Corso online di Editing

Corso SEC - Scrittura Editoria Coaching

Corso online di Scrittura Creativa

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Letteratura cinese: una forza e una debolezza che pochi conoscono

Letteratura cinese: una forza e una debolezza che pochi conosconoLa letteratura cinese è al centro di quello che potrebbe configurarsi un nuovo caso nel mercato editoriale a livello mondiale, a causa di una contraddizione che sembra sorprendere.

 

Alcuni dati

In un recente articolo, apparso su ShangaiDaily.com, l’autore Yao Minij va direttamente al cuore del problema, citando espressamente alcuni dati:

«Solo l’8% dei titoli venduti in Cina lo scorso anno (1 milione e 600 mila per l’esattezza) sono stati opera di narrativa e, mentre più di 10 mila titoli hanno ottenuto opzioni di acquisto dei diritti di pubblicazione all’estero, soltanto in pochi casi questi libri sono effettivamente giunti sugli scaffali delle librerie dei lettori».

 

Questo genera, secondo Cixin Liu, che con la traduzione inglese del suo romanzo The Three-Body-Problem ha venduto 110 mila copie, una situazione contraddittoria perché se l’interesse per gli operatori del mercato sembra alto, questo va a collocarsi «in un mercato globale dove gli autori cinesi sono sconosciuti e, anche quando i loro libri vengono tradotti, l’interesse dei lettori resta molto basso».

 

Quali le cause?

Difficile individuare le cause precise di questa situazione, ma una prima spiegazione è giunta da Karin Betz, traduttrice in tedesco dal cinese fin dal 2008, per la quale la responsabilità principale potrebbe essere degli editori occidentali che si avvicinano alla letteratura cinese convinti di poter trovare «un Haruki Murakami cinese».

 

LEGGI ANCHE – “La Cina sono io” di Xiaolu Guo: nuove realtà cinesi

 

La stessa Betz, però, individua anche altri fattori legati alle abitudini di lettura in Occidente: «I romanzi cinesi tendono ad essere lunghi e non sono percepiti come “moderni” dai lettori occidentali». Lei stessa, ad esempio, dichiara di non aver mai visto un romanzo cinese che nella traduzione tedesca fosse al di sotto delle 400 pagine.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete le nostre pubblicazioni

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

E aggiunge: «La letteratura cinese fa sempre molto uso di proverbi, storielle vecchio stile e nomi di personaggi storici con cuii lettori occidentali non hanno alcuna familiarità», e questo limita l’appeal dei romanzi cinesi presso il grande pubblico.

 

E dopo il Nobel a Mo Yan?

Sembra che questa tendenza, caratteristica della letteratura cinese, non si sia attenuata nemmeno dopo il Premio Nobel a Mo Yan nel 2012.

«Mo Yan è stata la principale porta d’ingresso nella letteratura cinese, ma non sono sicuro che il Premio Nobel abbia avuto così tanta influenza sul lettore medio»: sono le parole di Dave Haysom, editor di «Pathlight», una rivista inglese che pubblica romanzi, racconti, poesia e saggi cinesi.

Letteratura cinese: una forza e una debolezza che pochi conoscono

Anche Karin Betz insiste in questa direzione: «Purtroppo, non vedo un grande cambiamento. Anche Mo Yan non raggiunge vendite accettabili in Germania. Almeno ora la gente sa chi è, ma non ha accresciuto l’interesse verso la letteratura cinese. Nonostante questo, però, c’è un gruppo di lettori interessati alla letteratura cinese e che vede quest’ultima come un modo per conoscere più da vicino la Cina. Il problema è che questo gruppo cresce troppo lentamente».

 

LEGGI ANCHE – La censura in Cina colpisce ancora: ritirata dal commercio una traduzione di Tagore

 

Quindi, nonostante il successo sul mercato internazionale di libri ambientati in Cina, come quelli di Pearl Buck, e di autori contemporanei come Amy Tan e James Clavell, ancora oggi scrittori cinesi importanti, come Mo Yan, hanno difficoltà ad attirare l’attenzione dei lettori occidentali.

 

Una nuova prospettiva?

Negli ultimi anni, però, editori cinesi e aziende specializzate nella compravendita di diritti hanno unito i loro sforzi per approcciare il mercato internazionale. Lo scorso anno, ad esempio, la Cina ha inviato una delegazione di 500 professionisti dell’editoria alla BookExpo America e simili approcci sono stati seguiti anche perla fiera del libro di Francoforte e per quella di Londra.

Il problema principale resta lo stesso, dunque: come aumentare l’interesse dei lettori occidentali verso la letteratura cinese? Certo che se anche Feng Tang definisce un mistero il suo successo, i risultati su larga scala non possono che venire con lentezza.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.5 (2 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.