Come leggere un libro

Perché è importante leggere

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Le streghe del Sud e i loro misteri. “Arruina” di Francesco Iannone

Le streghe del Sud e i loro misteri. “Arruina” di Francesco IannonePuntata n. 87 della rubrica La bellezza nascosta

 

«Verranno a cercare la tua bambina perché la loro vita dipenderà dalla sua morte. E voi vi ammalerete di mancanza. La Sperduta, la chiamerete così, vi mancherà come manca un arto a un monco, come mai il monco si disabitua al gesto ovvio. Una maledizione si abbatterà sulla sua nascita, antica come i segni dei pestelli nei mortai di pietra, come la cenere che il dio soffiò nelle crepe del mondo…»

 

Il Cilento è una terra antica, un luogo dove dalla notte dei tempi si narrano vicende suggestive, epiche, gesta di eroi, di condottieri, di navi e di greci. Ma questo luogo bellissimo, incastrato tra mare e montagna, è anche uno scrigno, un baule di leggende e superstizioni, di personaggi che si nominano e si tramandano di generazione in generazione, diventando a loro modo immortali.

E allora se da bambino sei appartenuto a queste terre, hai sicuramente sentito parlare di Janare e di streghe, di lune piene, di fantasmi, perché questa parte del meridione è un accumulo di fiabe, di storie, di racconti che suonano ancora come la prima volta che sono stati rivelati.

È da questo movimento che parte il romanzo Arruina pubblicato da Il Saggiatore e scritto da Francesco Iannone, nato a Salerno.

Le streghe del Sud e i loro misteri. “Arruina” di Francesco Iannone

Vuoi conoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

 

Ci troviamo in un piccolo paese dove alcune vecchie signore predicono al protagonista che quando verrà al mondo La Sperduta (sua figlia) verrà rapita dalle Nerissime, delle streghe. La porteranno via dalle braccia dei genitori perché la nascita di questa bambina metterà a repentaglio la loro vita prosciugando le acque della fonte che le rende immortali. Inizia così un viaggio oscuro dei genitori della bambina scortati dagli abitanti del villaggio per salvare La Sperduta.

«Vediamo qualcosa scivolare lentamente dalle mura. Sono scorie, scarti, residui. Ciò che resta della Grande Madre. Il Poeta Antico le pulisce le labbra con un fazzoletto, le bacia le mani, le rimuove lo sporco dalle natiche. Nelle pieghe della pelle della Grande Madre il sudore brilla come una brace vispa, e il Poeta Antico ne beve avidamente. Le pieghe, il tenebrore dei risvolti, la polluzione che le macchia la veste, la degradazione del sangue nel corpo, e un uovo di cuculo. Lo ha espulso, con molta fatica si è procurata lo spappolamento della milza.»

 

Il romanzo di Francesco Iannone attinge a piene mani dall’immaginario gotico campano, va a maneggiare storie antiche come la terra stessa e lo fa con eleganza, con maestria.

Le streghe del Sud e i loro misteri. “Arruina” di Francesco Iannone

LEGGI ANCHE – Tutte le puntate di La bellezza nascosta

 

Arruina è una storia cupa, piena di incubi, colma di figure disperate, e la cosa che balza di più all’occhio durante la lettura di queste pagine è la lingua di Iannone, una lingua splendente, uno stile prezioso e a tratti affilato; le parole di Iannone arrivano come stilettate, arrivano come disegni che si formano nell’aria e ci mettono davanti agli occhi forme di animali e di mostri e di persone, e lo fanno con vigore, con forza, con assoluto controllo.

Arruina non è un romanzo classico, non è una storia che si sviluppa in maniera lineare, le pagine di questo romanzo sono piene di parole che messe insieme costruiscono delle fortezze, mettono al mondo delle roccaforti, sono parole che ci entrano in circolo come se tutto il libro fosse un’unica poesia, un unico gesto di avvicinamento verso la salvezza.

«La Sciangata piega la testa in avanti. La fa cadere nelle mani. Piange. Con il bambino in braccio. Con le ustioni sul corpo. E il bambino le cresce sulle gambe, le allunga i gomiti nello stomaco. È un bambino e a forza di correre ha le labbra levigate di respiri, ha i respiri spezzati dall’affanno. «Io sono il bambino che frugava l’ossigeno tra le fiamme» dice. «Sono lo stesso bambino che hai salvato, ti ricordi?». Ma La Sciangata non vede più, le lacrime le arrossano le pupille, e se ne sfrega pazzamente con le dita, e si vorrebbe strappare gli occhi.»

Le streghe del Sud e i loro misteri. “Arruina” di Francesco Iannone

Francesco Iannone ci racconta così una fiaba buia, ci racconta un percorso di sofferenza e orrore, ci parla di un’irrealtà su cui lui imprime con vigore la penna, fino a farla diventare concreta, tangibile.

Arruina è qualcosa che va al di là di molta letteratura contemporanea, è un passo rischioso, coraggioso, ma riuscito; la scrittura dello scrittore campano è sicuramente la cosa che più riesce a creare un impatto, una scrittura piena di ritmo, piena di energia, mai banale, mai doma.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Il sud Italia è una terra di cose tramandate, di terre leggendarie, di lunghi silenzi, di notti piene di stelle e di racconti che i nonni hanno sussurrato ai nipoti, vicino ad un camino la notte di Natale.


Per la prima foto, copyright: Katherine Hanlon su Unsplash.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (3 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.