Corso online di Scrittura Creativa

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Corso online di Editing

Corso SEC - Scrittura Editoria Coaching

Lavoro in editoria – Digital content curator

Lavoro in editoria, Digital content curatorIl sopraggiungere dell’era digitale ha fatto storcere il naso a qualcuno, mentre ad altri ha aperto nuove strade e professioni, e altre ancora si stanno delineando all’orizzonte. Accanto alle figure tradizionali dell’editoria, come il grafico, l’addetto stampa o il tipografo, vi sono profili di nuova generazione che operano principalmente con i contenuti multimediali. Uno di questi è il digital content curator.

È una figura talmente nuova, soprattutto in Italia, che attorno a essa ruota il caos e manca una definizione precisa, che sia esaustiva e comprensibile per i profani. Il primo punto chiaro è che non solo gli editori usufruiscono del digital content curator, ma anche le aziende, in generale. Restano, tuttavia, operatori molto utili nell’ambito editoriale dove il veicolare le notizie, specie sui social network, è un must. In secondo luogo, ci si forma attraverso studi umanistici ed è indispensabile, a livello personale, possedere una fervida curiosità. Si diventa digital content curator, solitamente, dopo aver ricoperto il ruolo di community manager, lavoro che richiede comunque una contaminazione tra le due professioni.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Issuu e Pinterest]

L’attività del digital content curator – il quale, tra l’altro, se senior guadagna abbastanza bene. C’è chi ipotizza si arrivi a circa 40mila euro all’anno – è quella di selezionare, organizzare e gestire i contenuti multimediali intorno a un determinato tema rendendoli fruibili agli utenti. Lo scopo è quello di diventare un punto di riferimento per la nicchia alla quale ci si rivolge. Una meta e un’esigenza nate in concomitanza con la sempre maggior espansione dei social network.

Per dirla in parole semplici, il digital content curator è un motore di ricerca umano, che filtra, raggruppa, edita le notizie, affinché l’utente le possa utilizzare risparmiando tempo, bypassando la necessità di consultare infinite fonti. La quantità di materiale è di certo molto elevata se prendiamo in esame la velocità con la quale nascono nuovi blog e siti o vengono emesse in rete nuove informazioni. 

Il tuo voto: Nessuno Media: 4 (2 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.