In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Perché è importante leggere

Le paure di un bambino. “Per chi è la notte” di Aldo Simeone

Le paure di un bambino. “Per chi è la notte” di Aldo SimeoneIl primo romanzo diAldo Simeone, Per chi è la notte, è nelle librerie per Fazi Editore. E anticipa l’uscita con un’interessante intervista nella quale l’autore stesso racconta la genesi della sua storia.

«[…] ho visto un mostro uscire dallo sciacquone di un autogrill. L’ho visto. Usciva dallo sciacquone. Era un mostro. Ho avuto paura, una paura folle.»

 

Secondo le parole di Aldo Simeone, questo è uno degli episodi che hanno maggiormente influenzato la sua crescita e il suo rapporto con la realtà e quello che il resto degli adulti definisce “allucinazioni”.

La paura, infatti, è il sentimento che, più di ogni altra cosa, emerge da Per chi è la notte. Un’emozione che il protagonista undicenne, Francesco, sente e vive quotidianamente, nel bene e nel male. Il soggetto delle sue paure, questa volta, non sono i bagni degli autogrill, ma un bosco e i segreti che nasconde.

L’infanzia ha qualcosa di magico in questo senso, ti permette di creare oltre il possibile, alimenta immagini e visioni a partire da singole parole o semplici racconti, come quelli degli abitanti di Bosconero.

 

Vuoi conoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

 

Francesco ascolta, osserva e vede, oltre gli alberi del bosco lui vede delle luci e riconosce in esse le leggende sugli streghi: spiriti che, dopo il tramonto, si aggirano per il bosco con un cero in mano, il loro indice che arde e non si consuma mai.

Le paure di un bambino. “Per chi è la notte” di Aldo Simeone

Eppure il protagonista ne è affascinato, trascorre le sue giornate giocando, spesso in solitudine o con Secondo, un ragazzo più grande e dai modi rudi, arrabbiato con il padre e con il mondo, ma il pensiero del bosco non lo abbandona mai.

Risulta evidente come quelle storie rappresentino, per lui, un ancora di salvezza rispetto a una paura ben più importante: quella della guerra.

Bosconero, un paesino disperso fra i monti della Garfagnana, sembra infatti essere rimasto escluso dalla Storia che coinvolge il resto delle cittadine italiane. Storie e leggende sembrano persino avere più importanza rispetto alle notizie che arrivano dal fronte ma, quello che aleggia fra mura delle abitazioni, è un terrore silenzioso, e non per questo assente.

Francesco vive con la madre e la nonna, isolato dal resto dei coetanei perché, secondo le dicerie paesane, è figlio di un disertore. Una vergogna, quest’ultima, che lo accompagna assieme a terrore degli streghi e della loro domanda senza risposta: «Per chi è la notte?»

Le paure di un bambino. “Per chi è la notte” di Aldo Simeone

Ma qualcosa è destinato a cambiare: dopo l’arrivo dei nazisti, Francesco scopre che il parroco di Bosconero ospita dei misteriosi bambini, fra i quali Tommaso.

Capelli rossi e occhi verdi, Tommaso sembra ricordare al lettore la volpe de Il piccolo principe; è un bambino scampato alla guerra, ha appena dodici anni ma è in fuga solitaria da una città che, secondo i suoi racconti, è stata bombardata e distrutta dalla guerra.

Malgrado le esperienze vissute, Tommaso non sembra un ragazzo infelice, dalle sue labbra escono frasi singolari, bizzarre ma dense di significato:

 

«Facciamo così: dimmi un segreto».

«Eh?»

«Tu mi dici un segreto e io ti dico un segreto a te, e così siamo amici, perché siamo legati allo stesso obbligo di silenzio».

 

Tommaso offre la sua amicizia a Francesco e diventa per lui una specie di angelo custode, fra i due scatta una scintilla, qualcosa che basta ad alimentare un senso di appartenenza e di conforto. La paura di Tommaso è quella vera: le bombe, le sirene, la guerra; ma quella di Francesco non è meno reale: il bosco e gli spiriti che lo vivono.

Accompagnati dallo stesso sentimento, i due ragazzi scopriranno cosa significa prendersi cura dell’altro, proteggersi, e trovare il coraggio di combattere ciò che più li terrorizza.

 

«Dunque ora siamo amici. Sai qual è il prossimo passo?».

Non lo sapevo.

«Bisogna occuparci dei nostri segreti, tu del mio, io del tuo».

«In che senso?».

«Bisogna curarli, perché non ci pungano più».

 

Grazie a Tommaso, Francesco si convince a violare quel suo limite invalicabile e a vedere cosa nascondono, davvero, quegli alberi colmi di mistero.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Per chi è la notte si presenta così, come un romanzo di formazione, una storia che racconta, attraverso lo sguardo ingenuo di un bambino, la Storia e la guerra. In Per chi è la notte, Aldo Simeone parla al lettore con un linguaggio semplice ed elementare, proprio come quello utilizzato dai protagonisti: schietto, sincero ma non per questo banale.


Per la prima foto, copyright: Imat Bagja Gumilar su Unsplash.

Il tuo voto: Nessuno Media: 3 (1 vote)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.