In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Perché è importante leggere

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come leggere un libro

La virtù della pazienza. “I primi viaggi di Andy Catlett” di Wendell Berry

La virtù della pazienza. “I primi viaggi di Andy Catlett” di Wendell BerryProcedere attraverso le pagine di un romanzo di Wendell Berry, e I primi viaggi di Andy Catlett non fa eccezione, significa – in particolare per chi, come il sottoscritto, è cresciuto in una circoscritta realtà dalle solide radici agresti – scendere a patti con la commozione suscitata dal ricordo, che da confuso e lontano nel tempo si fa sempre più vivido e delineato, delle origini della propria infanzia. Un viaggio alle basi di una sconfinata purezza di cui si intravedono i tratti e i confini, alla quale è lecito anelare anche senza averla mai conosciuta direttamente.

Il terzultimo romanzo dello scrittore del Kentucky arriva in Italia dodici anni dopo la sua pubblicazione negli U.S.A. (nel 2006, per Shoemaker & Hoard), come sempre grazie a Lindau e all’ottima traduzione di Vincenzo Perna, che per la casa editrice torinese si è occupato anche di tutti i suoi precedenti lavori.

In circa centoquaranta pagine ritroviamo intatto lo sguardo pieno di genuino affetto che contraddistingue la costruzione letteraria di quella che a buona ragione può essere definita la “saga” di Port William, l’articolato universo – fittizio eppure così reale – creato da Berry, di cui I primi viaggi di Andy Catlett può essere considerato un’ideale introduzione.

 

Vuoi conoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

 

Dopo solo alcune pagine appare chiaro al lettore che il protagonista del libro, il piccolo Andy Catlett, ragazzino di nove anni che negli ultimi giorni del 1943 parte da solo in autobus per un breve ma significativo viaggio che lo condurrà in visita dai nonni paterni e materni, altri non è che un alter ego dell’autore (nato appunto nel 1934): l’espediente rappresenta l’architrave narrativo del libro, che è infatti intelligentemente strutturato attorno al continuo raffronto tra i pensieri che affollano la mente del bambino i cui occhi e il cui spirito si aprono alla comunità rurale e al variopinto ambiente che la compone, e le riflessioni dello scrittore adulto che, se in parte riconosce disilluse e lontane nel tempo le speranze che hanno circondato la sua infanzia, dimostra di avere una solida tempra etica attraverso la cui lente è in grado di leggere le tappe del cambiamento che ha invaso, stordendola, la porzione di mondo che era solito chiamare casa.

«Perciò mi misi di nuovo in viaggio attraverso Port William, il nucleo, il centro del territorio che già allora rappresentava la mia patria più intima e che è rimasto tale per tutta la vita (…)».

La virtù della pazienza. “I primi viaggi di Andy Catlett” di Wendell Berry

Non è raro imbattersi in passaggi simili a questo durante la lettura, dediche piene d’affetto a un piccolo universo cesellato come un cammeo.

 

Il percorso intrapreso dal giovane Catlett-Berry diviene di fondamentale importanza nella costruzione del suo sguardo e della sua forza d’animo, modellata dall’altruismo austero della famiglia, dal padre di poche parole ai nonni, amorevoli creature in qualche modo fuori dal tempo, abituati a un’esistenza frugale che non rinuncia però ad archetipici valori: sono loro la porta d’accesso del protagonista alle sfaccettate riflessioni sulla consapevolezza dell’abitare un luogo, sui risvolti etici delle scelte che indirizzano l’esistenza, giudicare un uomo e il suo comportamento, il sacrificio del mestiere legato egualmente alla meticolosa ripetizione della fatica e all’imprevisto.

I tempi della vita – che assumono qui una cadenza quasi musicale, benché la musica sia la grande assente dal romanzo, sostituita dai rumori scanditi dalla lenta attività umana e assecondati da una natura osservatrice – registrati dal Berry narratore anziano tradiscono nostalgia quanto quelli del giovane Catlett-Berry trasudano meraviglia; non manca nulla in questa pittura realista tipica della grande letteratura occidentale (riuscita): la guerra stessa irrompe fuori campo con una forza narrativa destabilizzante, e senza mai essere descritta direttamente altera gli equilibri emotivi della grande famiglia allargata del protagonista, funestata da ansie e lutti, anche se a riequilibrare tutto si impongono ancora una volta gli ancestrali ritmi della comunità.

La virtù della pazienza. “I primi viaggi di Andy Catlett” di Wendell Berry

Ciò che la prosa di Wendell Berry ci insegna con gentile ostinazione è la cura che dovremmo riporre nella coltivazione di una virtù ormai estremamente rara: la pazienza. Attendere segnali minimi, saperli riconoscere, permettersi il lusso di rinunciare, individuare enormi battiti tra piccolissime pieghe, potersi entusiasmare per un’amicizia fatta di poche parole.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Ne I primi viaggi di Andy Catlett risiede dunque molto più che una semplice iniziazione alla vita adulta; lontano dalla pesantezza moraleggiante della parabola, ma rigoroso quasi quanto un testo religioso, l’intenso scritto di Berry descrive una presa di coscienza, e proprio in questo particolare svela tutto il suo amore per l’avventura dei giorni che si aprono agli occhi di un ragazzino, filtrato dai saggi ricordi di una voce prossima ma lontana negli anni.

Come suggerisce Francesca Matteoni su Nazione Indiana, Wendell Berry, l’agricoltore e il narratore, il saggista e il contadino, abituato all’attesa e alla lenta maturazione dei sentimenti, ci invita a «coltivare l’intimità con chi ci capita accanto», rendendoci conto che «oltre al progresso o al regresso ci sono altre vie laterali, circolari, vie che uniscono famiglie e persone».


Per la prima foto, copyright: Amy Reed.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.