Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Perché è importante leggere

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

La verità dei selfie

Selfie photomarathon, pic by Jordy FerketLa verità dei selife sta nelle parole di Vilém Flusser, nel suo Per una filosofia della fotografia, dove il filosofo del linguaggio scomparso nel 1991 individuava nell’eccesso di produzione di immagini una voracità inarrestabile degli apparecchi fotografici, una specie di vortice riproduttivo al servizio di una grande macchina mondiale delle immagini.

Portato alle estreme conseguenze, il pensiero di Flusser ci spinge a comprendere come dentro questo dispositivo/automatismo ci siamo tutti, quando non aggiungiamo informazioni, spessore, linguaggio e libertà alle nostre immagini.

Ecco, basta fare un giro per Roma o per Parigi per trovarsi di fronte alla nuova allucinazione collettiva del selfie davanti a qualunque monumento o residuo del passato. Personalmente ho assistito, nel giro di una settimana, a un selfie in posa erotica davanti al portone di Notre Dame e a uno in posa comica davanti all’Altare della Patria dove riposa, lo sappiamo tutti, il milite ignoto.

Dunque i monumenti vengono snaturati e dissacrati da questo vizio diffuso di appiattirsi su di essi senza conoscerne la storia. E certo, perché possiamo essere convinti che tra questi selfisti in pochissimi sappiano riconoscere stili ed epoche di quei marmi, di quelle architetture, di quegli esempi mondiali di progettazione e magnificenza.

Pratiquer le Selfie au Panthéon (Paris), pic by Jean-Pierre Dalbéra

Vivendo nell’egemonia robotica – e autistica – del cretinismo, il selfie è lo strumento dell’autodittatura del vuoto, della proiezione di sé nel terrificante palcoscenico dell’imbecillità collettiva: come se ciascuno, fotografandosi, possa essere considerato artefice di qualcosa di diverso da un semplice, banale viaggio in una capitale europea.

Selfie, Colosseo

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete la nostra Webzine

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

Come se non bastasse, la robotizzazione permea la politica – Renzi è padrone assoluto del selfismo – in tutte le sue mirabolanti articolazioni, fino a sostituire il discorso, che era un prodotto della politica, con l’immagine, che è sempre più un prodotto standardizzato della tecnica.

Selfie, Matteo Renzi

L’esito è facile da prevedere: una limitazione del senso dentro il confine di un immaginario privo di fantasia e libertà, piatto come un’istantanea, probabile e confermativo.

Il selfie porta a una verità indimostrabile perché assente, perché piena della presenza del fotografo fotografato. Ci siamo noi e basta, consumatori di noi stessi, educati a divorare la nostra immagine e quella degli altri, in una nuova forma di cannibalismo che si chiama, a tutti gli effetti, assassinio della ragione.

Selfie Vélib, pic by Jean-François Gornet

Si gioca tutto su un piano emotivo a due dimensioni, dove nulla informa della presenza di una realtà manipolata, dove tutto sembra essere vero e reale: ma di vero e di reale c’è solo il grande dispositivo robotico che schiavizza l’umanità a farsi un selfie dappertutto. Questa la verità dei selfie.


Foto n. 1: Selfie photomarathon, di Jordy Ferket.

Foto n. 2: Pratiquer le Selfie au Panthéon (Paris), di Jean-Pierre Dalbéra.

Foto n. 3: Selfie davanti al Colosseo, fonte: 24horas.cl.

Foto n. 4: Selfie di Matteo Renzi, fonte: Lapresse.it.

Foto n. 5: Selfie Vélib, di Jean-François Gornet.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.8 (23 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.