Corso online di Editing

Corso SEC - Scrittura Editoria Coaching

Corso online di Scrittura Creativa

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

"La vita senza conseguenze", lettura con Adrian Suciu

La vita senza conseguenze. Lettura con.tanto ti amo in quanto

i figli di tutte le donne sole del mondo hanno un padre

e noi siamo un orfano piangendo appeso al collo

di un uomo che piange.

 

tanto ti amo in quanto

nessun esercito prende più prigionieri

gli sconfitti muoiono tutti nel nostro amore.

 

tanto ti amo in quanto ti si sono seccate le mani

tanto ti amo in quanto meriti tutto ciò che mi accade.

(Poema d'amore)

 

Difficile parlare di poesia. Szymborska, premio Nobel per la letteratura, direbbe che piace ad alcuni, cioè non a tutti. Eppure dinanzi a versi come quelli del Poema d'amore, non c'è animo pulsante di vita che non percepisca un fremito, pur lieve, o che non brami a perdersi in un tal sentimento, se la propria sensibilità appare simile alla corda tesa di un violino.

Poema d'amore è figlio di Adrian Suciu, uno dei più apprezzati poeti romeni contemporanei, il quale dimostra, nella raccolta Viata fara urmari (La vita senza conseguenze), di saper scuotere il lettore attraverso metafore penetranti, inedite, sorprendenti. E, se la vita è senza conseguenze, la lettura di questi versi non segue la stessa scia. Si resta entusiasti, commossi, scossi, desiderosi di tremare per quello stesso amore del quale racconta il poeta o in cerca dei ricordi dell'infanzia, o meglio, dei loro profumi e sapori.

Addentrandosi nella raccolta, si apre un nuovo mondo, quello creato dalla lirica di Suciu, dove una donna è:

tenera

come un ateo che accende candele per i morti

nell'idea che non si sa mai.

Mentre nuove mitologie stanno per essere stese:

sull'amore:

adoro contarti i panni al mattino.

 

Sulla guerra:

che non ci infastidisca a letto.

“Adrian Suciu – afferma nella prefazione di Viata fara urmari Daniel Cristea-Enache – scrive una poesia concentrata, allo stesso tempo metaforica e ironica, la quale mi è difficile collegare a una generazione. Ecco un indizio certo di originalità [...]”.

Provocatorio, romantico, insolito come la promessa contenuta nella poesia Il motivo esatto (Motivul exact):

Sono stato in un silenzio cattivo.

È arrivata una donna con una bocca quanto un pane nel petto e ha

avuto pietà di gridare. Ha detto sottovoce

che non puoi lottare contro il diavolo se non tenendolo nel corpo

e cambiandogli la biancheria sempre.

 

Arrivi a essere solo e non aver più spazio a causa della tua presenza nella

tua solitudine.

 

Prometto che scoprirò perché moriamo. Non una spiegazione vaga.

Il motivo esatto.

 

Resta un compito arduo quello di parlare di poesia. Le sensazioni sono soggettive, nascono plasmate dalla sensibilità individuale e, nell'universale, condividono soltanto una sfumatura. Spogliata dalle sensazioni, la si sorprende nella sua nudità, uno scheletro ingiallito dal tempo composto da logoi, allitterazioni, epiteti, licenze. Rimane un'unica soluzione: leggerla, percepirla, centellinarla seguendo i ritmi, i sussulti del proprio animo, qualora non si voglia assaggiare soltanto dall'osso di uno scheletro.

 

Adrian Suciu (1970) si laurea in Lettere presso l'Università di Cluj. Dagli studi, desidera ricordare le amicizie, i divertimenti e la grammatica della lingua romena – scrive nel suo sito internet. Convinto che grazie alla poesia non si possa vivere, svolge, lungo gli anni, diversi lavori: elettricista, insegnate, giornalista, funzionario pubblico. I suoi testi sono stati tradotti in diverse lingue europee, tra cui inglese, francese, tedesco, ungherese.Ha vinto numerosi premi ai Festival della Lettura sia nazionali sia internazionali, mentre – si legge ancora nel suo sito – uno dei suoi principi di vita è: trovi sempre una mano che ti aiuti alla fine del tuo braccio. Ha pubblicato sei volumi di poesia, un opuscolo politico (Plus) e un romanzo Sesso con donne (Sex cu femei) premiato dall'Unione degli scrittori romeni in quanto “Libro dell'anno”.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4 (9 voti)
Tag:

Commenti

potresti anche vergognarti!!! adrian suciu

spero che almeno tu abbia capito quello che intendo dire

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.