Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Perché è importante leggere

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Le abitudini di scrittura di Joan Didion

Le abitudini di scrittura di Joan DidionAggiungiamo un altro tassello alla nostra incursione tra le abitudini di scrittura di autori affermati. E così dopo Kurt Vonnegut, Susan Sontag e Ray Bradbury, oggi ci soffermiamo su Joan Didion.

Autrice di opere come L’anno del pensiero magico, The White Album, Prendila così, Democracy, Miami e Run river, Joan Didion ha raccolto moltissimi premi negli Stati Uniti, tra cui il St. Louis Literary Award, il National Book Award, il Medal for Distinguished Contribution to American Letters della National Book Foundation e la National Medal of Arts and Humanities conferitale dall’allora presidente Barack Obama.

 

LEGGI ANCHE – Le strane abitudini di Kurt Vonnegut in una lettera a sua moglie

 

In un’intervista a «Paris Review», Didion ha così raccontato le sue abitudini di scrittura:

Ho bisogno di stare da sola un’ora prima di cena con un drink, per rivedere quello che ho fatto durante il giorno. Non posso farlo nel tardo pomeriggio perché è ancora troppo vicino. Inoltre anche il drink è di aiuto. Mi rimuove dalle pagine. Così trascorro quest’ora a eliminare cose e a inserirne di nuove.

 

LEGGI ANCHE – Le abitudini di scrittura di Susan Sontag

 

Poi, il giorno successivo, inizio rifacendo tutto quello che ho fatto il giorno prima, seguendo queste note serali. Quando sto lavorando sul serio non mi piace andare fuori o avere ospiti a cena perché così perderei quell’ora.

 

LEGGI ANCHE – I rituali quotidiani degli scrittori

 

Se non riesco ad avere quest’ora tutta per me, e inizio il giorno dopo con sole alcune pagine “cattive” e nessun posto dove andare, mi sento giù.

 

LEGGI ANCHE – Le abitudini di scrittura di Ray Bradbury

 

Un’altra cosa che devo fare, quando sono vicina alla fine del libro, è dormire nella stessa stanza dove tengo il libro. Questo è uno dei motivi per cui vado nella mia casa di Sacramento per finire le cose. In qualche modo il libro non ti abbandona quando ti addormenti proprio accanto a lui. A Sacramento non importa a nessuno se io sono presente o no. Posso anche solo alzarmi e iniziare a digitare.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.