In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Perché è importante leggere

Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Le parole inspiegabili. “Nel nome” di Alessandro Zaccuri

Le parole inspiegabili. “Nel nome” di Alessandro ZaccuriIl nuovo libro di Alessandro Zaccuri, Nel nome, edito dalla milanese NN, si offre come un’occasione di riflessione e di raccoglimento intorno ai nomi – «parole inspiegabili, resistenti ai significati», come definito in esergo (cfr. Preghiera del nome, del poeta Cesare Viviani) – e soprattutto intorno a uno di essi, il più ricco di mistero fra i tanti e tanti nomi possibili: Maria.

Rilevante è la scelta di pubblicare il volume in una serie, dallo stesso autore «ideata e accompagnata», intitolata CroceVia, poiché soffermarsi su “Maria”, nome in cui si ritrova «tutto» significa aver incontrato, letto e dunque attraversato «le pietre di Palestina, le vetrate di Chartres, le Vergini fiamminghe, le Maestà dell’Umbria, l’oro delle icone […] ma anche i gessetti dei madonnari […] le brutte serigrafie appese in cucina […] l’inchiostro povero delle immaginette che stingono dentro i portafogli» vicino alle fotografie di figli e nipoti, come per proteggerli.

Possiamo ben ritenere quest’opera, anche in ragione della collana in cui è inserita, una Via Crucis, un percorso di continue sofferenze e agnizioni verso la consapevolezza della sacralità celata nel nome.

 

Desideri migliorare il tuo inedito? Scegli il nostro servizio di Editing

 

Partendo dall’immagine apparentemente ordinaria, ma forse proprio perciò così poetica, di un cartellone pubblicitario, l’alter ego dell’autore intraprende la sua avventura dello spirito, nel cuore di questo nome che ha il suono della «promessa»: racconta la storia di «Maria», intrecciando con perizia immaginario privato e universale, includendo vicende familiari e letterarie, trascorrendo dalla meditazione ampia al riferimento puntuale.

I passaggi da una dimensione all’altra sono semplicemente segnalati da uno stacco, un rigo bianco sulla pagina, una riflessione nella riflessione.

In ogni storia è nascosto e vive il nome di Maria; pulsa sotto la pagina, nel cuore d’inchiostro delle lettere: è quello immaginato dall’autore per indicare la proprietaria del casto e leggiadro paio di gambe accennanti un passo di danza sopra un manifesto; è il secondo nome (nome segreto) della mamma del narratore, Anna, stroncata dalla leucemia il 28 febbraio del 1983.

Le parole inspiegabili. “Nel nome” di Alessandro Zaccuri

Tra l’ingenuità del Balla Maria e la sofferenza della Via Crucis di una madre trafitta dalle spade del dolore e della malattia, la voce narrante, accompagnata dall’amico Fabio, cui il libro è dedicato, arricchisce la sua storia personale costellandola di segreti, angosce e quesiti.

Ogni domanda, ogni pensiero nasce e viene valorizzato dal riferimento costante, spesso volutamente esibito, al mondo dell’arte e della letteratura.

Superata la metà del suo nuovo libro, Nel nome, durante una pausa discorsiva dalla protratta meditazione e dal raccoglimento intorno ai nomi, Alessandro Zaccuri ammette di aver «sempre avuto il timore di riuscire a conoscere il mondo solo attraverso i libri» ma si giustifica riconoscendo che, col tempo, quest’inclinazione è diventata uno «scambio […] più complesso, inesauribile», necessario: in queste parole si legge tutta l’urgenza che lo spinge a una marcia a tappe forzate tra opere, scrittori ed epoche.

Ecco dunque dispiegarsi, tra le pagine, i nomi di Shakespeare, con Romeo e Giulietta; Dante, tra i rimandi alle vicende di Bonconte da Montefeltro (Purg., V) e di Francesca da Rimini (Inf., V); Leopardi; viene nominato il poeta e traduttore Giorgio Caproni; Melville e Conrad sono presenti con i loro capolavori Moby Dick e Cuore di tenebra.

In molti casi è la cinematografia ad accompagnarsi al rimando letterario e a offrire ulteriori spunti: West Side Story, Apocalypse Now, Il Vangelo secondo Matteo di Pasolini e tante altre pellicole si trasformano in occasioni per riflettere su Maria, nome - sembra volerci dire l’autore - celato nelle pieghe di ogni racconto.

Le parole inspiegabili. “Nel nome” di Alessandro Zaccuri

Pure l’arte figurativa racconta e rappresenta storie, storie di Maria: anch’essa diventa quindi uno specolo per osservare sotto nuove prospettive le innumerevoli forme concrete di questo nome.

Nelle pagine dedicate all’Annunciazione di Lorenzo Lotto, al Compianto sul corpo di Cristo di Lippo di Benivieni e alla Crocifissione di Giotto conservata presso il Musée des Beaux-Arts di Strasburgo l’autore raduna una folla di donne, le cui figure s’immillano l’una nell’altra su uno sfondo di luce dorata: molte di esse si chiamano Maria e tutte hanno segnato il passaggio terreno del Salvatore.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

In queste righe, forse le migliori di tutta l’opera insieme a quelle che ripercorrono gli itinerari, i dolori e le scelte delle tante Marie nei Vangeli canonici, in quelli apocrifi e nella Legenda aurea di Jacopo da Varagine, emergono la garbata eleganza e l’efficacia visiva della scrittura di Alessandro Zaccuri, che con questo volume ha posto il momentaneo suggello alla serie CroceVia, offrendo ai lettori l’occasione per riflettere intorno ai nomi, parole misteriose, inspiegabili, che resistono ai significati.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.