Come leggere un libro

Perché è importante leggere

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Le ossessioni di un uomo qualunque. “Taccuino delle piccole occupazioni” di Graziano Graziani

Le ossessioni di un uomo qualunque. “Taccuino delle piccole occupazioni” di Graziano GrazianiPuntata n. 110 della rubrica La bellezza nascosta

 

«Quando Girolamo se ne va dalla casa dei suoi amici poeti, artisti e intellettuali, spesso si sente triste. Qualche volta persino arrabbiato. Quando ne esce furioso, Girolamo pensa che quei suoi amici sono davvero della gente malsana. Tutti quasi obesi, pingui, con la pelle rovinata e spesso senza qualche dente. E tutti soli, nelle loro case maleodoranti, eternamente soli se non fosse per quelle visite di Girolamo. E allora lui pensa che questi intellettuali sono davvero degli esseri abietti, che le loro sono delle esistenze meschine, che però si lasciano dietro nel mondo delle meravigliose astrazioni, delle scie luminose che illuminano il buio dell’esistenza. Della loro, meschina, e saltuariamente di quella degli altri».

 

Siamo bravi a mancarci, a sfiorare le persone che avrebbero potuto cambiarci la vita. Siamo bravi a mancare le nostre occasioni, siamo pieni di momenti sbagliati, arriviamo sempre quando è tardi o quando è troppo presto e non abbiamo capito come si fa a restare in mezzo agli altri, in che modo respirare quando un altro volto è troppo vicino al nostro; non sappiamo leggere il libretto delle istruzioni o ci illudiamo che ci possa essere un libretto delle istruzioni.

 

Vuoi conoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

 

Proviamo infiniti spostamenti facendo sempre attenzione a non muoverci dal nostro centro e allora oscilliamo, semplicemente, ci muoviamo a destra e a sinistra e indietro e a volte in avanti e tutto senza fare un singolo passo.

Le ossessioni di un uomo qualunque. “Taccuino delle piccole occupazioni” di Graziano Graziani

Ma soprattutto riusciamo a illuderci ancora e ancora e riusciamo a vedere una speranza sopra un viso che quella speranza ce l’ha fatta a brandelli troppe volte, troppe ore, troppi giorni, giorni che per noi sono stati flagelli, punizioni, meriti, medaglie incastrate dentro la pelle del torace.

Graziano Graziani è nato a Roma nel 1978, Taccuino delle piccole occupazioni è stato pubblicato da Tunué.

Girolamo è un giovane uomo che non smette mai di guardarsi intorno, sempre colmo di un ragionamento continuo con se stesso, vaga per una città che a tratti gli appare straniera, vaga alla ricerca di qualcosa, di una minima cosa che possa allietare o cambiare anche una singola ora. Nel suo peregrinare tra luoghi e pensieri c’è un punto fisso, Viola, un amore perduto e vissuto e ancora perduto; una donna che forse rappresenta l’impresa impossibile, un’utopia.

Le ossessioni di un uomo qualunque. “Taccuino delle piccole occupazioni” di Graziano Graziani

Graziano Graziani ci racconta la vita e la solitudine e le ossessioni di un uomo qualunque, ci conduce dentro la mente di Girolamo che è nato il 29 febbraio e che come il giorno del suo compleanno vive a intermittenza.

 

LEGGI ANCHE – Tutte le puntate di La bellezza nascosta

 

La scrittura di Graziano muta come mutano gli eventi che ruotano intorno al suo personaggio, è una scrittura piena che riesce a darci l’idea di quello che accade a Girolamo, di quello che vive dentro di lui e intorno a lui, una penna piena, che si muove e si adagia a seconda della velocità o della lentezza di quello che capita dentro le pagine.

«Ma poi che cosa vuol dire essere posseduti da un Dio in un’epoca dalle fedi così scialbe? Forse, pensa Girolamo, tutto quell’entusiasmo che vede traboccare dagli schermi, dai giornali, dai corsi di autostima e dalle lezioni dei life coach è il corrispettivo del vitello d’oro, un idolo vuoto costruito da una società di idolatri. E poi di colpo Girolamo realizza che per lui quella distinzione tra fede e idolatria non ha senso alcuno. Che si tratti di un entusiasmo genuino o di un entusiasmo indotto, Girolamo resta sempre e comunque uno degli esseri umani che ha meno a che fare con quella strana possessione».

Le ossessioni di un uomo qualunque. “Taccuino delle piccole occupazioni” di Graziano Graziani

Taccuino delle piccole occupazioni è un libro che parla a tutti e forse è il libro che racconta qualcosa di tutti noi, che prova a esplorare lo sporco, ciò che vive sotto il tappeto; un romanzo che ci porta a vedere sotto la lente di ingrandimento la vita di un uomo comune, che ci conduce dentro le sue paranoie e le sue speranze e dentro tutte le cose che vede morire e che è costretto a lasciare andare, giorno per giorno, tutti i suoi pezzi che deve abbandonare strada facendo.

«Quando si conosce il proprio destino di dissoluzione, il mondo è già un’ombra. Ma quello che non torna, a Girolamo, è il perché della realtà scintillante e integra, quel mondo che esiste davvero, tangibile e reale, sia vissuto sostanzialmente da pazzi. Da invasati, esaltati, dopati quali sono i ragazzini che infestano la piazza. E mentre pensa questo, Girolamo, fa un piccolo balzo in avanti e quasi correndo poggia le natiche sulla panchina».

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Non riusciamo a essere sicuri mai di niente, e quelle poche volte in cui invece lo siamo, sbagliamo.


Per la prima foto, copyright: Drew Hays su Unsplash.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (4 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.