Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Perché è importante leggere

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

“La vita è un'altra storia” di John Barth

“La vita è un'altra storia” di John BarthBasterebbe dire che è questo il libro da cui minimum fax ha tratto l'epigrafe che chiude i 'titoli di coda' dei minimum classics, 'Letteratura, ah: bei tempi, quelli!'. Basterebbe sottolineare, ancora una volta, che quest'uomo è il padre del postmodernismo letterario, cioè di tutto ciò di cui inevitabilmente si discute quando si parla di letteratura oggi. Basterebbe, sì, a mio avviso, ma questo mi impedirebbe di dire quanto sia stato emozionante leggere La vita è un'altra storia, raccolta di racconti scelti da Martina Testa e pubblicata nel 2010.

 

Breve storia del mio incontro con questo libro (che, vi assicuro, è interessante dal punto di vista letterario e non è quindi solo un inserto biografico di maniera):

Nel corso del progetto (in via di realizzazione) di lettura dell'opera omnia di un certo David Foster Wallace sono incappata in Verso l'occidente l'impero dirige il suo corso e,  letta la prefazione, da quel giorno più non le[ssi] avante. Martina Testa, infatti, avverte il lettore di quanto più piacevole sia la lettura del racconto lungo di Wallace a partire dalla consapevolezza che si tratta di una riscrittura/prosecuzione/rielaborazione/parte complementare di Lost in the funhouse di John Barth. Ed è così che il progetto  (in via di realizzazione) di lettura eccetera eccetera continua a ramificarsi e a tendere all'ansia enciclopedica e al possesso di un mucchio di altri libri. Perché adesso occorre leggere anche l'opera omnia di John Barth, senza considerare che libri come Giles, ragazzo capra sono praticamente introvabili. Insomma, intanto mi sono messa al sicuro con l'Opera galleggiante (grandioso), e poi sono passata a questa raccolta di racconti, che contiene anche Lost in the Funhouse.

 

Come per le storie di questo libro, anche la recensione potrebbe prendere svariate direzioni: quella dell'analisi della forma-racconto, che Barth adotta avendo come modelli dichiarati Italo Calvino e J.L. Borges (la mia idea al riguardo è che Barth sia un Borges dubbioso, così come Wallace è un Barth più problematico), oppure si potrebbe analizzare la presenza dei paradossi (citatissimo quello di Zenone, su Achille e la tartaruga, o quello della freccia immobile), o ancora il vero tema predominante, che è quello dello scorrere del tempo e dell'infinita vanità del tutto, o l'accostamento di infinitamente grande e di infinitesimale, e qui ci sembra evidente il debito nei confronti di Calvino (Palomar, personaggio calviniano, è il nome di un osservatorio astronomico: a lui doveva essere affiancato il signor Mohole, nome di un progetto di trivellazione della crosta terrestre. E poi cannocchiale e microscopio sono le lenti dell'uomo del Novecento – e qui consiglio la lettura della Malattia dell'infinito, di Pietro Citati).

Ancora: gli ultimi tre racconti, tutti tratti da The Development, prendono le mosse dalle vite dei vari abitanti delle case di un complesso residenziale: e qui viene spontaneo pensare a Perec e alla Vita: istruzioni per l'uso, riferimento non peregrino se si pensa ai legami di Calvino con l'OuLiPo, di cui Perec faceva parte.

Insomma, è facile, trattando di questo libro e di Barth, perdersi nella casa stregata della scrittura, della metaletteratura e dei riferimenti intertestuali. Perdersi è piacevole e rassicurante, se il narratore ha ben salde le redini della scrittura e della teoria della letteratura. L'unico problema, appunto, è che l'universo di scrittura in cui ci si perde, felici, è infinito e denso, e ci trattiene tra le pagine e ci invoglia a comprare libri e leggerli e amarli, dimenticando totalmente che la vita è un'altra storia.

 

J. Barth, La vita è un'altra storia. Racconti scelti, minimum fax, 359 pp., 13 euro.

Il tuo voto: Nessuno Media: 3.3 (3 voti)
Tag:

Commenti

Grazie per la segnalazione, lo osservavo in libreria da un pò di tempo, chiedendomi sempre se oserò comprarlo.
"L'opera galleggiante" è stato per me uno dei pochi libri di narrativa che ha scomposto l'ordine degli addendi dei miei sensi, come solo la poesia sa fare. Ha dimostrato che il lettore può essere considerato più di una pecorella sperduta da guidare e tranquillizzare e ha messo in atto una sperimentazione letteraria che a distanza di sessanta anni ancora si rilegge in alcuni autori esordienti dell'ultima ora.
Ed è per questo che ho esitato...riusciranno i racconti a mescolare le mie idee così bene come ha fatto il battello galleggiante?

Mi sa che questo lo leggerò! bellissima recensione :)

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.