Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

14 scrittori famosi e le loro ultime parole

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

La vera storia delle zitelle. Intervista a Valeria Palumbo

La vera storia delle zitelle. Intervista a Valeria PalumboPartendo da Cita, zita, zitella, Valeria Palumbo ricostruisce in Piuttosto m'affogherei. Storia vertiginosa delle zitelle (edito dall’enciclopedia delle donne) la vicenda di molte donne, più o meno note che, nel corso delle Storia, decisero di non sposarsi. Nel libro l’autrice parte dall’antica parola che indicava la ragazza non maritata, evidenziando come il suo significato si trasformò in un insulto nella società patriarcale, la quale faceva fatica a considerare per le donne una vita diversa dal matrimonio. Tante sono state le zitelle che si incontrano tra le pagine. Dalle Amazzoni passando per le Vestali, Ipazia, Pulcheria, la regina Elisabetta e Cristina di Svezia, fino a Jane Austen, Emily Dickinson e e Virginia Woolf che poi, alla fine quando più nessuno se lo aspettava, sposò Leonard Woolf. In realtà, non mancano nemmeno figure del mondo della narrazione, scrittrici e attrici che scelsero di essere zitelle. Una decisione spesso criticata, mal compresa e interpretata come una ribellione alle regole della società. Vero è che il libro di Valeria Palumbo non solo ci fa conoscere quelle donne che scelsero di non sposarsi mai, ma ci aiuta a comprendere meglio il senso della loro scelta di nubilato e le difficoltà socio-esistenziali che essa comportò per la zitelle.

 

Come è nata l’idea del suo libro dedicato alle zitelle e del titolo Piuttosto m’affogherei?

L’idea del libro segue il mio filone principale di ricerca per la storia delle donne: le ribelli, quelle che hanno messo la libertà o le loro aspirazioni al primo posto, le donne fuori dagli stretti binari imposti dalla società tradizionale e patriarcale. Le nubili hanno costituito, in questo senso, una “minoranza” interessante ma soprattutto perché è molto più variegata ed estesa di quel che si potrebbe immaginare. Il titolo poi è tratto da un passo di un bellissimo dialogo (una forma letteraria) rinascimentale, Il merito delle donne, di Moderata Fonte, pubblicato postumo nel 1600 poiché l’autrice morì di parto. Moderata immagina che un gruppo di nobildonne veneziane si ritrovi a conversare nella bella dimora di una di loro, rimasta vedova da poca. Quando una dama più anziana chiede alla giovane e bella padrona di casa perché non si risposi, lei risponde “Piuttosto m’affogherei”. A quel punto le altre si uniscono in un inno alla libertà e alle doti delle donne.

 

Vuoi conoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

 

Nel libro si parla di zitelle, quanto è stato travisato nel tempo il significato vero della parola?

Che il destino delle donne sia di essere madri è una costante di quasi tutte le culture umane. Molte società hanno inquadrato questo destino in una serie, piuttosto variabile, di formazioni familiari. In quasi tutte i diritti, i desideri e le aspirazioni delle donne sono stati a lungo schiacciati. Come far stare le donne in queste “scatole”? Rendendo la condizione di nubile svantaggiosa e, soprattutto dall’età romantica, con l’affermarsi del cosiddetto matrimonio d’amore, riprovevole. Direi dunque che una vera e propria pubblicistica e letteratura contro le nubili, le zitelle, esiste dall’Ottocento. Anche perché il cristianesimo prima e il cattolicesimo poi avevano esaltato la verginità consacrata. I protestanti, invece, mettono il matrimonio al centro della società.

La vera storia delle zitelle. Intervista a Valeria Palumbo

Tra le pagine si incontrano le donne che hanno respinto il matrimonio, secondo lei perché?

I motivi sono i più vari: dal disgusto del sesso con un uomo alla voglia di dedicarsi agli studi o alla meditazione religiosa. Dopodiché, sin dall’antichità, molte sono state costrette a non sposarsi: dalle Vestali alle monache forzate, un costume odioso che è durato sino a tempi relativamente recenti. Il punto direi è che, fino a quando alle donne non è stato concesso di lavorare e mantenersi come un uomo, il nubilato è stata una scelta difficile. Le nubili hanno occupato, fino agli anni Ottanta, gli strati più bassi della popolazione. A meno, ovvio, che non avessero ereditato grandi fortune familiari (ma spesso le donne non hanno avuto neanche il diritto di ereditare).

 

A un certo punto si parla di molte protagoniste e del fatto che presero i voti religiosi. Una via di fuga o un’àncora di salvezza per avere una formazione culturale?

La scelta religiosa ha ragioni diverse. E assume forme diverse nelle varie culture. Direi che per alcune monache medievali, per esempio, è stata una forte scelta di autonomia. Penso a Santa Chiara, prima donna a scrivere una regola monastica. Quanto all’istruzione è vero che alcuni conventi femminili medievali e rinascimentali sono stati importanti centri culturali ma per le donne è valsa meno la tipica scelta di mandare i bambini maschi in seminario per farli studiare. Molte monache, e penso alla grande Juana de la Cruz, sono state ostacolate ferocemente nei loro studi. Direi invece che le donne hanno saputo creare all’interno delle istituzioni religiose insospettati spazi di libertà e cultura. E penso al gruppo di pittrici-monache che lavoravano intorno a Plautilla Neri a Firenze o attorno a Orsola Caccia a Moncalvo.

 

Ieri, e anche oggi, quanto intimoriva una donna colta, intraprendente e indipendente?

Diciamo una cosa un po’ paradossale. Quello che intimorisce non è la cultura o l’intraprendenza in sé, né il genere di chi la esercita. Ma la “devianza” dalla norma. In un mondo patriarcale e tradizionale, le donne non devono studiare né prendere iniziative. Se lo fanno spaventano perché aprono varchi, non sono più controllabili. Ma lo stesso vale per un intellettuale nero in una società razzista. Oggi, laddove la cultura e l’intraprendenza femminile sono valori accettati (l’inerzia contraria è maggiore di quanto non si creda e spesso le più infastidite sono le altre donne) nessuno si intimorisce. Su questo sono piuttosto ottimista. Progrediamo in quasi tutto il mondo.

La vera storia delle zitelle. Intervista a Valeria Palumbo

Tra le tante zitelle presenti nel libri (filosofe, scienziate, poetesse, scrittrici, pittrici, musiciste) ce n’è qualcuna alla quale è più affezionata?

Ho amato tutte quelle che hanno fortissimamente voluto la loro libertà e hanno pagato il prezzo alto che la società ha imposto loro. Dalle scrittrici alle scienziate. Ma vorrei fare i nomi di due sovrane in particolare: Elisabetta I e Cristina di Svezia. Perché il loro è stato, pur nella sua eccezionalità, un modello per tutte.

 

Perché spesso nel corso della storia il termine zitella e verginità andava di pari passo, come i pezzi del puzzle che combaciano alla perfezione?

Perché il controllo della sessualità femminile è stato il primo obiettivo della società maschilista e patriarcale: se proprio non vuoi sposarti allora ti imponiamo una rinuncia totale al sesso. Inutile dire che per gli uomini ciò non è valso. Ma sul celibato cattolico ci sarebbe da fare una lunga riflessione.

 

Come ha svolto e in quanto tempo il lavoro di ricerca?

La ricerca, chiedo scusa se sembro retorica, non inizia e non finisce. Nel senso che il materiale si va accumulando negli anni, magari occupandosi di tutt’altro. E poi continua ad accumularsi. Potrei già scrivere un altro saggio sul tema. Diciamo comunque che tra il progetto avviato con le editrici dell’Enciclopedia delle donne, Rossana Di Fazio e Margherita Marcheselli, alle quali va la mia stima profonda, e la pubblicazione sono passati cinque anni circa.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Cosa vuol dire essere zitella oggi?

Vuol dire rifiutare con ironia anche il cliché della single alla Sex and the City. Il termine è del tutto fuori moda e usarlo è un vezzo, quasi a dire: non sarò come mi vogliono gli altri.

 

Il prossimo libro?

È appena uscito L’epopea delle lunatiche. Storie di astronome ribelli, per Hoepli. E adesso vorrei occuparmi di nuovo delle antiche romane.


Leggi tutte le nostre interviste a scrittori e scrittrici.

Per la prima foto, copyright: Kleiton Silva.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (2 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.