Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

14 scrittori famosi e le loro ultime parole

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Letteratura e sindromi

Alice nel paese delle meraviglieIl rapporto che lega a doppio filo letteratura e malattia è consolidato, e non è facile discuterlo, o metterlo in dubbio. Se chiedessimo di alzare la mano a chi non ha mai letto un libro che c’entrasse, anche non in senso stretto, con la malattia, poche mani si leverebbero, forse nessuna.

Un aspetto curioso, a tratti magari un po’ macabro, ma affascinante, è quello legato invece alle malattie che prendono il loro nome da personaggi letterari. Solo se si è disposti a mettere da parte la scientificità a tutti i costi, però.

Per esempio, se soffrite della sindrome di Alice nel paese delle meraviglie, avrete problemi nella percezione delle dimensioni di voi stessi e di ciò che vi circonda, come la piccola eroina del romanzo di Lewis Carroll. Chi invece ha la sindrome di Otello, come la denominazione suggerisce in maniera abbastanza inequivocabile, prova il costante sospetto che il partner lo tradisca, anche senza alcuna evidenza logica.

[Seguiteci su FacebookTwitterGoogle+Issuu e Pinterest

Forse più nota la sindrome di Munchausen, disturbo a causa del quale il soggetto, nella maggior parte dei casi di sesso femminile, “finge” una malattia, producendo segni clinici, fittizi, che possono fare pensare a malattie diverse.

Per non dire della sindrome di Pickwick, dal romanzo di Charles Dickens, o di quella di Rip Van Winkle, che in maniera più propria è chiamata sindrome di Kleine-Levin e rappresenta un raro disturbo del sonno.

E poi c’è anche chi soffre della sindrome di Dorian Gray, che però non è ancora accettata dalla comunità medica come una malattia vera e propria; chi ne soffre sarebbe ossessionato dai difetti fisici, e dall’invecchiamento. Peccato che non esista un modo per vendere davvero l’anima in cambio della giovinezza eterna, si direbbe.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4 (2 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.