Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Perché è importante leggere

Libertà di stampa, per l’Italia va sempre peggio

Libertà di stampa, per l’Italia va sempre peggioÈ stata resa nota questa mattina la classifica di Reporters sans Frontieres, che ogni anno analizza la libertà di stampa in ben 180 Paesi, prendendo in esame le situazione generale del Paese, le minacce e le intimidazioni ai danni dei giornalisti e le azioni concrete contro di loro.

 

La top 10 dei Paesi più virtuosi?

Qui di seguito, la lista dei 10 Paesi che hanno una più spiccata libertà di stampa.

 

Finlandia: 8,59

Paesi Bassi: 8,76

Norvegia: 8,79

Danimarca: 8,89

Nuova Zelanda: 10,01

Costa Rica: 11,10

Svizzera: 11,76

Svezia: 12,33

Irlanda: 12,40

Giamaica: 12,45

 

Non è un caso forse che alcune delle prime posizioni corrispondano alla top 10 dei Paesi più alfabetizzati del mondo, come emerso da una recente ricerca condotta dalla Central Connecticut State University.

 

LEGGI ANCHE – Qual è il Paese più alfabetizzato del mondo?

 

Secondo Reporters sans Frontieres, la Finlandia, dunque, mantiene la sua reputazione di prima della classe in termini di libertà di stampa per il quinto anno consecutivo. Questo, però, nonostante il fatto che la scena finlandese sia caratterizzata da una concentrazione molto forte con due gruppi, Sanoma e Alma Media, responsabili della pubblicazione della maggioranza dei quotidiani.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete le nostre pubblicazioni

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

E i peggiori?

Tra i Paesi dove la libertà di stampa è più in pericolo figurano Stati in cui esiste una dittatura più o meno esplicita o sono ancora in corso scenari di guerra:

Libertà di stampa, per l’Italia va sempre peggio

Eritrea: 83,92

Corea del Nord: 83,76

Turkmenistan: 83,44

Siria: 81,35

Cina: 80,96

Vietnam: 74,27

Sudan: 72,53

Laos: 71,58

Gibuti: 70,90

Cuba: 70,23

 

L’Eritrea si conferma all’ultimo posto per l’ottavo anno di seguito. Da più di 20 anni, è una dittatura in cui l’informazione non ha cittadinanza. Questo è quanto sostengono da Reporters sans Frontieres. Ad oggi, almeno cinque giornalisti sono stati arrestati, alcuni anche in segreto. La stampa, come tutta la società eritrea, è sottomessa all’arbitrio del presidente Issayas Afeworki.

 

La situazione italiana

La situazione per l’Italia non si rivela affatto rosea. Il nostro Paese, infatti, scende dalla posizione n. 73, occupata nel 2015, alla n. 77, e si presenta con il punteggio più negativo nell’Unione europea (28,93).

 

LEGGI ANCHE – Consumi culturali in Italia, perché siamo tra i peggiori in Europa

 

Secondo Reporters sans Frontieres, sarebbero tra 30 e 50 i giornalisti posti sotto protezione dalle forze dell’ordine, dopo aver ricevuto minacce anche gravi. Il livello di violenza ai danni dei giornalisti (intimidazioni verbali o fisiche, minacce di morte…) si rivela molto inquietante. L’obiettivo principale sono i giornalisti che indagano contro la corruzione e la criminalità organizzata. In Vaticano, è la stessa giustizia a prendere di mira la stampa, nel contesto degli scandali Vatileaks e Vatileaks 2, con due giornalisti che rischiano 8 anni di prigione per i loro libri. In particolare, ci si riferisce a Emiliano Fittipaldi con il suo Avarizia edito da Feltrinelli (leggi la nostra intervista) e a Gianluigi Nuzzi con Via Crucis, pubblicato da Chiarelettere.

Se a tutto questo aggiungiamo anche i dati non molto positivi sul rapporto tra tirature dei quotidiani e copie effettivamente vendute (LEGGI ANCHE – I famosi giornali italiani che non vendono, vediamo i dati), possiamo senz’altro comprendere perché la salute della libertà di stampa in Italia dovrebbe preoccuparci.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (2 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.