; bisognerebbe considerare anche, però, cosa, e quanto, si rischia di perdere, in determinati casi, effettuando questo “attraversamento”.

Uno tra questi casi, molto più rischiosi di altri, ci sembra il romanzo di José Saramago, Cecità; grandissima, e forte, riflessione sulla natura del potere (come spesso in Saramago) e sull’influenza di questo sulla conformazione della società. Trasposizione in apparenza impossibile, o quasi, tanto “cerebrale” è il romanzo, affogato negli spazi indistinti della “bianca cecità” dalla quale sono colpiti i protagonisti.

 

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: EditorialiWeb ed Eventi.

Seguiteci su FacebookTwitterGoogle+Issuu e Pinterest]

 

Eppure, anche se dopo non pochi travagli, qualcuno è riuscito a dare una propria lettura cinematografica di questo testo letterario così ostico, scostante, impermeabile. Fernando Meirelles, infatti, con il suo Blindness del 2008, ha riscritto Saramago con coraggio, attraverso la macchina da presa. Gli sterminati oceani lattiginosi messi in campo dallo straordinario scrittore portoghese sono diventati, nella pellicola, primissimi piani insistiti, ardite variazioni della profondità di campo, dagli spazi oltremodo angusti, fra i corpi dei “ricoverati”, alle lunghissime corsie dell’ex manicomio adibito a luogo di ricovero. La condizione, quasi metafisica, legata alla sindrome al centro della vicenda, invade le inquadrature del lungometraggio, si spande sullo schermo come una patina a ricoprire il profilmico e chi vi agisce.

Per dirla in breve, non senza qualche ingenuità, e con un ritmo diseguale, la lettura/scrittura di Meirelles, più, e prima, che dare giustizia al romanzo di Saramago, ne dà interpretazione, anche se piuttosto libera, e conferma il grande spettro, semiotico e semantico, di un’opera come Cecità.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.5 (2 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.