Perché è importante leggere

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Le fedeltà ai principî. "I padri e i vinti" di Giovanni Mastrangelo

Le fedeltà ai principî. "I padri e i vinti" di Giovanni MastrangeloLa corsa mozzafiato della società italiana dagli anni del secondo dopoguerra fino alla fine del Novecento è fotogrammata tra le pagine de I padri e i vinti di Giovanni Mastrangelo per La Nave di Teseo, casa editrice che con grande merito ha pubblicato non solo quest’ultimo romanzo dell’autore (parte, insieme a Il sistema di Gordon, di una tetralogia in fase di costruzione), ma anche ripubblicato alcune sue opere precedenti.

Nella citazione tratta da 2066 di Roberto Bolaño e messa in esergo, è racchiuso il senso completo del libro di Mastrangelo: il generale rumeno Eugenio Entrescu, crocifisso dai suoi stessi soldati nel 1944 durante la ritirata dalla campagna di Russia, per lo scrittore cileno è un tiranno senza possibilità di perdono e un dio da cui affrancarsi. Allo stesso modo, i personaggi della saga familiare che compone I padri e i vinti cercano di emancipare le loro vite da tre grandi àmbiti di costrizione universale: lo Stato, la Chiesa e la Famiglia ai quali, con il passaggio di secolo e la globalizzazione, si aggiungerà il Mercato.

 

Desideri migliorare il tuo inedito? Scegli il nostro servizio di Editing

 

È affascinante e tortuoso ma molto limpido, nelle sue forme di espressione, il percorso che i personaggi tratteggiati da Mastrangelo seguono per approdare a nuove formule di vita, nate dalle loro stesse cellule ma rigenerate e ricomposte ogni volta che la relazione con gli altri e con la collettività si trasforma per adattarsi al mutare di ciò che accade nel mondo. «Fuori dove?» è la domanda ricorrente di questo libro, che sottolinea come ogni individuo esista solo in relazione con gli altri, in un continuo lavorio fisico e mentale.

Le fedeltà ai principî. "I padri e i vinti" di Giovanni Mastrangelo

Il libro prende avvio nell’aprile del 1945, sulle orme di un gruppo di partigiani nascosti sulle prealpi bergamasche, e di una borghese famiglia di sfollati di Milano, che apparentemente non ha nulla in comune con i partigiani ma che con loro stipulerà a bruciapelo un patto di sangue: un patto silenzioso, anzi, taciuto, che cambierà per sempre il corso e la portata degli eventi. È lunga la carrellata dei personaggi che sfilano sotto gli occhi del lettore: il ragionier Pietro Cristaldi, «un fascista – deluso forse, ma pur sempre un fascista come la maggioranza degli italiani solo fino a qualche anno prima»; sua moglie Flora, per la quale essere fascista non è stata una scelta ma «una conseguenza naturale delle cose», e incarna la società patriarcale delle «madri di famiglia», le donne per le quali a decidere sono il marito e il Duce, e «così deve essere»; Carmela, la ricca bottegaia del paese; Marina, la venditrice di legna, maga o strega; Bortolo, accusato di essere una spia fascista. E i figli e nipoti di tutti loro, che trascinano sulle spalle lo stesso grande problema di coscienza dei genitori: «la fedeltà ai principî».

Di quanto fosse sfilacciata la corda che ha tenuto insieme le anime del Paese nel secondo dopoguerra i romanzi, forse, non hanno raccontato abbastanza. Gli Anni di Piombo e l’eroina, intrecciati nello stesso flusso sanguineo; la sconfitta dell’ideale fascista e borghese di futuro, di quel «trionfo culturale oltre che sociale della nuova borghesia. Così si forma una nazione»; la rassegnazione all’imperversare del caso, che domina la vita dell’uomo. Con tutto ciò si misurano i personaggi di Mastrangelo, in un furibondo corpo a corpo che spesso si scioglie in tenerezza, mediato dalla seduzione di cui solo l’essere umano è capace e che supera ogni ideologia, sbriciola la politica, fa sfumare la religione. I protagonisti di questa storia spariscono spesso, lasciando il lettore sul bordo dell’irritazione, per poi ricomparire quando davvero c’è bisogno di loro anche solo per averli accanto in silenzio, e non è facile che una scrittura renda con tanta purezza il non detto e lo trasformi in confortante presenza fisica. C’è molto spazio per la mitologia, in questa storia, forse perché solo un carattere e una proporzione leggendaria del personaggio possono riempire certi vuoti. E, al tempo stesso, c’è spazio per la scienza, la biologia, per il rimestarsi delle cellule tra loro a formare l’unità: due falde perfettamente simmetriche che, con testardaggine a volte crudele, la famiglia Cristaldi s’impegna a mantenere unite come territorio del proprio esistere.

Le fedeltà ai principî. "I padri e i vinti" di Giovanni Mastrangelo

Il motore dei quattro decenni di storia personale e nazionale che il libro attraversa hanno come collante la paura come modo di sentirsi vivi. Vera, la figura femminile che impregna di sè e della propria assenza ogni riga, odia la paura degli uomini che la circondano, che siano il padre, il fratello, il compagno partigiano, un amante. Sarà lei a spingere tutti gli altri a balzare fuori dalla paura, a capire che la paura è una forma d’ansia che, se la si capovolge, diventa speranza: «Prima di proiettarsi fuori da noi e trasformarsi in desiderio o in bisogno di qualcuno o di qualcosa, la speranza è in origine un impulso che esiste in natura e non appartiene soltanto agli esseri umani». In bilico tra il mito e la ferocia, Vera saprà regalare ai genitori, in un atto d’amore che sgomenta, la possibilità più grande: riparare agli errori e non sentirsi più individualmente responsabili del passato; riacciuffare la speranza. «Speranza è senso di futuro, futuro collettivo», ma è anche perdonarsi, e «non c’è differenza tra perdonare e pentirsi».

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

La speranza prende corpo in Antonio facendosi spazio a colpi di dolore; vivrà sei vite diverse sotto uno stesso nome, tre nel mondo di fuori e tre nel proprio intimo, ma sarà l’ultima a prendere il sopravvento. Dovrà avvicinarsi alla croce del generale Entrescu, come fecero i suoi soldati, per capire se riuscirà a superare la menzogna e il tradimento in cui crede di aver vissuto per tanti anni; oppure se quel dio nudo, arreso e appeso, quella madre che piange ai suoi piedi dalle unghie sporche, non gli stiano invece annunciando che finalmente può scegliersi la vita da solo.

Sull’opportunità o meno di conoscere i segreti altrui che condizionano la nostra esistenza in maniera indelebile Javier Marías ha scritto molto, ma Giovanni Mastrangelo riformula le regole del duello tra sentimenti contrastanti, tra idea di resistenza e capacità di perdonare, e la estende a I padri e i vinti, perché la conciliazione appartenga davvero di tutti, per sempre.


Per la prima foto, la fonte è qui.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (2 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.