Perché è importante leggere

Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

La vita e la storia attraversati con passo dolce. “L’anima ciliegia” di Lia Levi

La vita e la storia attraversati con passo dolce. “L’anima ciliegia” di Lia LeviL’anima ciliegia, ultimo romanzo di Lia Levi, appena pubblicato da HarperCollins Italia, è la storia d’una donna lieve, che con leggerezza ha vissuto la propria vita entrando con decisa discrezione in quella degli altri e, più in generale, nel flusso storico di un lungo scorcio di secolo.

La ragione del titolo è presente e presentata già nell’incipit.

«Paganina aveva un’anima ciliegia.

Le succedeva così. Non appena cominciava a desiderare qualcosa con tutta se stessa, subito le spuntava accanto un altro desiderio, solo in apparenza diverso, e invece legato strettamente al primo. Come due ciliegie, insomma, di quelle che nascono accoppiate e poi le bambine si mettono a cavallo delle orecchie.

Non avrebbe potuto vivere senza un amore. Paganina lo aveva capito molto presto e non appena l’ebbe trovato se lo tenne stretto per anni e anni. Ma quasi subito si era fatta avanti la sua anima ciliegia.

Più amava e più desiderava la solitudine.»

 

Vuoi conoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

 

Figlia di Pietro, uomo “furiosamente ateo”, la protagonista del romanzo di Lia Levi deve a lui il suo nome.

«Ateina sarebbe stato il nome giusto, ma perfino Pietro non se la sentì di arrivare a tanto. E poi sua moglie non glielo avrebbe mai permesso.

Ripiegò allora sul più modesto e grazioso Paganina, dimenticandosi che il paganesimo era in fondo una religione, e anche molto affollata in quanto a divinità.»

 

Parte d’una famiglia numerosa, Paganina non smetterà mai d’essere figlia e sorella. Il padre Pietro, la madre Anita e i fratelli (Spartaco, Giustino, Federico, Sole e Massimiliano) faranno sempre parte della sua esistenza: anche se lontani fisicamente, non abbandoneranno mai né lei né il lettore.

Ma Paganina è soprattutto madre e moglie. La sua anima ciliegia non potrebbe esistere senza l’amore, che lei, fin quasi alla fine e nonostante tutto, ritroverà con costanza e abnegazione nel suo “eroe” Guglielmo, ex partigiano, l’uomo con cui trascorrerà tutta la vita e a cui concederà a sua volta la gioia d’una famiglia ricca di figli.

«Quell’uomo che le sedeva accanto come se nulla fosse possedeva le chiavi di altri mondi in cui poter entrare e uscire a piacimento. Lui solo. Gli altri potevano solo restare a osservare, muti e inconsapevoli. E le sembrava che fosse Guglielmo quel dio che tutto può, a cui così poco credeva e di cui tanto aveva bisogno. […] Ormai l’eroe di Paganina era uscito dal cartellone del cantastorie ed era sceso per prendere posto accanto a lei.»

La vita e la storia attraversati con passo dolce. “L’anima ciliegia” di Lia Levi

Scritto in terza persona, L’anima ciliegia di Lia Levi è diviso in tre parti, per un totale di ventidue capitoli, ciascuno dei quali si chiude con una fotografia e la sua relativa didascalia, nelle quali Paganina e il suo mondo vengono colti in un momento particolare e centrale della loro esistenza. Sono istantanee d’una famiglia come le altre, che proprio per la loro quotidiana semplicità concedono al lettore la sensazione che la protagonista, e i suoi cari, facciano in qualche modo parte del suo stesso mondo, condividano le sue stesse sofferenze e felicità.

Nonostante abbia scritto un romanzo che ha come protagonista una donna e la sua famiglia, Lia Levi non rinuncia a mostrare scorci (e squarci) della storia del Novecento che Paganina e gli altri attraversano con la loro vita: il Fascismo, la lotta partigiana (di cui sia Guglielmo che Spartaco sono un esempio), l’attentato a Togliatti, la morte di Stalin e la scoperta degli orrori della sua Unione Sovietica, il modo sottilmente diverso con cui uno dei figli di Paganina, Lucio, affronta la ribellione e gli astratti furori di vittoriniana memoria rispetto allo zio Spartaco, ora onorevole del Partito.

«Appoggiata sul letto c’era una grande borsa scura plastificata con delle strisce rosse irregolari che sembravano graffi o ferite sanguinanti. Paganina non l’aveva mai vista, quella borsa.

“Era sempre sotto al letto,” le disse sua madre, “così mi sono stancata, l’ho tirata su e l’ho aperta.” Paganina cancellò qualsiasi espressione dalla propria faccia e si avvicinò.

Le vide subito perché luccicavano come pesci neri di lago. Le armi.»

La vita e la storia attraversati con passo dolce. “L’anima ciliegia” di Lia Levi

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Con L’anima ciliegia, Lia Levi dà continuità e allo stesso tempo si discosta leggermente dalla sua precedente produzione, raccontando una storia in qualche modo corale, sebbene il punto di vista sia quasi sempre quello della protagonista. Un romanzo danzante, che non vuole consegnarci nessuna morale particolare, se non che la vita, come dice l’autrice a un passo dalla fine, è bella quando si cammina sottobraccio ai sogni.


Per la prima foto, copyright: Kristina Flour su Unsplash.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.