Corso online di scrittura creativa

Corso online di editing

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Libri all'indice nelle scuole veneziane

Libri all'indice nelle scuole venezianeLibri all'indice nelle scuole veneziane, è così che Venezia torna ai tempi dell'Inquisizione. Lo fa grazie alle prime (ingenue?) dichiarazioni di Luigi Brugnaro. Una frase del Sindaco, al suo primo giorno di insediamento, ha infatti fatto tornare in auge una questione che tutti credevano risolta da oltre un anno, dall'epoca in cui ne parlammo anche qui su Sul Romanzo.

Ma andiamo con ordine. Alle scorse elezioni comunali (del giugno 2015) a Venezia vince il candidato Sindaco Brugnaro, sostenuto da una coalizione che raggruppa, oltre alla lista civica del Sindaco, anche Pdl e Lega. Per Venezia, che negli ultimi 30 anni era sempre stata governata dalla Sinistra, cambia un'epoca. E per il nuovo Sindaco e la sua squadra si concretizza l'opportunità di cambiare la città a immagine e somiglianza dei cittadini che lo hanno votato.

Pochi di questi probabilmente tuttavia avrebbero mai pensato che una delle prime urgenze del neoeletto Sindaco sarebbe stato mettere mano a una questione che, al di là del grande bailamme mediatico, sfiora il ridicolo: ha riguardato una spesa di 9.800 euro per l'acquisto di qualche centinaio di volumi (49 titoli in tutto, tra i quali uno su due pinguini presunti gay), molti dei quali già famosi nelle scuole. Eppure pare proprio che sia pure partita una circolare, diretta ai Dirigenti scolastici veneziani, con la quale si inviata a far sparire dalle scuole i volumi che parlano di gender, o di genitore 1 e genitore 2.

Al di là dell'aspetto ridicolo (se non proprio omofobico) di una politica che ancora una volta tende a intromettersi con dichiarazioni grottesche in questioni che non la riguardano (le istituzioni scolastiche, pagate con soldi pubblici, sono ben dotate di esperti che sanno quali letture proporre e come proporle ai bambini, in base alla loro età) vi è il fatto che sotto la scure della  novella inquisizione veneziana sono finiti dei libri di valore come i volumi di Leo Lionni, Mario Ramos e Isabel Carrer, che tra l'altro trattano i temi dell'amicizia, della diversità, della disabilità, del bullismo e della violenza.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete le nostre pubblicazioni

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

Libri all'indice nelle scuole veneziane

Se dunque poco senso aveva l'ingerenza della precedente amministrazione comunale negli affari della scuola (con l'introduzione demagogica di libri che le scuole, peraltro, già avevano) meno ancora ne ha probabilmente il ritorno all'indice dei libri proibiti. Tant'è vero che contro l'iniziativa del Sindaco di Venezia si è mossa (più per curiosità e gusto per le stranezze, diciamocelo) la stampa internazionale e anche la rete, con campagne via Facebook e iniziative in piazza sostenute da autori, editori, librai, bibliotecari e tanti normalissimi cittadini, oltre all'Associazione Italiana Scrittori per l'Infanzia che ha parlato di «prassi autoritaria che ha visto luce soltanto nei periodi più bui della storia delle dittature».

Solo dopo aver avuto notizia di tutte le critiche suscitate da questa sua iniziativa, pare che nei giorni scorsi il Sindaco di Venezia abbia annunciato che, prima di far sparire i libri, verranno fatte ulteriori analisi del loro contenuto. Per iniziare potrebbe fare qualche ricerca in rete, dove si possono leggere quasi tutte le trame (e le presentazioni) dei libri incriminati. Basta prendere due o tre di questi libri, anche a caso, per chiedersi come mai qualcuno voglia far tornare Venezia all'epoca dell'Inquisizione, per così poco, mettendo i libri all'indice nelle scuole veneziane.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4 (2 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.