Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Conoscere l'editing

Curiosità grammaticali

Interviste a scrittori

“Le isole di Norman” di Veronica Galletta, un esordio premiato dal Campiello Opera Prima

“Le isole di Norman” di Veronica Galletta, un esordio premiato dal Campiello Opera PrimaVeronica Galletta, ingegnere idraulico con la passione per la scrittura, si è appena aggiudicata il Premio Campiello Opera Prima con Le isole di Norman (Gaffi/Italo Svevo, 2020), un romanzo ambientato a Siracusa, sua città natale.

Per chi non la conosce, Siracusa è una città molto particolare, costruita in parte sulla terraferma, dove si trovano i resti dell’antico insediamento greco e le costruzioni sorte in tempi più recenti, in parte sull’isola di Ortigia, che è collegata al resto dell’abitato con due ponti, dove si era insediata la città medievale, nei secoli bui in cui un’isola era più difendibile dai nemici e dalle scorrerie dei pirati.

 

Desideri migliorare il tuo inedito? Scegli il nostro servizio di Editing

 

Ortigia rappresenta per gli stessi siracusani una sorta di città nella città, tanto che, per chi ci abita, percorrere i due ponti che la uniscono alla terraferma – o la separano da essa, a seconda dei punti di vista – costituisce un atto un po’speciale, equivalente al passaggio da un mondo all’altro.

La storia si svolge al principio degli anni Novanta, quando su Ortigia si è trasferita da tempo la famiglia di Elena, una giovane studentessa in procinto di iscriversi all’università. Il padre è un insegnante che è stato per anni un impegnato militante dell’ex Partito Comunista, di cui però non comprende e non approva i cambiamenti più recenti, mentre la madre, in preda a un’oscura forma di depressione che la porta a isolarsi dagli altri, si è autoreclusa nella sua stanza, circondata da pile di libri che modifica e posiziona sul pavimento seguendo dei rituali incomprensibili al marito e alla figlia, con i quali comunica sempre più raramente.

“Le isole di Norman” di Veronica Galletta, un esordio premiato dal Campiello Opera Prima

Il giorno in cui la madre scompare all’improvviso da casa senza dare più notizie di sé, Elena non crede affatto che si possa essere suicidata, cosa che sembra invece temere il padre, perciò inizia a cercarla, tentando di collegare le mappe immaginarie disegnate dalla donna sul pavimento della sua stanza ai luoghi reali di Ortigia, dove esiste qualche possibilità che la donna si sia rifugiata. Le tappe della sua ricerca diventano presto una specie di pellegrinaggio a ritroso nella tormentata storia della famiglia, in un tentativo di comprendere i motivi che hanno portato alla sua totale disgregazione e alle diverse sofferenze dei genitori.

Facendo questo, però, Elena è costretta a fare luce su un evento traumatico che ha segnato in modo indelebile la sua infanzia: un grave incidente di cui porterà per sempre le tracce sul proprio corpo, ma di cui tutti sembrano stranamente aver rimosso o dimenticato le esatte circostanze in cui è avvenuto.

“Le isole di Norman” di Veronica Galletta, un esordio premiato dal Campiello Opera Prima

Per andare avanti nel suo percorso di vita, Elena ha bisogno di conoscere la verità, sfrondata di tutti i falsi ricordi e le costruzioni fantastiche operate dalla sua problematica famiglia nel corso del tempo. Come i personaggi de L’isola del tesoro, il libro che il padre le leggeva quand’era bambina, anche Elena deve esplorare le differenti isole della sua vita: la magica Ortigia, prima di tutto, raccontata dall’autrice come un luogo insolito e un po’ sospeso nel tempo e nello spazio, prima dell’avvento del turismo di massa che l’ha resa una meta interessante, ma forse l’ha privata di parte del fascino che traspare dalle pagine del romanzo. In seconda battuta, però, Elena deve fare i conti anche con le cicatrici sparse sul suo corpo, proprio quelle che da bambina, nei momenti peggiori della sofferenza, aveva iniziato a chiamare “isole”, e che sono anche cicatrici dell’anima.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

Le isole di Norman si presenta dunque come un esordio promettente, come dimostra il riconoscimento ottenuto dalla giuria del Premio Campiello Opera Prima.


Per la prima foto, copyright: Megan Kotlus su Unsplash.

Per la terza foto, la fonte è qui.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4 (1 vote)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.