Perché è importante leggere

Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

“La vita accanto” di Mariapia Veladiano

Veladiano  Rebecca è una bambina brutta, di una bruttezza che è difficile esprimere a parole. Non le manca nulla, sia chiaro, è solo che quello che ha ce l’ha al posto sbagliato, fuori asse, troppo grande o troppo piccolo. Naturale che la vita le si prospetti amara e solitaria.

Così, almeno, vuole farci credere l’autrice, nel raccontare la quotidianità di questa bimbetta un po’ storta che si affaccia al mondo degli altri, con la speranza di non arrecare troppo disturbo. In realtà Rebecca, che poi tanto sola non è, compensa la terribile bruttezza del suo corpo con un talento fuori dal comune per la musica. Suona il piano fin da piccola, con l’audacia e la delicatezza di una grande artista. Ovvio, e un po’ scontato, che la bruttezza non abbia intaccato lo splendore delle sue mani.

Il riserbo che la protegge da sguardi indiscreti crea sconforto e rabbia nel lettore, viene quasi la tentazione di prendere per il bavero della giacca il padre della piccola, noto ginecologo della città, e scrollargli di dosso l’indolenza che lo caratterizza. Lo stesso dicasi per la madre, troppo fragile per accettare un destino tanto crudele da averla salvata dalla tara per poi tornare ad infierire sulla sua creatura. Amore e silenzio si bilanciano, alternandosi e compensandosi.

La narrazione è centrata spesso su aspetti secondari, su lunghe e interminabili descrizioni degli oggetti, dei luoghi, dei paesaggi. Si sente la mano della scrittrice allungare le sensazioni, perdersi nel piacere di impreziosire il racconto, eccedere laddove una sola parola avrebbe colpito in pieno viso.

La storia di Rebecca, come nelle migliori favole, racchiude in sé il male e il bene. La cattiveria della gente, coalizzata contro il mostro, e la bontà di una madre troppo fragile per parlare, di un maestro di musica buono e disponibile, di una maestra pronta a mettersi contro schiere di genitori infuriati pur di proteggerla. Rebecca, che il primo giorno di scuola incontra la sua amica del cuore – dalla quale non si separerà più, è il contrario di una bambina sola. In tanti le hanno voluto bene, aiutandola a crescere, sviluppando in lei un barlume di autostima e sicurezza. Nella vita è una che ce la fa, che ottiene risultati, che può ritenersi appagata. Nonostante la bruttezza.

Finalista al Premio Strega 2011, questo libro della Veladiano ha un gusto retrò, il sapore di una storia lontana, raccontata da una nonna arzilla e romantica. Lascia però un senso di sospensione e amarezza. Troppe divagazioni e troppi dettagli appesantiscono quella che poteva essere una storia di speranza e riscatto. Un finale a tarallucci e vino che forse si poteva evitare.   

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.1 (14 voti)
Tag:

Commenti

Brava Barbara, finalmente qualcuno ha il coraggio di dire che LA VITA ACCANTO non è proprio un bestseller.

Tanto fumo e poco arrosto, proprio come VA' DOVE TI PORTA IL CUORE dellaTamaro.

Vorrei capire perchè queste narrazioni, prive di personalità, vendono. Ma piacciono a chi ?

Forse a chi non ha mai letto Montanelli, Gervaso, Serra, penne acute che non addormentano e di ben altra pasta.

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.