Perché è importante leggere

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Le carezze pesanti dell’amore. “Con le mani cariche di rose” di Michele Caccamo

Le carezze pesanti dell’amore. “Con le mani cariche di rose” di Michele CaccamoPuntata n. 84 della rubrica La bellezza nascosta

 

«Lo trovassi, ancora oggi gli girerei la testa distante dai tuoi occhi. Ti rapirei e non gli farei avere nessuna tua notizia. Ti porterei al largo nel mare, lontano dalla sua stretta. E allora noi avremmo un fuoco di uccelli e saremmo infantili in quella nuova patria. E io ti terrei nel mio grembo, e mi concorderei con Dio, per fargli rimandare quella sua richiesta. Mi sono stancata presto di guardarti: non eri più mio padre, ti avevano fatto la faccia crudele, la bocca incurvata, la pelle bianca e assetata. Ti avevano reso un inutile uomo morto.»

 

Talvolta, in alcune circostanze, ciò che ci può rendere liberi, ciò che ci può dare la forza di cambiare e cambiarci, è l’amore, inteso come sentimento assoluto e assolutista, che con le sue passioni e le sue sofferenze è riuscito a scatenare guerre e a donare pace.

Ma l’amore può rendere schiavi, può diventare elemento totalizzante che riesce a oscurare tutto il resto della nostra esistenza, fino a farci male, fino a consumarci organicamente.

Le carezze pesanti dell’amore. “Con le mani cariche di rose” di Michele Caccamo

Desideri migliorare il tuo inedito? Scegli il nostro servizio di Editing

 

Se poi questo sentimento è coadiuvato dalla gelosia, allora l’esperienza amorosa può ben presto trasformarsi in un inferno, in un continuo sospetto, e l’intero rapporto diventa marcio, privo di vita.

Comprendere le regole dell’amore è complicato, soprattutto perché spesso non si può amare liberamente, per motivi molteplici, per ostacoli della società o personali, e proprio in questi continui movimenti, in questi continui spostamenti dell’amare, l’innamorato resta come immobilizzato, spossato.

Le carezze pesanti dell’amore. “Con le mani cariche di rose” di Michele Caccamo

Michele Caccamo è nato il 21 dicembre 1959, Con le mani cariche di rose è stato pubblicato dalla casa editrice Elliot.

Siamo a Londra, nel 1908. Una donna è distesa su un divano, in mano un mazzo di violette; a introdurci a lei c’è una voce guida. Come ombre la avvolgono i fantasmi di amorei passati: Violet, Hélène, Kérimé, Natalie. La donna è Renée Vivien, al secolo Pauline Tarn, una delle poetesse più raffinate e trasgressive tra la fine dell'Ottocento e i primi del Novecento. Pagò la sua omosessualità e il suo anticonformismo con la messa al bando da parte della società borghese del tempo.

Michele Caccamo ci racconta una storia passata e lo fa in modo inconsueto, Con le mani cariche di rose non è un romanzo, non nel significato tecnico del termine, è qualcosa di diverso, di libero; con una voce forte e uno stile molto vicino alla poesia, Caccamo ci racconta le ossessioni e le sofferenze, gli amori e le battaglie di Pauline Tarn. Le parole sembrano venire via dalla pagina con leggerezza e la scrittura di Michele Caccamo rende l’intera opera di una bellezza importante.

 

LEGGI ANCHE – Tutte le puntate di La bellezza nascosta

 

«Mi dicevano che ero uscita fuori di senno, quando mi ritrovavano piegata come un arco sui tronchi degli alberi. Cercavo la vena nel legno per stringerla tra le cosce. E oltre me non vedevo nessuno: mi spogliavo nuda, come un vermetto. Sentivo la corteccia diventare acquosa, e un meraviglioso liquido di latte sciogliersi, partendo dal cielo. Mi mettevo a cavallo del ramo, duro quanto una pietra. E sentivo il vento sotto e una foglia carezzarmi il pube, delicata come fosse una fioraia. E pensavo di avere l’anima tra le labbra, e un campo di seta negli occhi; credevo che il mondo fosse liscio, che potesse parlarmi e ascoltarmi, non che potesse comandare la mia libertà. Mi nutrivo, stringendo le ginocchia per far combaciare le labbra nascoste, e il mio cuore aveva la cresta rossa e respirava di gioia; mi aggrappavo con forza a quel ramo, neanche fossi un fungo.»

Le carezze pesanti dell’amore. “Con le mani cariche di rose” di Michele Caccamo

Un libro che riesce nel suo intento: quello di far rivivere i pensieri e le angosce di una poetessa che a suo tempo fu pioniera. La protagonista di questa storia vive per l’amore, per innamorarsi e lo fa con tanta forza che, nel momento esatto in cui i suoi rapporti s’interrompono, sprofonda in una cieca tristezza che la rende inerme e disillusa. Un percorso di autoflagellazione, un sentiero pieno di buche e inciampi, e tutto il racconto riesce bene perché Michele Caccamo è bravo a condurci nella mente di Pauline, e sapiente nel maneggiare la poetessa, e deciso, attraverso le sue parole, a renderla di carne.

«Quell’uomo mi avrebbe infilata in una buca, pur di non vedermi. Trovò la scuola cattolica peggiore. Le ragazze sembravano imprigionate; le guardavo composte nel loro male romantico, e sentivo un sussulto nel ventre. Violet, non avevano nulla della tua bellezza ma soltanto il peso della loro femminilità. Stavano come il gelo sui fiori, dritte e piatte. Violet, dove sono adesso i tuoi occhi scuri, le tue labbra le tue mani? Perché non torni indietro a portarmi via da queste ragazzine pettorute, perché non possiamo più nasconderci in un angolo e tenerci per le mani?»

 

Pauline Tarn è morta appena dopo i trent’anni, ma anche se la sua vita è stata breve, fa spavento percepire con che intensità è riuscita ad attraversare l’esistenza.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

Perché è sempre così, è l’amore che in un modo o nell’altro riesce a segnarci, con tagli profondi con carezze pesanti.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (2 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.