Conoscere l'editing

Diffondi libro

Curiosità grammaticali

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

“Libertà” di Jonathan Franzen

Libertà(Traduzione di Silvia Pareschi, Einaudi 2011)

A partire da quale momento della nostra vita sentiamo parlare del concetto di libertà? Forse è proprio quando non se ne sente parlare ancora in termini espliciti, cioè nell’infanzia, che è più chiara in noi l’idea del nostro spazio interiore; quando ancora non conosciamo il discrimine tra sogno e realtà, tra immaginazione e realizzazione concreta, paradossalmente siamo più consapevoli di quello che veramente ci fa stare bene e che desideriamo davvero.

In seguito, da quando ci si siede sui banchi di scuola in poi, la Società nelle sue molteplici cellule (“la mia libertà finisce dove inizia la libertà dell’altro”, i versi di Paul Eluard, le guerre, le lotte per la libertà...) inizia a parlarcene, e le categorie in noi si complicano del tutto. Tanto che può diventare un’operazione difficile capire se quello che scegliamo è il prodotto della nostra libertà interiore, o se invece è la reazione coatta ad un’azione esterna. Direi che nel romanzo di Jonathan Franzen, tutti i personaggi sono alle prese con la risoluzione di questo affannoso problema, chi prima chi dopo.

A cominciare dai personaggi che aprono la scena del romanzo. All’interno della struttura narrativa organizzata dall’autore, il primo capitolo rappresenta quasi un discorso chiuso, una sorta di micro-romanzo indipendente. Se non si può parlare di sperimentalismo dal punto di vista stilistico, ci troviamo ugualmente di fronte ad un percorso narrativo efficace, che conferma come nella narrativa americana il tentativo di descrivere la società contemporanea necessiti di pattern nuovi, di schemi narrativi di volta in volta differenti.

Il primo capitolo, infatti, sembra una storia a sé, apparentemente autonoma e conclusa. I due protagonisti, Walter e Patty, fanno il loro ingresso nella cittadina di Ramsey Hill con entusiasmo e intenti pioneristici. Iniziano il loro percorso con un gesto che in quel contesto è già di per sé una sfida: “Walter e Patty erano stati i giovani pionieri di Ramsey Hill, i primi laureati a comprare una casa in Barrier Street da quando il vecchio cuore di St Paul era caduto in disgrazia, trent’anni prima. Avevano speso pochissimo per la loro villetta vittoriana, e poi avevano impiegato dieci anni per ristrutturarla, ammazzandosi di lavoro.”

Entrambi hanno un vissuto personale e familiare da cui tentano di prendere le distanze. E il loro modo di compiere delle scelte si realizza proprio come una reazione ad una situazione precedente. Entrambi infatti sono a modo loro esibizionistici e provocatori, anche in quelle che sembrano scelte tradizionali; come Patty, che, da giovane promessa dello sport, ex atleta al college, sceglie di non lavorare per dedicarsi completamente alla famiglia.

Sempre il primo capitolo segue i due protagonisti lungo un arco temporale abbastanza esteso da vedere i loro due figli, Jessica e Joey, ormai più che adolescenti. Tanto da mostrare al lettore che il sogno patinato di questa famiglia si infrange di fronte ad atteggiamenti apparentemente inspiegabili: come ad esempio che Joey vada ad abitare presso gli odiati vicini, con la figlia dei quali, Connie, si è precocemente fidanzato. O che Patty si faccia affascinare, forse innamorandosi, da Richard Katz, l’amico d’infanzia di Walter, musicista rock egocentrico e narcisista.

Alla fine del capitolo, vediamo così i due protagonisti completamente trasformati rispetto alle loro scelte iniziali, e soprattutto Patty, sull’orlo di un fallimento da cui sembra difficile possa rialzarsi. Anche perché al lettore è permesso assistere a questi fatti, e valutarne le dinamiche, così come li vedrebbero i vicini di casa, con un occhio quindi tutto esterno e inconsapevole delle motivazioni profonde.

Dal secondo capitolo in poi, la prospettiva cambia completamente. Con una tecnica da montaggio cinematografico, Franzen prende ognuno dei personaggi e ne sviscera singolarmente eventi ed emozioni, come se al lettore adesso fosse accessibile un esclusivo “dietro le quinte”, per capire le motivazioni di quello che nel primo capitolo ci è narrato con ricchezza di dettagli ma senza indicarci le ragioni profonde.

Emerge così il concetto dilibertà: ogni personaggio individua la sua strada nella ricerca di essa, quando finalmente realizzare la libertà diventa individuare i propri desideri e non, al contrario, giocare una partita a scacchi con l’altro, in un rapporto di dipendenza in cui le dinamiche non si fondano sulla scelta reciproca ma su un meccanismo compulsivo di azione/reazione (come nel caso del sentimento che lega Patty a Richard, il musicista che fino ad un certo punto della storia non riesce ad oltrepassare il limite del suo rapporto narcisistico e autoreferenziale con la musica e con gli altri).

Ma forse alla fine sarà proprio Patty, quella apparentemente più vincolata dai suoi meccanismi interiori, a compiere la scelta di vita più insospettabile, e quindi più libera.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.7 (7 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.