Perché è importante leggere

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come leggere un libro

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Libri da leggere in un periodo di malattia

Leggere a lettoQuali sono i migliori libri da leggere durante un periodo di malattia? Me lo sono chiesto nelle scorse settimane trovandomi ad affrontare l’attacco di un fastidioso virus che mi ha costretto a ridurre notevolmente le mie attività quotidiane.

Avendo un po’ più tempo a disposizione per leggere (fortunatamente la malattia non è stata così grave da impedirmi di tenere in mano un libro per qualche ora), e avendo una discreta biblioteca casalinga a disposizione, mi sono chiesto da dove cominciare.

Senza contare che poi, la rete, con le tantissime possibilità di scaricare libri gratis che mette a disposizione, offre ormai possibilità di lettura praticamente infinite.

Il primo a finire tra i libri da leggere è stato Armi, acciaio e malattie, Breve storia del mondo negli ultimi tredicimila anni, di Jared Diamond (ed. Einaudi, 1998). Adatto per chi vuol alimentare la propria passione per l’antropologia, ma non solo. Un libro che ripercorre la storia dell’evoluzione umana in un racconto che affianca più discipline, mettendo in evidenza come la storia che conosciamo sia stata influenzata moltissimo da cause naturali, come epidemie e carestie, ad esempio. Storie che stanno tornando attuali di questi tempi, con le imponenti migrazioni che si fanno negli ultimi anni da una parte all’altra del mondo.

Un libro illuminante al pari de La scimmia nuda. Studio zoologico sull’animale uomo, di Desmond Morris (riedito da Bompiani nella collana Tascabili nel 2004), seppur con i dovuti distinguo, e ricco di informazioni come Mangia che ti passa. Uno sguardo rivoluzionario sul cibo per vivere più sani e più a lungo, di Filippo Ongaro (Piemme, 2011). Quest’ultimo, in particolare, utilissimo in un periodo di malattia, in quanto porta a riflettere su come alcuni disturbi possano essere curati semplicemente cambiando l’alimentazione. Perché in fondo, nonostante concreti progressi scientifici e liquidi sviluppi sociali, siamo rimasti più o meno gli stessi del Paleolitico («in termini evolutivi – spiega Ongaro – 5.000, 10.000 o 100.000 anni non sono sufficienti a generare cambiamenti stabili in una specie»).

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Issuu e Pinterest]

Certo, in un periodo in cui si sta poco bene magari non è molto incoraggiante, ma viste le precedenti letture che ridimensionano l’ego spesso smisurato di certa umanità, non si può non citare il meraviglioso Il mondo senza di noi, di Alain Weisman (Einaudi, 2008). Può essere angosciante provare a immaginare che fine farebbe il mondo se, improvvisamente, la specie umana scomparisse. Anche Weisman compie un percorso trasversale, collegando storia, scienza e fatti di cronaca per dire, infine, che senza l’uomo la Terra probabilmente se la passerebbe benissimo, anche perché «noi siamo per definizione invasioni aliene – spiega Weisman –. Ovunque tranne che in Africa. Ogni volta che Homo sapiens è arrivato da qualche parte, qualcosa si è estinto».

A questo punto perché non aggiungere Dilettanti.com, come la rivoluzione del Web 2.0 sta uccidendo la nostra cultura e distruggendo la nostra economia. Un bel volume scritto da Andrew Keen, ed edito in Italia da De Agostini (2009), nel quale vengono presentati esempi dettagliati della troppa superficialità che spesso dilaga in rete, tale che il contrasto della “dittatura degli esperti” sostenuto da “dilettanti nobili” si sta tramutando, invece che in una grandiosa democrazia, in una “dittatura di idioti”. «Il prezzo che paghiamo per la crescita dell’egualitarismo generata da Internet – dice Keen riportando esattamente le parole del sociologo Jurgen Habermas – è l’accesso decentralizzato a notizie non filtrate. Con questo mezzo, infatti, i contributi degli intellettuali perdono la loro capacità di focalizzare l’attenzione». E le bufale dilagano.

Che dire, forse come libri da leggere in un periodo non certo positivo qualche lettore si sarebbe aspettato altri titoli. E in effetti dititoli validi da citare (anche per distrarsi un po’) ce ne sarebbero anche molti. Ma perché non approfittare di un periodo di malattia per leggere qualche libro stimolante che aiuta a ripartire in quarta, una volta ristabiliti completamente?

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.5 (2 voti)
Tag:

Commenti

Un buon articolo, con buoni consigli di lettura.

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.