Hai perso la voglia di leggere? 7 modi per farla tornare

Intervista ad Andrea Tomat, Presidente del Comitato di Gestione

Perché scrivere? Le ragioni di George Orwell

Continua a scendere il numero dei lettori – Dati Istat aggiornati

Leggere modifica il nostro cervello. I risultati di un nuovo studio

Leggere modifica il nostro cervello. I risultati di un nuovo studioDopo numerosi studi che dimostrano come leggere possa renderti una persona più empatica e migliorare la tua vita sociale, oggi vi presentiamo una nuova ricerca che prova come la lettura possa incidere sul tuo cervello provocando dei cambiamenti anche molto grandi.

Secondo un recente studio, pubblicato sulla rivista «Science Advances», il nostro cervello subisce dei cambiamenti quando impariamo a leggere e questi cambiamenti sono molto più grandi di quanto i ricercatori avessero mai ipotizzato in passato. Le conclusioni a cui è giunta questa ricerca potrebbero avere effetti straordinari sugli studi sulla dislessia, l’alfabetizzazione e il cervello nel suo insieme.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Dal punto di vista dell’evoluzione, la lettura e la scrittura sono funzioni relativamente nuove per gli essere umani, e per questo gli scienziati hanno sempre saputo che il nostro cervello ha subito qualche cambiamento per adattarsi e riuscire processare il linguaggio scritto. Ma per lungo tempo gli studiosi hanno creduto che questi cambiamenti avessero avuto luogo nella corteccia cerebrale, lo strato più esterno del cervello.

 

LEGGI ANCHE – 7 motivi perché leggere fa bene al cervello

 

Durante questo recentissimo studio, in cui gli studiosi hanno insegnato a leggere a un gruppo di trentenni analfabeti, i risultati hanno mostrato qualcosa di molto importante: imparare a leggere attiva le strutture molto più profonde del cervello nel talamo e nel tronco encefalico.

 

LEGGI ANCHE – Leggere ti aiuta a rimorchiare. Ecco perché

 

L’analisi finale ha incluso 30 partecipanti indiani, molti dei quali di sesso femminile che, a causa dell’accesso limitato all’istruzione, non erano in grado di leggere nemmeno una parola.

 

LEGGI ANCHE – Perché leggere fa bene? Ecco 5 motivi

 

Nel corso di sei mesi, ai partecipanti è stato insegnato a leggere da un insegnante professionista, a partire da parole base fino a giungere all’apprendimento di regole grammaticali di base. All’inizio della formazione i partecipanti erano in grado di leggere da zero a otto parole, ma per la fine dei sei mesi avevano raggiungo un buon livello di capacità di lettura.

 

LEGGI ANCHE – 10 cose che i libri possono fare per te

 

All’inizio e alla fine dello studio, i partecipanti sono stati sottoposti a una risonanza magnetica del cervello. Quando gli scienziati hanno analizzato i risultati delle risonanze, sono rimasti sorpresi perché i cambiamenti non riguardavano solo la corteccia esterna ma altre modifiche erano occorse a livello strutturale.

 

LEGGI ANCHE – Leggere migliora la tua vita sociale. Ecco perché

 

Come ha spiegato il ricercatore Falk Huetting a «Mental Floss»:

«Sembra che questi sistemi cerebrali sintonizzano sempre più la loro comunicazione man mano che i discenti incrementano le loro capacità di lettura».

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

Il significato di questi risultati potrebbe rivelarsi molto importante per chi è affetto da dislessia, perché suggerisce che il cervello umano è molto più adattabile di quanto si pensasse fino ad ora. Huetting è anche molto coinvolto dalle implicazioni di questi esiti per le centinaia di milioni di adulti analfabeti nel mondo perché a questo punto «i programmi di alfabetizzazione potrebbero avere maggiori possibilità di successo nell’aiutare queste persone».


Per la foto, copyright: Glenn Noble.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.5 (2 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.