Perché è importante leggere

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come leggere un libro

Libreria di casa, voi come la organizzate? Ecco alcune idee

LibreriaQuanti modi ci sono per sistemare i libri sulla libreria di casa? Mensole, scaffali o vere e proprie librerie, da quelle più leggere e moderne a quelle più antiche e imponenti, ogni libreria, che sia a casa, in ufficio per strada, per far bene la sua funzione, richiede almeno un po’ di ordine. Le possibili sistemazioni, volendo, sono veramente molte. Ognuno di noi ne avrà una in mente, basata su abitudini, comodità, piacere estetico o, perché no, turbe psichiche personali. Voi in quale vi riconoscete?

La prima organizzazione che viene in mente, per una biblioteca casalinga che si rispetti, bella da mostrare agli amici, è quella che tiene assieme volumi di una stessa collana, o quantomeno simili in quanto a misure e, possibilmente, argomento. Una più rustica, ma comoda per reperire velocemente le proprie letture, divide i libri semplicemente per genere, e pazienza se a una copertina rigida si appoggia un volumetto in brossura. Per questo può essere utile anche dedicare gli scaffali a determinati editori, dividendo i titoli in base alle case editrici da cui provengono. Gli esteti, ne siamo certi, prediligeranno una sistemazione per colore, abbinandola a un ordine in base alla dimensione del libro. Facile con i gialli e alcuni noir, difficile da realizzare con altri generi, così può capitare l’abominio bibliofilo di trovare un volume di ricette o una guida micologica accanto a un Maigret. Un buon compromesso potrebbe essere quello di sistemare i titoli per autore, puntando al fatto che solitamente un autore ha una linea bibliografica piuttosto uniforme.

Se avete amici o conoscenti che adottano una sistemazione casalinga in base ai principi di Melvil Dewey (per capirci, è quella che utilizza i decimali, solitamente applicata nelle grandi biblioteche pubbliche) l’invito è, oltre che a stringergli la mano, anche a stargli accanto (o alla larga, dipende dai punti di vista). Mi spiego: ammirevole, tanto di cappello per il tempo dedicatoci, ma a meno che il bibliomane non abbia migliaia di volumi e uno stuolo di domestici laureati in biblioteconomia a sua disposizione, forse ha qualche problema sociale o, nel migliore dei casi, un po’ bisogno di compagnia. Non trovate? Se quella persona siete voi attenzione: la nostra libreria parla di noi. Che dire, ad esempio, di chi ordina i libri in base all’anno di pubblicazione?

Per una ricerca più comoda ogni categoria può fungere anche da sottocategoria. Così tra i romanzi di uno stesso scaffale si può preferire un’organizzazione alfabetica, per autore o per titolo, piuttosto che una di quelle già viste in precedenza. Ma sono convinto che le sistemazioni più utilizzate, anche se nessuno lo ammetterà mai, sono quelle tipo “questi li poggio qui perché sono comodi per il cassonetto della carta” e “questo lo metto lì perché fa figo”, senza troppe filosofie di contorno.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Issuu e Pinterest]

Poi, oltre ai libri, ci sono anche altri oggetti che possono essere utili per tenere in ordine una biblioteca domestica, scarna o nutrita che sia:

  • un fermalibro, ad esempio, utile per tenere i libri in piedi soprattutto per chi usa le mensole, e salvare la vita, o la salute, di chi bivacca sul divano sottostante;

 

  • scatole a forma di libro o portadocumenti, per “nascondere” in un posto comunque facilmente accessibile bollette, corrispondenza importante o altri documenti, ma perché no anche denaro, chiavi o armi del delitto (l’ultima solo per chi usa la Dewey);

 

  • vasi di fiori o soprammobili, per dare un tocco di originalità, o magari per nascondere titoli che “ce l’ho solo perché me l’hanno regalato”;

 

  • cornice digitale: come dvd e cd, anche la cornice può essere un buon riempitivo per chi ha pochi volumi ma non resiste al fascino che una libreria può dare all’ambiente domestico. Uno spazio che raccoglie e mostra, finalmente, a qualcuno, le migliaia di foto dimenticate nell’hard disk (togliendo magari i propri selfie più scandalosi), può essere un ottimo diversivo.

E voi, come organizzate la vostra libreria casalinga? Vi siete ritrovati in una delle descrizioni qui sopra? Se avete un modo alternativo a quelli qui descritti raccontatecelo. Ma attenzione: a casa sua l’autore dell’articolo usa la Dewey.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.