Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come leggere un libro

Perché è importante leggere

Le abitudini di scrittura di Don DeLillo

Le abitudini di scrittura di Don DeLilloContinuiamo a occuparci delle abitudini di scrittura di alcuni importanti scrittori e scrittrici sempre con la speranza che possano fornire ispirazione agli aspiranti scrittori che ci seguono e con l’intento di soddisfare qualche curiosità dei nostri lettori sui loro autori preferiti.

E così dopo Kurt Vonnegut, Ray Bradbury, Ernest Hemingway, Susan Sontag e Joan Didion, quest’oggi ci occupiamo di Don DeLillo.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

Lo scrittore americano, famoso per romanzi come Americana, Underworld, Cosmopolis, L’uomo che cade e Zero K, tutti editi in Italia da Einaudi, nel 1993 rilasciò un’intervista a «The Paris Review» nella quale descrive così le sue abitudini di scrittura:

 

LEGGI ANCHE – Le strane abitudini di Kurt Vonnegut in una lettera a sua moglie

 

Lavoro di mattina con una macchina da scrivere manuale. Lo faccio per circa quattro ore e poi vado a correre. Questo mi aiuta a scrollarmi di dosso un mondo e a entrare in un altro. Gli alberi, gli uccelli, la pioggerella, è un buon tipo di interludio.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

Le abitudini di scrittura di Don DeLillo

Poi lavoro di nuovo, più tardi nel pomeriggio, per due o tre ore. Perso nel libro non ti accorgi che il tempo – che è trasparente – sta passando. Niente snack, cibo o caffè. Niente sigarette – ho smesso di fumare molto tempo fa. Lo spazio è pulito, la casa è tranquilla. Uno scrittore prende le misure più oneste per tenere al sicuro la sua solitudine e poi trova infiniti modi per dissiparla. Guardando alla finestra, leggendo voci a caso del dizionario.

 

LEGGI ANCHE – Le abitudini di scrittura di Ernest Hemingway

 

Per rompere l’incantesimo guardo una fotografia di Borges, una grande foto inviatami dallo scrittore irlandese Colm Tóín. Il viso di Borges su uno sfondo nero – Borges fiero, cieco, le narici spalancate, la pelle tesa, la bocca incredibilmente vivida; la bocca sembra dipinta; è come uno sciamano dipinto per le visioni e l’intera faccia esprime una sorta di duro rapimento. Ho letto Borges ovviamente, anche se non tutto, e non so nulla del modo in cui lavorasse – ma la fotografia ci mostra uno scrittore che non perdeva tempo alla finestra o in qualunque altro modo. Così ho provato a farne la mia guida per uscire dalla stanchezza ed entrare nell’altro mondo della magia, dell’arte e della divinazione.


Per leggere altre strane abitudini di scrittura, clicca qui.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.3 (3 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.