14 scrittori famosi e le loro ultime parole

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Le ultime parole di 7 scrittori russi

Le ultime parole di 7 scrittori russiÈ stato Lev Tolstoj a scrivere nel suo diario: «La parola di una persona in fin di vita è particolarmente significativa».

 

Ed è con questo spirito che, grazie a «Russia Beyond the Headlines», oggi vi proponiamo le ultime parole di sette scrittori russi così come pronunciate negli ultimi momenti della loro esistenza terrena.

 

LEGGI ANCHE – Quanto guadagnavano gli scrittori russi più importanti

 

1. «Amo la verità»

Le ultime parole di 7 scrittori russi

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

All’età di 83 anni, Lev Tolstoj fuggì nella sua tenuta a Jàsnaja Poljàna, a 200 Km da Mosca. Accompagnato da sua figlia e da un medico, viaggiò in una carrozza ferroviaria di terza classe. Durante il viaggio prese un brutto raffreddore,che virò in polmonite. Già delirante, lo scrittore disse: «Amo la verità».

 

LEGGI ANCHE – Quella volta che un ragazzino povero diede una lezione a Tolstoj

***

2. «Una certa farfalla è già in volo»

Le ultime parole di 7 scrittori russi

Il Premio Nobel per la Letteratura Vladimir Nabokov s’interessò a lungo di entomologia ed era un accanito collezionista di farfalle. Il figlio Dmitrij racconta che quando stava dicendo addio al padre, gli occhi del moribondo si riempirono improvvisamente di lacrime: «Gli ho chiesto perché. E lui mi disse che una certa farfalla era già in volo…».

 

LEGGI ANCHE – I più grandi capolavori del XX secolo secondo Vladimir Nabokov

***

3. «Sto morendo. È passato così tanto tempo dall’ultima volta che ho bevuto champagne!»

Le ultime parole di 7 scrittori russi

Lo scrittore e medico Anton Čechov morì di tubercolosi a Badenweiler, località turistica della Germania. Secondo una vecchia tradizione tedesca, il dottore che diagnostica una malattia mortale a un paziente lo tratta con lo champagne. Le ultime parole di Čechov erano rivolte al medico.

 

LEGGI ANCHE – Le 8 qualità delle persone colte secondo Anton Čechov

***

4. «La Russia mi ha mangiato come uno stupido maiale mangia il suo porcellino»

Le ultime parole di 7 scrittori russi

Il poeta simbolista Alexander Blok si ammalò gravemente nella primavera del 1921. La malattia fu causata dalla fame durante la guerra civile, da un esaurimento nervoso e dal fatto che l’intellighenzia russa non accolse con positività il suo poema rivoluzionario I Dodici. Lo scrittore Maksim Gor'kij, il Commissario del Popolo Anatolij Lunačarskij e altri amici del poeta provarono a ottenere un permesso per farlo curare all’estero, ma il Politburo del Partito bolscevico lo impedì. Blok morì lo stesso giorno in cui gli fu rilasciato un passaporto con il relativo permesso di viaggio.

 

LEGGI ANCHE – Le stranezze di 4 scrittori russi

***

5. «Ti ho amata e non ti ho tradito una sola volta, nemmeno nei miei pensieri»

Le ultime parole di 7 scrittori russi

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

Queste sono state le ultime parole che lo scrittore Fëdor Dostoevskij rivolse a sua moglie Anna.

Nell’arco del loro matrimonio, la coppia visse separata soltanto per un paio di giorni. Anna non fu solo la moglie dello scrittore, ma anche l'assistente. Copiò i suoi manoscritti, si occupò dei rapporti con editori e tipografi e aiutò il marito a vincere il vizio del gioco.

 

LEGGI ANCHE – “Delitto e castigo” di Fëdor Dostoevskij in un bellissimo film animato

***

6. «Non sparerò a questo sciocco»

Le ultime parole di 7 scrittori russi

Durante il duello tra il poeta Michail Lermontov e Nikolaij Martijnov, nessuno dei due sparò dopo l’usuale conteggio dei passi, così Martijnov gridò: «Spara, o finirò io questo duello». Lermontov con molta calma rispose: «Non sparerò a questo sciocco». Tali parole infastidirono Martijnov che premette il grilletto prima di correre dal poeta e dire: «Misha, perdonami!». Ma Lermontov era già morto.

***

7. «Portami la scala»

Le ultime parole di 7 scrittori russi

L’immagine di una scala è uno dei principali misteri dello scrittore Nikolaj Gogol'. Da piccolo, sua madre era solita raccontargli una storia a proposito di una scala che portava le anime della gente fino in Paradiso. Anche se in diverse varianti, quest’immagine è presente in molte opere di Gogol’.

 

LEGGI ANCHE – “Il naso” di Gogol' in una straordinaria versione animata

 

Secondo alcuni testimoni presenti sul luogo, le ultime parole dello scrittore furono: «La scala, presto, portami la scala».

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (2 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.