In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

14 scrittori famosi e le loro ultime parole

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

La verità a tutti i costi. “Peccato mortale” di Carlo Lucarelli

La verità a tutti i costi. “Peccato mortale” di Carlo LucarelliÈ un periodo torbido quello in cui è ambientato Peccato mortale, il nuovo romanzo di Carlo Lucarelli; è un periodo in cui le regole sembrano non esistere o sono imposte da un’autorità distorta e non riconosciuta, se non per paura. Giorni vuoti, che precedono l’ombra della Repubblica di Salò, quando, dopo l’arresto di Mussolini, la conseguenza dell’armistizio siglato dal maresciallo Badoglio diventa realtà e i tedeschi proclamano la nascita della Repubblica Sociale Italiana. Giorni nefasti, fatti di violenze, timori e fame, dove la legge non è sicuramente uguale per tutti e la quotidianità è prenotare il grano con la tessera annonaria, procurarsi carne e salumi dalla borsa nera e ascoltare trasmissioni via radio dalla Germania. Sono anni che Lodovico Terzi definisce “senza gloria”, e che partono – scrive Lucarelli sulla quarta di copertina – quando «l’Italia si sveglia una mattina senza più il fascismo e praticamente la mattina dopo con i tedeschi in casa»; un lasso di tempo caratterizzato da un diffuso senso d’angoscia, un’ansia crescente che va a braccetto con l’incertezza di un futuro sospeso: dal 25 luglio all’8 settembre del 1943.

È in tale contesto, che l’autore definisce “allucinato”, che il commissario De Luca, si ritrova a dover fare i conti con una serie di delitti all’apparenza diversi ma collegati tra loro. In una Bologna che vive sotto l’assedio delle bombe e tormentata dal grido delle sirene degli allarmi e del coprifuoco.

 

Vuoi conoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

 

Il racconto parte con il ritrovamento di un corpo senza testa: «De Luca piombò a terra senza neanche avere il tempo di mettere le mani avanti e affondò la faccia in un fagotto gonfio che più che un sacco, morbido com'era, sembrava un cuscino»; un cadavere che il commissario e la sua squadra scoprono durante un’operazione contro uno specialista della borsa nera, il Borsaro, che arrestano assieme al suo aiutante, un ragazzino di nome Franchino. Ed è proprio quest’ultimo che, alle prime sberle della polizia, urla: «Al Crest d'i càn!» (Al Cristo dei cani!). Un indizio, una frase che spinge De Luca – ossessionato com’è dal senso di giustizia – ad approfondire la vicenda e a mettersi alla ricerca della testa. E la trova, una testa sì, ma quella di un altro corpo. «C’è la guerra – gli dice la madre di Lorenza, la sua fidanzata – ci sono le bombe, i morti al fronte, i morti in casa, morti dappertutto, due in più o due in meno, che differenza fa?». Ma De Luca è un poliziotto, vuole la verità a ogni costo. È fatto così: non trova pace finché non scopre il colpevole. Così si getta a capofitto nelle indagini e, pista dopo pista, svela una serie di intrighi che hanno a che fare con un nobile decaduto, un apolide e un console della Milizia. E mentre De Luca, da bravo poliziotto, indaga, accade di tutto: cade il fascismo, inizia l’occupazione tedesca, Badoglio firma l’armistizio e le bombe distruggono la città.

La verità a tutti i costi. “Peccato mortale” di Carlo Lucarelli

Peccato mortale non è il primo romanzo di Lucarelli in cui appare il commissario Achille De Luca: il bravo poliziotto è protagonista di L’estate torbida (Sellerio, 1991), Via delle Oche (Sellerio, 1996), Carta bianca (Sellerio, 1997) e Intrigo italiano (Einaudi, 2017). Ora il giallo edito da Einaudi Stile Libero Big segna il ritorno di un personaggio molto amato, che in passato è stato anche al centro di una miniserie composta da quattro puntate trasmesse da Rai Uno. Un ritorno – a spiegarlo è lo stesso Lucarelli – necessario: «avevo ancora dei conti in sospeso con il mio commissario De Luca, così sono tornato indietro all'origine del viaggio esistenziale per capire cosa lo aveva portato a tormentarsi ed essere tormentato». C'è un “peccato originale” nei trascorsi del suo protagonista, infatti, un peccato che in futuro lo renderà ricattabile e lo costringerà a «rincorrere se stesso».

La trama segue le linee classiche del romanzo di genere: si parte con il ritrovamento di un cadavere e, attraverso il raggiungimento di piccoli obiettivi intermedi, si arriva gradualmente alla soluzione del caso. E anche la struttura narrativa è quella tipica del giallo: una prima parte per il coinvolgimento del lettore nella vicenda e la presentazione dei personaggi; una seconda parte che vira leggermente e lascia indizi e dubbi; una terza, anticipata da un colpo di scena, che porta il lettore fino alla risoluzione del mistero. Una conclusione – a dire il vero – che stenta ad arrivare e che, forse, segue un binario narrativo che sembra parallelo alle azioni del protagonista. Leggendolo, in altre parole, si ha l’impressione che De Luca, nonostante i suoi innumerevoli sforzi e la voglia di risolvere il caso, sia marginale alla vicenda; che – in pratica – non abbia alcuna influenza sugli eventi. Anche se, nell’ultima parte, tutto torna come dovrebbe essere e quest’impressione svanisce, attribuendo al commissario il ruolo che merita: quello del protagonista.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Lo stile della scrittura è semplice e privo di fronzoli. Le parole sono scelte con estrema cura, mentre le frasi brevi e ben articolate proiettano nella mente del lettore immagini spesso forti e crude, ma allo stesso tempo capaci di strappare un sorriso.

La verità a tutti i costi. “Peccato mortale” di Carlo Lucarelli

I personaggi sono costruiti con dovizia di particolari, soprattutto legati al carattere e al modo di parlare di ciascuno.

Peccato mortale è un libro che si legge in poche ore: scorre bene e non presenta parti lente o pesanti. Vi è il giusto livello di suspense e la presenza di tanti spunti per delle riflessioni, innanzitutto considerando il finale, davvero ben costruito.

È un libro consigliato in primis agli amanti del genere giallo o noir, ma è una lettura che piacerà anche agli amanti della storia: già, perché il testo scritto da Lucarelli è un vero e proprio tuffo nel mezzo di un periodo strano della storia d’Italia, una fotografia di una città e di un Paese sconvolti.


Per la prima foto, copyright: Andrey Kirov.

Per la terza foto, la fonte è qui.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4 (1 vote)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.