Corso SEC - Scrittura Editoria Coaching

Corso online di Editing

Corso online di Scrittura Creativa

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

“La tortura in età contemporanea” di Caterina Mazza

La tortura in età contemporaneaNella convenzione ONU contro la tortura e altre pene o trattamenti crudeli, inumani e degradanti del 10 dicembre 1984 si legge che la tortura è «qualsiasi atto con il quale sono inflitti a una persona dolore o sofferenze acute, fisiche o psichiche» in particolare per «ottenere da questa o da una terza persona informazioni o confessioni, per punirla per un atto che ella o una terza persona ha commesso o è sospettata di aver commesso». È partendo da questa definizione, certo non onnicomprensiva, che risulta utile partire per parlare del volume La tortura in età contemporanea, di Caterina Mazza, dottore di ricerca in Scienza Politica e Relazioni Internazionali al Dipartimento di Studi Politici dell'Università di Torino.

Il libro, in verità, ha anche un sottotitolo: Un sistema relazionale e di potere. Non è dunque difficile comprendere l'impronta del saggio: un'analisi del “sistema-tortura” nel nostro tempo, sistema che, al contrario di quanto i cuori semplici potrebbero pensare, esiste (ancora) ed è pure notevolmente articolato e radicato nella cosiddetta “società civile”.

La tortura in età contemporanea è suddiviso in cinque parti omogenee: la prima, Diverse realtà dietro il termine tortura, si occupa di effettuare un veloce excursus sull'uso e sul (non)senso della tortura nella storia. Da antico strumento di giustizia, atto ad avvalorare testimonianze e fornire presunte prove, a brutale affermazione del potere, a strumento per la repressione del dissenso e l'attacco ai nemici.

Caterina MazzaIl capitolo Due questioni preliminari: definizione e prospettiva traccia le tre grandi tipologie di tortura: fisica, psicologica, sessuale; l'ultima volontariamente disgiunta dalla prima più generale. Questo compendio ci dimostra la grande «professionalizzazione», come la definisce più volte Caterina Mazza, della tortura negli ultimi anni. E proprio a questa «parcellizzazione» della responsabilità, attraverso la descrizione delle varie figure “al lavoro”, è dedicata la terza parte, La tortura: un sistema complesso. Medici, esperti di diritto, ricercatori, scienziati, militari. Sono necessarie un gran numero di specializzazioni e di competenze diverse, da fare reagire assieme, in una sinergia che sia il più “produttiva” possibile. Del resto, esiste un vero e proprio sistema di reclutamento e di addestramento, per diventare torturatori. Mazza individua quattro categorie di “reclute”: giovani socialmente emarginati, carrieristi, opportunisti, ex-insorgenti/ex-terroristi. Quale che sia il contesto di provenienza, le motivazioni, i criteri di selezione, questi individui subiscono, è proprio il caso di dirlo, un processo di ammaestramento (addomesticamento?) in due fasi: basic training e special training. Se nell'ambito del primo acquisiscono competenze teoriche e pratiche riguardanti la resistenza agli interrogatori, il contro-terrorismo e la sopravvivenza in generale, nel secondo step sono sottoposti a quello che viene definito «Processo di trasformazione iniziale»: in quattro fasi, il cadetto viene separato dalla società attraverso la cancellazione dei suoi punti di riferimento, addestrato a regole costrittive e contro-intuitive, assume infine una nuove identità, la quale si sviluppa nella nuova appartenenza al gruppo dei professionisti della tortura.

Gli ultimi due capitoli, Dinamiche all'origine di atti di tortura e Il ruolo degli individui: cosa rende possibile l'inflizione di pene severe? da una parte mettono a fuoco la componente corporea-prossemica della tortura, individuando gli elementi costituenti del rapporto tra persecutore e vittima, anche e soprattutto attraverso il corpo e la voce di entrambi, dall'altra considerano i tre poteri (individuale, situazionale, sistemico) che intervengono nelle dinamiche comportamentali. Per ribadire, se mai ce ne fosse bisogno, che ognuno di noi, in determinate condizioni, può accedere ad azioni apparentemente contrarie o lontane rispetto alle nostre idee e ai nostri principi; per dimostrare che il mondo della punizione violenta e inumana non è poi così lontano dal nostro.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (3 voti)

Commenti

A BUSTO GAROLFO (MILANO - ITALIA), VI SONO INDIVIDUI CHE PRATICANO LA TORTURA IN ACCORDO CON APPARTENENTI A SETTA CHE USA CAVIE UMANE, IN ACCORDO CON PARENTI DELLE VITTIME USANO FARE ESPERIMENTI CON ELETTROMAGNETISMO SU SOGGETTI CHE SONO STATI PRECEDENTEMENTE RESI INERMI. E' UN ORGANIZZAZIONE ESTESA CHE APPLICA FORSE UN METODO CHE SI CONSOLIDA VIA VIA: SECONDO UNA PRASSI GUIDANO LA VITA DELLE PERSONE, LE SELEZIONANO, CONTATANO I PARENTI, I CONOSCENTI, FANNO ALLEANZE, TROVANO TESTIMONIANZE, FABBRICANO PROVE.

CORROMPONO, CIRCUISCONO, SPAVENTANO, ISOLANO. SI INSINUANO IN VARI AMBITI DELLA SOCIETA', CONTROLLANO LE CONDIZIONI DI ESPOSIZIONE DELLA SETTA AL RISCHIO DI ESSERE RICONOSCIUTI COLPEVOLI IN CASO DI DENUNCIA, RENDONO LE VITTIME INCAPACI DI IDENTIFICARE LE RESPONSABILITA', COSTITUISCONO UNA RETE DI RELAZIONI TRA I CARNEFICI, TRA I CRIMINALI, PIU' O MENO COLPEVOLI, ARTICOLANO, INTERFERISCONO, ROMPONO LE RETI DI RELAZIONI DELLE VITTIME.

UNA SETTA CHE VUOLE PERMETTERSI DI AGIRE, PER OTTENERE RISULTATI IN DIVERSI AMBITI DELLA SCIENZA OLTRE IL CONFINE DELLA LEGALITA', NELLA PIU' TOTALE IMPUNITA', CHE OPERA ATTRAVERSO GRUPPI "DISTINTI", GRUPPI CHE HANNO RUOLI DIVERSI ED OBIETTIVI DIVERSI.

UNA SETTA CHE TRASFORMA TUTTI I COINVOLTI IN CRIMINALI SEMPRE PEGGIORI, FANNO ADEPTI, SULLA BASE DEI CRIMINI CHE SONO DISPOSTI A COPRIRE O SUI QUALI SONO ACCONDISCENDENTI, TRA LA GENTE DEL LUOGO IN CUI OPERA E SCELGONO LE VITTIME NELLO STESSO LUOGO.

SELEZIONATE LE VITTIME PIU' ALLA SETTA CONFACENTI, NE SEGUONO IL PERCORSO DI VITA DALLA NASCITA.

TRAMITE UNA RETE AD ALBERO DOVE SEMPRE MENO SONO A CONOSCENZA DI QUANTO AVVIENE AL LIVELLO SUPERIORE, CHE SELEZIONA SULLA BASE DELLA INUMANTITA' DEGLI INDIVIDUI CHE DIVENGONO SEMPRE PIU' CARNEFICI, ORGANIZZANO I "NODI" DI CONVERGENZA DEI RAMI A LIVELLO INFERIORE ALL'INTERNO DELLA RETE TERRORISTA.

TALE RETE HA UNO SFONDO RELIGIOSO PROBABILMENTE, E' ARTICOLATA, SELEZIONANDO VIA VIA I PEGGIORI ESSERI UMANI, DI LIVELLO IN LIVELLO. INDIVIDUANO "STATISTICAMENTE" I CASI IN CUI OPERARE PER PORTARE AVANTI ESPERIMENTI "NAZISTI" (FORSE MOLTI APPARTENENTI ESCONO DA IDEOLOGIE POLITICHE ANCHE OPPOSTE MA NON AVVEZZE A COMMETTERE TORTURE ED ESPERIMENTI SU UMANI).

COSTRUISCONO NEL PERIODO DELLA INTERA VITA DELLE PERSONE LE CONDIZIONI MIGLIORI PER OPERARE, CREANDO PIU' SPONDE E CAPRI ESPIATORI, SELEZIONANO I SOGGETTI CHE VERRANNO SEGUITI FINO A QUANDO DA ESSI TROVERANNO NUOVE CAVIE, DI FIGLI IN FIGLI, APPLICANO IL METODO, LE VITTIME DIVENGO O CARNEFICI E FORSE PARTE DELLA SETTA OPPURE VITTIME CON ANCORA MINORI POSSIBILITA' DI COMPRENDERE QUANTO AVVIENE E DENUNCIARE.

VITTIME E CARNEFICI SI TROVANO A VIVERE UN CLIMA PROPRIO DELLE PEGGIORI DISTOPIE RENDENDO I CARNEFICI PIU' INCLINI AD ESSERE PEGGIORI CONSIDERATO IL CLIMA DA INCUBO E LA NATURALE TENDENZA AD OTTENERE MAGGIORE POTERE, LE VITTIME SEMPRE PIU' ISOLATE ED IMPOTENTI AD AGIRE.

UNA SETTA CHE SI FONDA SULLE MENZOGNE, SULLA IGNORANZA, SULLA PREVARICAZIONE. UNA SETTA CHE PRENDE I PEGGIOR ASPETTI DALLE VARIE TIPOLOGIE SETTARIE, SATANISMO INCLUSO; UNA SETTA DOVE LE CASACCHE INDOSSATE VANNO OLTRE LE IDEOLOGIE POLITICHE, DOVE CHI VI APPARTIENE SI DIPINGE, AL MONDO ESTERNO ALLA RETE, APPOGGIANDOSI ALLA SETTA STESSA, IN UN MODO DIAMETRALMENTE OPPOSTO A QUELLO CHE E'. IL CATTOLICO, UN SATANISTA, IL PARTIGIANO, L'OPPOSTO.

GLI ADEPTI TANTO PIU' SONO IN ALTO I DEMONI SI DIPINGONO ANGELI, CHI STA ALLA BASE QUASI NEMMENO DEVE ACCORGERSI DI ESSERE DIVENUTO PARTE DI UNA ESTESA RETE, AL PUNTO DA PENSARE CHE LA RETE DA EGLI CONOSCIUTA L'ABBIA CREATA LUI CON QUELLI DI PARI LIVELLO, UNA SETTA DOVE CHI HA UN RUOLO AD UN CERTO LIVELLO, DOVE CHI E' DISPONIBILE A CERTE ATROCITA', FA DA COLLEGAMENTO AD UN GRUPPO PIU' RISTRETTO DI INDIVIDUI.

E' UNA SETTA CHE HA RAMIFICAZIONI NEL TRAFFICO DELLA PROSTITUZIONE, NEL TRAFFICO DI ESSERI UMANI, NEL TRAFFICO ILLEGALE DI SOSTANZE CHIMICHE E FISICHE, UNA SETTA DOVE GLI ADEPTI NEMMENO SI DEVONO RENDERE CONTO DI CHI E' DA COLLEGAMENTO AD UN LIVELLO SUPERIORE.

USANO TECNOLOGIE SPERIMENTALI, USANO TECNOLOGIE TENUTE SEGRETE ED IL CUI SVILUPPO E' PORTATO AVANTI DAGLI STESSI APPARTENENTI ALLE SOTTO-RETI NELL'ALBERO GENERALE, OGNI GRUPPO E' USATO DAL LIVELLO SUPERIORE, PER TRATTARE DETERMINATI CASI E TECNOLOGIE, E' INDIRIZZATO A PORTARE AVANTI DETERMINATI ESPERIMENTI, UNA SETTA DOVE IL GRUPPO AL LIVELLO INFERIORE CREDE DI ESSERE RESPONSABILE ED INDIPENDENTE DI QUANTO COMMETTE, TRANNE UNA INDIVIDUO CHE E IL SOLO O UNO DEI POCHI INDIVIDIUI DI COLLEGAMENTO ALLA RAMIFICAZIONE PIU' VICINO ALLA RADICE.

UNA SETTA CHE SELEZIONA I LIVELLI E LE RELAZIONI, GLI ADEPTI, NEI SECOLI; UNA SETTA DOVE I FUTURI EVENTUALI CAPRI ESPIATORI SONO EVENTUALMENTE APPARTENENTI STESSI ALLA RETE DI CARNEFICI E FINANCHE VITTIME RICATTATE.

UNA SETTA CHE LIMITA IL PROGRESSO, CHE OPERA PER OTTENERE CONOSCENZE FARLE FLUIRE ALLA SOMMITA' DOVE OGNI LINK AL LIVELLO SUPERIORE STABILISCE POI IL FUTURO DEGLI ALTRI APPARTENENTI A QUEL TRATTO DELLA RETE, FINO ALLA SOSTITUZIONE ED ALLA TRASFORMAZIONE DEGLI ALTRI IN VITTIME IN UN TEMPO DELLA VITA DIVERSO. UNA SETTA DOVE LE CONOSCENZE TECNICHE ACQUISITE VENGONO TRATTANUTE, MESSE A CONOSCENZA DEL VERTICE TRAMITE GLI INDIVIDUI DI COLLEGAMENTO TRA I VARI LIVELLI DELLA RETE AD ALBERO E FATTE FLUIRE FINO AL VERTICE CHE DECIDE QUANDO QUESTE DIVERRANNO DI DOMINIO ALL'ESTERNO DELLA RETE.

UNA SETTA DOVE CHI È PARTE DI UN GRUPPO AD UN LIVELLO NON SA CHI ALTRI SIA PARTE DI UN'ALTRO GRUPPO AL MEDESIMO, UN SISTEMA PER ELIMINARE I GRUPPI CHE SI SONO TROPPO ESPOSTI, UN SISTEMA PER FAR SGANCIARE TUTTI I LIVELLI IFERIORI AD UN CERTO GRADO, DA UN GRUPPO DA ELIMINARE, ED AGGANCIARLI AD UN ALTRO TRAMITE UN'ALTRO INDIVIDUO DI COLLEGAMENTO.

E' UNA SETTA CHE CERCA GLI INDIVIDUI O LE FAMIGLIE CHE IN UN DATO PERIODO SONO NELLE CONDIZIONI MIGLIORI PER ACQUISIRE DETERMINATE CONOSCENZE SCIENTIFICHE IN QUANTO INSERITE IN DETERMINATI AMBITI, SELEZIONANDO NUOVI CARNEFICI E NUOVE VITTIME.

UNA SETTA DOVE OGNI GRUPPO NON PUO' CREDERE VI SIA UN LIVELLO SUPERIORE TRANNE CHI NEL GRUPPO E' SELEZIONATO COME COLLEGAMENTO, UNA SETTA CHE SI RIPULISCE DA SE DELLE COMPONENTI PIÙ ESPOSTE.

A BUSTO GAROLFO VI E' UN GRUPPO, CHE FORSE HA LEGAMI CON IL FASCISMO E NAZISMO, CHE MI USA COME CAVIA. UN GRUPPO CHE FORSE DIVERRA ESSO STESSO "VITTIMA" RICATTATA, O LO E' GIA': USANO L'ELETTROMAGNETISMO, CEM E LASER O MASER, INFRASUONI, ULTRASUONI. COLPISCONO LA VITTIMA (E) LA RENDONO INCAPACE E DISORIENTATA, SE UTILI VENGONO USATI PER FARE ALTRI ESPERIMENTI SULLA VITTIMA. FINO A CHE POSSONO SFRUTTANO IL CORPO INERME.

USANO COLPIRE L'ORGANISMO DELLA VITTIMA E SPERIMENTARE SU DI ESSO GLI EFFETTI DELL'ELETTROMAGNETISMO (MICROONDE, TERAHERTZ, RAGGI X, ONDE LUNGHE INTENSE, DELLA PRESSIONE, LO TRACCIANO, LO SEGUONO, LO ISOLANO, LO ATTACCANO IN OGNI ASPETTO, "STUDIANO" IL METABOLISMO IL CERVELLO, STUDIANO COME DISUMANIZZARE, FALLISCONO. I CARNEFICI SEMPRE PIU' RICATTABILI, LE VITTIME SEMPRE PIU' INERMI. CHI INDAGA PUO' DIVENIRE VITTIMA OPPURE CARNEFICE, DIFFICILMENTE RIESCE A PUBBLICARE LA VERITA'.

SPIANO NELLA VITA, CONTROLLANO COMUNICAZIONI ILLEGALMENTE, CONTROLLANO CHI E' NELLE ABITAZIONI, USANO RADIAZIONI IONIZZANTI E NON PER VEDERE IN BACKSCATTERING NELLE ABITAZIONI, USANO L'INTERAZIONE TRA CAMPI MAGNETICI E MAGNETISMO DEL CORPO UMANO, USANO METODI DI TRILATERAZIONE TRA RILEVATORI DI INFRASUONI IN RAPPORTO ALL'INTENSITA' RILEVATA AI VERTICI, USANO REGISTRARE LA VARIAZIONE D'INTENSITA' DI RADIAZIONE, A DETERMINATE FREQUENZE, RILEVATA DA PIXEL DI UN SENSORE PUNTATO SEMPRE NELLA STESSA DIREZIONE SULLO STESSO SOGETTO (L'ABITAZIONE),

NEGLI ULTIMI TEMPI SEMPRE PIU' SETTE SI DIFFONDONO O VENGO "INDOTTE" A DIFFONDERSI NELLE ISTITUZIONI E FORZE DELL'ORDINE, TRA CRIMINALI COMUNI, TRA PROFESSIONISTI.

UNA SETTA DOVE I CRIMINI VENGONO FATTI PASSARE AL PUBBLICO COME BRAVATE O TRAGICI ERRORI, DOVE LA RAMIFICAZIONE ED IL VASTO NUMERO DI COMPETENZE PROFESSIONALI E DI INCARICHI NELLA SOCIETA', FUNGE DA "GARANZIA" ALL'IMPUNITA'.

UNA SETTA DOVE I TRADIZIONALI GRUPPI CRIMINALI VENGONO UTILIZZATI COME BRACCIO "INCONSAPEVOLE" DELLA RETE, DOVE I GRUPPI CRIMINALI PIU' ESPOSTI E MENO AUTO-DIFENDIBILI VENGONO USATI PER LE OPERAZIONI PIU' RISCHIOSE.

INFLUENZANO L'ECONOMIA, L'ACCESSO ALLE CONOSCENZE, IL BENESSERE, LA SALUTE: NON CEDETE AGLI SCAMBI DI FAVORI NON COMINCIATE A DIVENIRE PARETE DI QUESTA RETE NE COME VITTIME, OVVIAMENTE, NE COME CARNEFICI.

ATTENTI ALLA GUERRA, QUELLA CIVILE, QUELLA TRA SETTE, QUELLA TRA FAMIGLIE.

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.