Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come leggere un libro

Perché è importante leggere

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

La World Book Night in Europa sull'onda dell'entusiasmo (e dei numeri)

World Book NightC'era da aspettarselo che uno dei maggiori eventi legati al mondo dell'editoria, a un solo anno dalla sua inaugurazione, si espandesse già al terzo mercato del libro più grande al mondo, quello della Germania.

Nata solamente un anno fa, la World Book Night è stata un'intuizione di Jamie Byng, managing director alla scozzese Canongate Books. Il postulato molto semplice, creare un grande evento editoriale non solo per addetti ai lavori – come le numerose fiere del libro – ma sopratutto per i lettori, per celebrare e cercare di diffondere la cultura del libro e della lettura.

Intenzioni molto comuni, queste, e fin troppo inflazionate sulle labbra dell'intera industria come su quelle della politica; questa volta però la formula è stata tanto spregiudicata quanto vincente, un po' a immagine e somiglianza dell'intero Publishing made in UK: regalare libri.

Cosa!? Già, un milione di copie di 25 titoli selezionati; ventimila donatori, sia lettori che biblioteche quanto librai, ognuno con la missione di regalare al prossimo – amici, clienti o passanti – quarantotto delle copie affidategli.

'Big Books', per la maggiore; grandi autori quali Margaret Atwood, Nick Cave, Sarah Waters, David Mitchell, tutti consenzienti ed entusiasti, in una grande festa a Trafalgar Square la notte del 4 marzo 2011, ben coperta dalla BBC e dai media, a supportare i singoli eventi del giorno dopo nelle altre città.

L'evento non è stato però accolto da tutti con lo stesso entusiasmo dei promotori, tutt'altro.

Un fronte di perplessità si è alzato all'unanimità sia dagli High Street Bookshops (Waterstones in primis) che dai librai indipendenti, compresi autori e publishers della media-piccola editoria. Un'iniziativa dichiarata promotrice della sola cultura del Bestseller, penalizzante gli sforzi della maggior parte dei lavoratori dell'industria. Un messaggio intrinsecamente non edificante, a svalutare il valore del libro come prodotto e a dare l'impressione che sia autori, quanto editori e librai non abbiano la necessità di guadagnare dal proprio lavoro; il tutto nello scenario di una crisi generale e di quella particolare di un'industria estremamente competitiva e in una fase di cambiamento strutturale.

Tutt'altro che ingiustificate, queste perplessità hanno perdurato molto oltre l'iniziativa, rivelandosi però infine un eccesso di protezionismo con l'intuizione di Byng premiata, ovvero il fatto che un milione di copie potesse essere un prezzo sostenibilissimo per l'intera industria in cambio del motore principale dei suoi guadagni: il word of mouth, il buon vecchio passaparola, generato da un evento di festa e di libera distribuzione e circolazione dei libri tra i lettori.

I dati di Nielsen BookScan inconfutabili, le vendite dei venticinque titoli selezionati aumentate più del 100% da WH Smith nell'arco delle quattro settimane successive, e quelle di ogni singolo titolo in media generalmente raddoppiate. Un successo per tutti.

Non c'è da stupirsi dunque che a neanche un anno di distanza l'iniziativa venisse abbracciata anche dall'editoria tedesca. Con la collaborazione tra World Book Night, la Stiftung Lesen (Germany's Reading Foundation) e l'associazione tedesca degli editori e dei librai, la Germania adotterà più o meno lo stesso formato britannico, con circa trentatremila donatori ognuno responsabile della distribuzione di 30 copie di 25 titoli selezionati in lingua tedesca.

Il tutto previsto per il 23 aprile 2012, ovvero il World Book Day dichiarato dall'UNESCO, data che è stata retroattivamente accolta anche dal Regno Unito e dagli USA (che avevano aderito immediatamente alla prima edizione 2011).

E mentre la World Book Night, appena nata, è già vista come una 'celebrity frame' al pari dei premi letterari – con i titoli selezionati destinati a un esponenziale aumento di vendite e con una conseguente e paradossale corsa da parte di scrittori ed editori a essere “scelti per essere regalati” – ci si chiede comunque se davvero l'intero circo non faccia altro che favorire i già favoriti, penalizzando la maggioranza.

Quale che sia la risposta, nessuno nega alla World Book Night una possibilità di evoluzione in tal senso, sopratutto perché un evento nuovo, dinamico e coinvolgente che ha avuto la capacità – e in un arco di tempo incredibilmente breve – di unire in un coro voci troppo spesso divise, ovvero quelle di scrittori, editori e librai.

Ora la domanda potrebbe essere un'altra: riuscirà la World Book Night a conquistare sull'onda dell'entusiasmo dopo la Germania anche l'Italia?

O meglio, riuscirà l'Italia, con il suo piccolo zoccolo duro di lettori forti e la sua fin troppo materialmente quantificabile assenza di lettori medi; con i suoi librai troppo spesso arenati in un approccio al business pavido e bottegaio; con il suo microcosmo di medie piccole case editrici e con la sua lotta per cercare di salvaguardare l'etica del proprio mercato – laddove in altri mercati del libro il solo concetto farebbe sorridere – a essere tanto folle o coraggiosa da lasciarsi conquistare?

L'interrogativo rimane aperto. Di fronte – non riuscendo come spesso a essere l'Italia prima promotrice di un'idea vincente – almeno una preziosa possibilità di rimanere al passo coi tempi.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.5 (2 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.